header i-Italy

Articles by: Maria rita Latto

  • Events: Reports

    Pino Daniele: Neapolitan, Italian, and World Citizen

    ITALIAN VERSION >>

    This past March, Pino Daniele released La Grande Madre [The Great Mother]. Daniele is the Italian singer and songwriter, who for more than thirty years has been at the top of the Italian music charts. Pino Daniele’s image graces the CD’s cover: a 50 year-old kid who despite a long and distinguished career is still ready to travel the streets of the world armed only with his guitar and his music. We caught up with him by telephone during the tour that’s taking him through Italy and then overseas to New York (Apollo Theatre, June 7), Boston (Berklee Performance Center, June 9), and Washington, DC (Jazz Festival, June 10).
     

    Two years after his last, his new album entitled La Grande Madre [The Great Mother] has just been released. He explains where the idea came from: “It’s a record that’s connected to the blues but also to the Mediterranean. The Great Mother refers to the Earth as well as our roots. The Great Mother is energy generating; it’s the Earth that we should respect, help, and preserve through small measures. It’s also the mixed blood of music. Italy is the center of the Mediterranean. Its culture has not only been affected over time and influenced by Arab as well as African and European music, but also by the blues and American music. All of this is part of our modern musical culture. All of this, for me is ‘The Great Mother.’”
     

    The CD is presented very well. Included is a booklet that is a true 80-page manifesto with lyrics, scores, new and old photos, thoughts, and complete biography of the Neapolitan singer-songwriter, with everything written in both Italian and English as if to underscore the international flavor of his music. “It’s not just a musical product,” he says with pride, “but it’s also the artist’s statement, of what he has done, which path he has chosen. I wanted to make the most of the booklet because it can be a tangible object, just as vinyl LPs once were. Because I wanted to add something extra I also included the songs’ scores.”
     

    The song “Melodrama” opens the album, an unconventional song with a mix of Italian bel canto and contemporary rock music, composed, perhaps, by thinking back to 1998. That was the year that he met the great Luciano Pavarotti in Modena, when Daniele’s hit song “Napule è” was reinterpreted by the opera great. Daniele, in fact, confirms this. “It’s a memory of my meeting with Luciano, who inspired my love for classical music. For a long time I had wanted to compose a song that had the classic elements and at the same time was characterized by an international sound.” And “international” is the term that perfectly describes Pino Daniele’s music, especially since his is always willing to collaborate with artists from all over the world, and in Pavarotti’s case, with artists from almost any genre. On this album, in particular, in addition to eleven new songs there’s also cover of “Wonderful Tonight” by Eric Clapton, inspired by a meeting with the great blues master. “Clapton had invited me to play at the Crossroads Festival two years ago in Chicago. It was a wonderful experience, personally and professionally. In the summer of 2011 at Cava dei Tirreni, we met at one of my concerts and I asked his permission to reinterpret “Wonderful Tonight.” Since I don’t do well with English, I translated it into Italian. Meeting a great artist like him was such an extraordinary experience for me; it gave me the opportunity to challenge myself and grow.”

    The Great Mother is an album with songs that not only speak of love but, as we have seen from the title, also imparts important messages. “Searching for the Water of Life,” a song composed by Kathleen Hagen was written to support the charitable organization Save the Children’s “Every One” campaign. “It’s a modest way of doing something through music, in this case by trying to end infant mortality,” Daniele says.  
     
     

    This album, perhaps more than any other, reflects the Neapolitan artist’s desire to communicate, to improvise, and most especially to travel. And it’s not just a trip through musical notes, but also through memories, encounters, and language. “This is a record in so many languages. There is also a particular language, Parlesìa, which was used Naples by both orchestra and street musicians alike. My friend Enzo Aviatabile is an expert on this mysterious language so I asked him for a short guide which I then published and included with the CD.”
     
