header i-Italy

You chose: pizza

  • Parla il proprietario della famosa pizzeria di New York, Ribalta. L'arte del pizzaiuolo napoletano è patrimonio culturale dell'Umanità. Il iconoscimento dell'Unesco è alla cultura di una città millenaria, come Napoli che trova la sua massima espressione proprio li, su un bancone di una pizzeria. E questa volta Napoli, l'Italia hanno fatto squadra per raggiungere il risultato. Pizzaioli, Produttori della filiera, Associazioni, Agricoltori, Giornalisti, persino i politici, tutti uniti fino alla vittoria.
  • Il cibo più povero di Napoli è diventato patrimonio immateriale dell’Umanità riconosciuto dall’Unesco. Anzi, per la precisione, l’arte di prepararlo e di cuocerlo, l’Arte del Pizzaiolo Napoletano. Può sembrare un sofisma ma in realtà è una differenza sostanziale perché il successo di Seul non ha un riflesso concreto, pratico, sull’attività delle pizzerie, non è un marchio di certificazione, per essere chiari. Ha lo stesso valore di tutela di un monumento, di un centro storico, di un paesaggio, di una comunità. E la responsabilità di questa tutela è degli Stati nazionali, l’Italia tocca quota 54 da ieri, che devono appunto preservare questo bene per le generazioni future.
  • Lo scugnizzo è il simbolo delle nuove generazioni di pizzaioli. Quelle che adesso dovranno difendere e mantenere il riconoscimento ottenuto all’Onu. C’è un momento in cui l’arte del pizzaiolo napoletano ha iniziato il suo percorso verso il riconoscimento come patrimonio immateriale dell’umanità dell’Unesco? Lo scugnizzo è il simbolo delle nuove generazioni di pizzaioli. Quelle che adesso dovranno difendere e mantenere il riconoscimento ottenuto all’Onu.Quando è stato ideato il primo forno a bocca di luna per avere una cottura più rapida e violenta? Oppure è stato il salto di qualità delle farine studiate vent’anni fa dal Mulino Caputo che hanno reso possibile stendere il panetto oltre ogni immaginazione prima che si rompesse? O forse quando si riunirono i fondatori dell’attuale Associazione Verace Pizza Napoletana per fissar ele regole che avrebbero portato al riconoscimento del marchio europeo Stg?
  • Dining in & out
    Letizia Airos(December 04, 2017)
    Interview with Gino Sorbillo, who recently opened a new pizzeria in New York. During our conversation, Sorbillo tells us about Naples and New York, and we touch upon many different topics, such as his dreams, Mayor de Blasio visiting his pizzeria, singer Pino Daniele, his father’s family of 20 pizza makers, young people leaving Naples, his stubbornness, and communication.
  • Intervista con Gino Sorbillo. Ha da poco aperto una nuova pizzeria a New York e si racconta tra Napoli e New York. Nella nostra conversazione tanti temi come: la visita del sindaco Bill de Blasio nel suo locale, la sua città, i sogni, Pino Daniele, la famiglia di suo padre con 20 fratelli pizzaioli, i giovani che lasciano Napoli, la sua testardaggine, la sua comunicazione….
  • Una storia avventurosa e romantica quella di Domenico De Marco detto “Dom”, che nel 1959 si trasferì da Caizzo, in provincia di Caserta, a Brooklyn nel periodo d’oro dell'emigrazione italiana dopo la seconda guerra mondiale. Un uomo semplice che è riuscito a fare della sua storica pizzeria “Di Fara”, una leggenda e la meta di artisti come Tony Bennett, Ed Sheeran e Leonardo di Caprio. E poi, news molto importante, è anche il vincitore di 50 Top Pizza a New York con il premio New York Style.
  • How is Italian gastronomy really doing? What are its future prospects in terms of internationally trading our products and culinary specialties, in particular pizza? We were able to speak about it with Luciano Pignataro, who is a renown journalist from Il Mattino, a food expert and critic, and the founder of the very popular Luciano Pignataro Wine & Food Blog, on the occasion of the New York’s leg of “Le Strade della Mozzarella” event.
  • Are you looking for the best pizzerias around the world? Fortunately, a brand-new handy guide is on its way. On June 30th, within the framework of the Le Strade Della Mozzarella (LSDM) event, New York’s Ribalta Pizzeria Restaurant hosted the presentation of the new guide "50 Top Pizza," which looks to rank the best pizzerias worldwide. It is set to be launched on July 20th and was created by journalist, food expert, and blogger Luciano Pignataro and founders of LSDM Barbara Guerra and Alberto Sapere. During the presentation, 50 Top Pizza announced the nominees and winners of its International Awards, which were conferred to some of the best pizzerias across the globe.

Pages