     

    Daniele explains that the song “O Fra” attempts to rediscover the language of Parlesìa. Through its rhythm, the song “O Fra” seems to connect the desire to improvise to another song, “Coffee Time.” “Yes, this is a song a little ‘New York,’ since at the moment my back up band is mostly comprised of musicians who are from there. In ‘Coffee Time’ there’s a connection between the U.S. and Naples; it’s a jazz piece with shades of Naples. In my world there is a tendency to adapt certain types of music to my personality.”
     
     

    With The Great Mother Pino Daniele makes a big move, joining other artists who have bid farewell to major music companies in favor of producing records on their own. “It’s a challenging step, even economically speaking. But being an artist always means starting at the beginning, always questioning. For me it was important to have the freedom to do what I wanted, not having to depend on the judgment of people who only want to sell but who don’t know what it means to create. I admit that I’m exaggerating,” Daniele says with a laugh, “but it’s worth it. I wanted to collaborate with great musicians. (Many major international artists appear on the album, including Steve Gadd on drums, Chris Stainton on piano, and Mel Collins on sax. ---Eds.) I managed to make a CD that is also a book.”

    At this point we must ask him what it means to be an artist in Italy in 2012. “The problem with music in Italy today is that there is cultural impoverishment. We must not give up on this. We can’t let our guard down but instead intensify our efforts to make something of quality. It’s hard, it’s difficult, but it’s the best way, the one that we can be proud of. A quality Italian product is a beautiful thing. It sounds banal, but music is my life. I like looking at and listening to other artists to understand other points of view, to learn new perspectives. It’s an ongoing process of renewal and growth.”

    The tour, which began in March, has no stage gimmicks. This is what Daniele wanted. On stage, it will be only be him, his band, and his music. We asked if there will be any differences between the U.S. tour and the Italian one. “There will be more songs that reflect who I am today, but also older songs that have defined me. We’ve played the Apollo Theatre before and it went well. I hope to repeat that experience, although I still want to be discovered by those who have never heard my music, especially third-generation Italian Americans who might think that Italian music is what their grandparents listened to. All over the world, as well as here in the United States, Italy is only known for the bel canto, when in reality we also produce excellent modern music, from blues to rock and jazz. Now we’re all in the same place with the globalization of music, even though I have always believed that music has no boundaries. Nowadays we are all very close, especially through the Internet.”

    There’s time for one last question about where Pino Daniele is today, in terms of his origins and as a Neapolitan. “There are songs that I still play that connect me to my memories of just starting out. These songs have marked my musical career; they’re based on the melody of traditional Neapolitan songs and have taken me around the world. It’s a beautiful thing when I play a song from back then; I always feel a twinge of emotion, yet every time it’s in a different key and the song is never the same. Naples is always inside of me. Today my city is following its own path to preserve its traditions while it seeks to become a modern city like all other historic cities throughout Europe. It has its own set of difficulties in adjusting to a new world. It’s a city at the center of the Mediterranean that’s trying to keep up with the times while preserving its heritage and cultural capital.”

    Pino Daniele: Neapolitan, Italian, and  World Citizen.
     

    Contest "Pino Daniele in New York"
    An image, a story, or a video for Coffee Time >>

    DON'T MISS PINO DANIELE & JOHN TURTURRO AT CASA ITALIANA TOO
    On June 6 at 6 pm Casa Italiana Zerilli-Marimò will open its doors to two artists from different backgrounds and nationalities, but with a shared love and a lot to say about it. The artists are Pino Daniele, Neapolitan singer and songwriter, and John Turturro, Italian-American actor and director. Their shared love is for Naples and for its very specific musicality.

    Stefano Albertini, Director of Casa Italiana, Massimo Gallotta, Producer and Letizia Airos, Editor in Chief of i-Italy, will converse with Daniele and Turturro about the importance of Naples as a source of inspiration for both, and about their collaboration in Turturro’s movie “Passione,” which features the famous hit song “Napule è” by Pino Daniele, released in 1977 and considered as one of the most powerful declarations of love to Naples ever sung.

    Analyzing the importance of Naples as a source of artistic inspiration, Turturro’s “Passione” is a remarkable case-study: the Italian-American director decided to embark on a journey of discovery of Naples’ music and musicality. From the “bel canto” tradition to the newest popular sounds, Turturro documents the immense cultural heritage of Neapolitan music, and does so by directly involving Neapolitan artists in the process. Among these artists is Pino Daniele.

    The sound of Naples permeates the musical DNA of Pino Daniele, from the debut album “Terra Mia” to the latest works. His songs echo Mediterranean vibrations, mixing the Neapolitan dialect’s peculiar musicality to influences from different genres. The result is a unique “world music” sound, his creative hallmark, also characterizing his latest record, “La Grande Madre,” released last March, about which Daniele will answer questions at Casa Italiana.

    The event will take place on the eve of Pino Daniele’s first US concert for 2012. On June 7, the artist will perform at the legendary Apollo Theater in Harlem, New York, where he will present the American audience with tracks from his new album.

  • Arte e Cultura

    Pino Daniele, napoletano, italiano e cittadino del mondo

    ENGLISH VERSION >>

    Lo scorso mese di marzo è uscito “La Grande Madre”, il nuovo album di Pino Daniele, cantautore italiano da oltre trentacinque anni ai vertici della musica di casa nostra. Già dall'immagine di copertina appare Pino Daniele oggi: un “ragazzo” di cinquantasette anni che nonostante una lunga e onorata carriera è ancora pronto a viaggiare per le strade del mondo con la sua chitarra e la sua musica come unico bagaglio. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente durante un tour che lo sta portando in giro per la penisola e che a giugno si sposterà oltreoceano, aNew York (Apollo Theatre, 7 giugno), a Boston (Berklee Performance Center, 9 giugno) e a Washington, DC (Jazz Festival, 10 giugno).
     

    A due anni dal suo ultimo disco è arrivato questo album dal titolo molto suggestivo, “La Grande Madre”. Ci spiega da cosa è nata questa idea: “Essendo un disco legato al suono blues ma anche mediterraneo, “La Grande Madre” è riferito alla Terra, ma anche alle nostre radici. La Grande Madre è la ricerca dell’energia generatrice, è la Terra che noi dovremmo rispettare, aiutare e conservare, con piccoli sforzi. E' anche il sangue misto della musica: l'Italia è al centro del Mediterraneo, la sua cultura ha risentito nel tempo dell'influsso della musica araba, africana, europea, ma anche del blues e della musica americana. Tutto questo fa parte della nostra cultura musicale moderna. Tutto questo per me è “La Grande Madre””.

     Il cd si presenta benissimo: ha in allegato un booklet che è un vero e proprio “manifesto” di  ben ottanta pagine a colori con i testi delle canzoni, gli spartiti, foto vecchie e nuove, pensieri, l’intera biografia del cantautore partenopeo, il tutto scritto sempre in italiano e in inglese, quasi a voler sottolineare il carattere internazione della sua musica. “Non è solo un prodotto discografico -dice lasciando trasparire un certo orgoglio- ma anche la presentazione di un artista, di cosa ha fatto, di quello che è stato il suo percorso. Ho voluto valorizzare al massimo il libretto perchè possa essere un oggetto, come lo erano un tempo gli Lp in vinile. E per aggiungere valore ho voluto ci fossero anche gli spartiti delle canzoni”

    Apre l'album “Melodramma”, brano non convenzionale in cui c'è un mix tra il bel canto italiano e la musica rock contemporanea, forse composto ripensando al 1998, anno dell'incontro col grande Luciano Pavarotti avvenuto a Modena, al Pavarotti & Friends, quando “Napule è”, grande successo di Pino Daniele, fu reinterpretata in chiave lirica dal grande Maestro. E infatti il cantautore conferma: “E' un ricordo del mio incontro con Luciano, da cui è nato il mio amore per la musica classica. Era da tempo che volevo comporre una canzone che avesse i requisiti classici e allo stesso tempo fosse caratterizzata da un suono internazionale”.

    E “internazionale” è il termine che calza a pennello per definire la musica di Pino Daniele, da sempre disponibile a collaborare con artisti di ogni parte del mondo e, come nel caso di Pavarotti, apparentemente lontani dal suo mondo musicale e non solo. In quest'ultimo album, in particolare, oltre a undici brani inediti, c'è una cover di “Wonderful Tonight” di Eric Clapton, pensata dopo un incontro con il grande maestro del blues: “Clapton mi aveva invitato a suonare al Crossroads Festival di due anni fa, a Chicago. È stata un'esperienza meravigliosa, umana e professionale. Quando, nell'estate 2011 a Cava dei Tirreni, ci siamo incontrati per un mio concerto, gli ho chiesto il permesso di fare la sua “Wonderful Tonight”, e siccome con l'inglese non me la cavo molto bene, l'ho tradotta in italiano. Incontrare un grande artista come lui è stata per me un'esperienza straordinaria, mi ha dato la possibilità di mettermi a confronto con esperienze diverse e crescere”.

     

    “La Grande Madre” è un album con dei brani che non parlano solo d'amore ma che, come abbiamo visto già dal titolo, vogliono comunicare messaggi importanti. Basti pensare a “Searching for the water of life”, brano composto da Kathleen Hagen a sostegno dell'associazione Save the children per la campagna “Every One”.   “E' un piccolo modo per fare qualcosa attraverso la musica, in questo caso per dire basta alla mortalità infantile”, ci dice Pino Daniele.
     

    Questo album, forse più degli altri, riflette la voglia dell'artista partenopeo di comunicare, di improvvisare e soprattutto di viaggiare. E il suo non è soltanto un viaggio attraverso le note, ma anche attraverso i ricordi, gli incontri e il linguaggio: “Questo è un disco in tante lingue, e c'è anche questa lingua particolare, la Parlesìa che era un linguaggio usato a Napoli dagli orchestrali e dai musicisti di strada, dai posteggiatori. Il mio amico Enzo Aviatabile è un grande conoscitore di questa lingua misteriosa, per questo gli ho chiesto una scheda che poi ho pubblicato nel disco. Nel brano “O Fra” -spiega Pino Daniele- c'è la riscoperta della Parlesìa”.
     

    Proprio il brano “O fra” sembra collegarsi per il ritmo e per la voglia di improvvisare ad un altro brano, “Coffee Time”: “Sì, questo è un brano un po' “newyorkese”, dal momento che la band che mi accompagna è prevalentemente formata da musicisti che provengono da quella città. In “Coffee Time” c'è il collegamento tra gli Stati Uniti e Napoli, è un pezzo jazz con sfumature napoletane. Nel mio mondo c'è la tendenza ad adattare certi tipi di musica alla mia personalità”. 
     

    Con “La Grande Madre” Pino Daniele fa un grande passo, entrando nel novero degli artisti che hanno detto addio alle major discografiche producendosi da soli: “Un passo impegnativo, anche economicamente parlando. Però essere artisti per me significa ricominciare sempre daccapo, mettersi sempre in discussione, e per me era importante avere la libertà di fare quello che volevo, di non dover dipendere dal giudizio di persone che si occupano di vendere ma non sanno cosa vuol dire creare. Ammetto di avere esagerato -dice Pino Daniele ridendo- ma ne è valsa la pena. Ho voluto la collaborazione di ottimi musicisti (tra gli altri c'è il supporto di grandi artisti internazionali , tra i quali Steve Gadd alla batteria, Chris Stainton al piano e Mel Collins al sax, ndr) e sono riuscito a fare un cd che è anche un libretto”.  
     

    A questo punto non si può non chiedergli cosa significa essere un artista nell'Italia del 2012: “Il problema della musica nell'Italia di oggi è che c'è un impoverimento culturale. Per questo bisogna non mollare, non abbassare la guardia ma intensificare gli sforzi per fare qualcosa di qualità. E' duro, è difficile, ma è la strada migliore, quella che ci fa onore. Un prodotto italiano di qualità è una bella cosa. Sembra banale, ma la musica è la mia vita e poi mi piace anche il confronto con altri artisti, per capire altri punti di vista, per conoscere nuove prospettive. E rinnovarmi sempre, crescere sempre”. 
     

    Il tour, iniziato a marzo, per scelta di Pino Daniele non ha alcun espediente scenico. Sul palco ci saranno solo lui, la sua band e la sua musica. Gli chiediamo se nel tour americano ci saranno dei cambiamenti rispetto a quello italiano: “Ci saranno più brani che rispecchiano il mio modo di essere di oggi, ma anche brani storici che mi hanno caratterizzato. Abbiamo già suonato all'Apollo Theatre ed è andata bene. Spero di ripetere l'esperienza di allora, anche se desidero farmi conoscere da chi non mi ha mai sentito suonare, ma in particolar modo dalla terza generazione di italoamericani che magari pensa che la musica italiana sia quella che ascoltavano i loro nonni. In tutto il mondo, e quindi anche negli Stati Uniti, dell'Italia si conosce solo il bel canto, mentre in realtà qui da noi si fa anche dell'ottima musica moderna, dal blues, al rock o al jazz. Ormai siamo tutti dello stesso posto c'è la globalizzazione della musica, anche se io ho sempre creduto che la musica non abbia confini. Al giorno d'oggi siamo tutti vicinissimi, soprattutto grazie a internet”.
     

    Resta il tempo per un'ultima domanda su cosa ci sia oggi in lui del Pino Daniele delle origini e soprattutto di Napoli: “Ci sono le canzoni che ancora continuo a suonare e il ricordo di un inizio che ha segnato il mio percorso basato sulla melodia partendo dalla canzone napoletana e che poi mi ha portato in giro per il mondo. E' una bellissima cosa quando suono un brano di allora, sento sempre un pizzico di emozione, eppure ogni volta c'è una chiave diversa, il brano non è mai lo stesso. Napoli è sempre dentro di me. Oggi la mia città sta seguendo un suo percorso pur conservando le proprie tradizioni, cerca di essere una città moderna come tutte le città storiche europee, ma ha una difficoltà a adeguarsi al nuovo mondo che sta venendo fuori. Essendo una città al centro del Mediterraneo cerca di stare al passo coi tempi pur conservando la sua cultura che è anche il suo patrimonio”. 
     

    Parola di Pino Daniele, napoletano, italiano e cittadino del mondo.  

    Contest "Pino Daniele in New York"
    An image, a story, or a video for Coffee Time >>

  • Arte e Cultura

    Addio a Lucio Dalla, grande voce della musica italiana

    La notizia si sparge rapida a metà mattinata e immediatamente su media e web la morte di Lucio Dalla innesca un viaggio nella memoria collettiva fatto di nostalgia e ricordi. E’ una giornata molto triste per la musica italiana: con Lucio Dalla se ne va non soltanto uno dei più grandi cantautori della musica popolare italiana, ma anche un artista a tutto tondo, un talento innato con un curriculum di tutto rispetto, animato dal desiderio di sperimentare, duettare, divertirsi, scoprire nuovi talenti.

    E’ soprattutto una giornata triste per ognuno di noi cresciuto con le sue canzoni. Con Dalla se ne vola via un altro pezzo di cuore della nostra Italia, oltre che una parte di noi, della nostra giovinezza. Una grande tristezza assale tutti coloro che associano le canzoni di Dalla a momenti della propria vita, che le hanno cantate con gli amici, che le hanno condivise con i propri figli. Sono canzoni che non moriranno mai perché parlano di noi, dei nostri sentimenti, della nostra storia, di vicende piccole e grandi, personali e collettive, canzoni che tutti continueranno a cantare.

    E sulle note dei successi di Dalla, che dall’annuncio della morte imperversano sui media, parte l’onda dei ricordi che va indietro nel tempo, fino ad arrivare all’esordio ufficiale al Festival di Sanremo del 1971, un Sanremo ancora in bianco e nero, intriso di musica “ye-ye” frutto dell’onda lunga degli anni Sessanta appena finiti. Tutti noi, abituati allo stereotipo del cantante belloccio, spesso urlatore, maestro nel proporre in tutte le salse la combinazione “cuore-amore”, rimanemmo spiazzati davanti a quell’omino buffo, irsuto, col basco in testa, che cantava la poesia in musica di “4 Marzo 1943”. Una melodia struggente faceva da sottofondo ad una canzone poco sanremese che narrava la storia di una ragazza madre, un testo a tratti crudo ma tanto reale, che mostrava l’esistenza di un’Italia diversa, lontana da quella “istituzionale”, perbenista, cattolica e democristiana. Il testo della canzone di Dalla creò parecchi sussulti e fece scattare l’inevitabile (al tempo) censura, a cominciare dal titolo.

    Infatti l’idea originale, “Gesù Bambino” era considerata blasfema nell’Italia di allora. Ecco quindi la soluzione alternativa di prendere la data di nascita di Dalla, 4 Marzo 1943, ed usarla come titolo.  La censura si abbattè, inesorabile, anche sui versi della poetessa Paola Pallottino e “i ladri e le puttane” diventarono “la gente del porto”. Eppure la maggior parte degli italiani capì, si intenerì e si affezionò alla storia di “4 Marzo 1943” che ottenne un insperato terzo posto. Lucio Dalla tornò a Sanremo l’anno successivo con “Piazza grande”, un’altra canzone fuori dagli schemi abituali, un elogio della libertà estrema dei clochard e la celebrazione della piazza più importante della sua città, Bologna.

    Tra i ricordi in bianco e nero di noi adulti di oggi e bambini di allora resta la sigla del programma per ragazzi “Eroi di cartone” del 1972. Indelebile è la voce del grande Lucio che in “Fumetto” rievocava in chiave jazz i nostri beniamini: Nembo Kid, Asterix, Charlie Brown, Snoopy danzavano davanti ai nostri occhi sognanti, in una melodia semplice e accattivante.  Da Sanremo in poi la carriera di Lucio Dalla prosegue e dà un notevole contributo all’innovazione della musica d'autore italiana. Basti pensare ai dischi in collaborazione col poeta bolognese Roberto Roversi, permeati di impegno politico, alla sua continua sperimentazione, ma anche al suo non essere un artista chiuso in se stesso, anzi, sempre pronto a collaborare, a confrontarsi con linguaggi musicali differenti.   

    Il 1977 è un anno chiave nella carriera di Lucio Dalla che diventa cantautore a tutti gli effetti, firmando testi e musica dell’album “Com’è profondo il mare” che segna anche il passaggio a temi meno politici e più personali, a volte irriverenti, come in “Disperato Erotico Stomp”, racconto divertente e divertito di passioni leggere e irrefrenabili. Fino ad arrivare al 1979, anno dell’exploit di “Lucio Dalla”, album che resterà nella storia della carriera del cantautore bolognese e nelle piccole storie di tanti diciottenni di allora che non smettevano di ascoltare e cantare “L’anno che verrà”, un vero e proprio inno delle giovani generazioni di allora, oppure la tenera “Anna e Marco” e ancora “Cosa sarà”, primo duetto che anticiperà la collaborazione con Francesco De Gregori in “Banana Republic”.

    Quest’ultimo album documenterà un tour di grande successo attraverso gli stadi italiani dei due cantautori insieme a Ron, altro storico collaboratore di Lucio Dalla. Come non ricordare la scanzonata  “Ma come fanno i marinai”, ennesimo hit firmato da un Dalla in piena vena creativa?  Dopo “Banana Republic” arriva un momento di stasi, si chiude una fase della carriera musicale di Lucio Dalla, fino ad arrivare al  1986, anno di “Caruso”, successo planetario, ripreso da Luciano Pavarotti e inciso in una trentina di versioni in tutto il mondo.

    Un brano dedicato al tenore Enrico Caruso che con gli anni è diventato una sorta di inno nazionale alternativo all’estero, uno dei brani più amati la cui melodia larga, evocativa, operistica veniva interpretata da Dalla con una voce da brividi. Eppure dopo un successo così grande Lucio Dalla riparte ancora alla ricerca di qualcosa di nuovo e rilancia la carriera dell’amico e corregionale Gianni Morandi, finito ormai da anni nel dimenticatoio, in un tour ancora una volta memorabile. Nasce il sodalizio e l’album Dalla-Morandi che con la popolarissima “Vita” riscuotono un grande successo. Eppure Dalla si rimette ancora una volta in gioco con la scanzonata “Attenti al Lupo” di Ron che scala le vette delle classifiche e dopo quarant’anni di carriera riesce ancora a conquistare nuove generazioni di fan, soprattutto tra i più piccoli.

    Gli anni Novanta trascorrono con incursioni in campi diversi, come la composizione di musiche da film, programmi tv, la pittura, l’attività di gallerista, l’incessante attività di talent scout. Un percorso eclettico che lo porta nel 2010 a incrociare ancora una volta la sua strada con quella di Francesco De Gregori, esattamente trent’anni dopo “Banana Republic”. Una buona notizia per la musica italiana, appiattita sui talent show, priva di qualcosa di nuovo, costretta a ricorrere ai guizzi del genio di due artisti over sessanta che con il tour “Work in progress” fanno il tutto esaurito in teatri e arene e stupiscono per la loro vitalità e capacità di innovare il panorama musicale italiano in catalessi ormai da tempo immemorabile.   

    L’ultima esibizione a Sanremo 2012, proprio pochi giorni fa, non come interprete ma come autore del brano “Nanì” cantato da Pierdavide Carone, giovane proveniente dal talent show “Amici” di Maria De Filippi. Resterà nella memoria di tutti noi l’immagine di Lucio Dalla nelle vesti di direttore d’orchestra, sul podio, con la sua tipica espressione scanzonata che lo ha accompagnato in questi lunghi anni di carriera.  Un lungo viaggio attraverso la musica quello di Lucio Dalla.

    Un viaggio iniziato il 4 Marzo del 1943 e, per una scelta incredibile del destino, finito con un funerale nella sua Piazza Grande di Bologna in un altro 4 Marzo, permeato di tristezza e nostalgia, con il sottofondo della sua musica che col tempo è diventata parte di noi.

  • Opinioni

    Italia. Arriva la paralisi da congelamento

    Da qualche giorno ormai l’Italia è nella morsa del gelo, con disagi, al Centro e al Nord soprattutto, a causa delle abbondanti nevicate. Di ora in ora il bilancio si fa sempre più pesante con il traffico in tilt sulle autostrade e nelle città totalmente paralizzate. Ci sono paesi senz’acqua nè elettricità, per non parlare dei treni bloccati per ore. Ma, soprattutto, per ora sette persone sono morte per il freddo o per incidenti e due alpinisti sono stati travolti da una valanga.

    Tanti sono i disagi e le situazioni di emergenza specialmente al Centro e al Nord della penisola, mentre cresce la rabbia dei cittadini, costretti a trascorrere ore in auto o in stazione, in attesa di poter tornare nelle proprie abitazioni. Il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri ha assicurato il “massimo sforzo” per limitare i disagi invitando gli italiani, se possibile, a non usare le auto e a non uscire da casa.

    A Roma l’arrivo della neve ha creato un vero e proprio caos: numerosi automobilisti bloccatisul Grande Raccordo Anulare (il grande anello che collega le arterie di accesso e uscita della Capitale) per oltre dieci ore, file di auto incolonnate nelle strade di transito principali, spesso a causa di tamponamenti causati dal ghiaccio. A Civitavecchia un traghetto è andato a sbattere contro una banchina del porto, facendo temere una nuova tragedia dopo la vicenda della Costa Concordia. Insomma, una situazione prevedibile in una stagione fredda come l’inverno che però si sta trasformando nell’ennesima pessima figura da parte del nostro Paese. E, dal momento che si prevedono ancora giorni di gelo e neve, si rischia davvero il collasso. In particolar modo a Roma oltre alla neve fioccano le polemiche. È uno scambio di accuse tra il sindaco Gianni Alemanno e il capo della Protezione civile Franco Gabrielli. Alemanno chiede “una commissione d'inchiesta perché non c'è stato un servizio di previsioni adeguato” e perché la situazione è stata “largamente minimizzata”. La Protezione Civile ribatte che il sindaco “aveva compreso la situazione” e aggiunge di avere seri dubbi “sull’adeguatezza del sistema anti-neve della capitale”.

    Intanto, mentre la polemica infuria resta il fatto che la Capitale d’Italia sia bloccata a causa di quaranta centimetri di neve che l’hanno paralizzata, con le autorità, sindaco in testa, che esortano i cittadini a uscire da casa solo in caso di stretta necessità. Inoltre, Gianni Alemanno ha invitato i romani ad affiancarsi a chi è impiegato nella pulizia delle strade: “Ci saranno dei punti di distribuzione di pale. Se ci sono dei cittadini attrezzati che vogliono dare una mano ai volontari, indicheremo dove distribuiremo delle pale, per fare in modo che ci sia un grande concorso anche della popolazione per liberare Roma dalla neve”. In realtà alcuni romani si sono recati ai punti di distribuzione delle pale, ma invece di contribuire a “liberare Roma dalla neve” se le sono prese per spalare le aree di fronte alle loro abitazioni.
     

    Inevitabilmente, la situazione critica nella Capitale ha scatenato la rete e in particolar modo Twitter dove un fake account a nome di Gianni Alemanno con consigli surreali su come affrontare l’emergenza meteo ai suoi concittadini ha scatenato commenti di vario genere, da quelli che avevano capito di trovarsi davanti a uno scherzo e hanno risposto a tono, mentre altri sono cascati nella trappola e si sono indignati. Lo staff del sindaco, già impegnato nella polemica con la Protezione Civile, è dovuto intervenire in rete e sui media per smentire con un comunicato: “Vi segnaliamo una gravissima sottrazione d’identità verificatasi sul Social Network Twitter, e avvenuta tramite una combinazione per niente casuale delle lettere del cognome del sindaco Gianni Alemanno”. Risultato: emergenza fake risolta in qualche ora, mentre quella del maltempo rimane. 
     

    In un paesaggio inusuale per la Capitale, taxi e bus sono introvabili, mentre le linee A e B della metropolitana funzionano. Tutto questo per un po’ di neve…E dire che Roma ha vissuto giornate critiche come nel 2000, con il Giubileo straordinario che ha visto un afflusso incredibile di pellegrini, per non parlare dell’inaspettato arrivo di devoti e curiosi alla morte di Giovanni Paolo II, e ancora il milione e oltre di persone giunte da ogni parte del mondo per la beatificazione del papa polacco sempre nei cuori di molti.

    E che dire delle continue manifestazioni come Gay Pride o Family Day , tanto per citarne solo alcune svoltesi nella Capitale negli ultimi anni? E poi c’è ancora la possibilità che nel 2020 Roma possa essere la sede delle Olimpiadi, essendo ancora tra le città in lizza insieme ad altre grandi metropoli nel mondo. Eppure, con la neve la lotta sembra persa in partenza, sin dall’arrivo dei primi fiocchi. Un’incapacità ad approntare un semplice piano di emergenza per limitare i disagi, a mantenere efficienti almeno i mezzi di trasporto pubblici che in quest’occasione hanno dato forfeit, metropolitana a parte. Non dev’essere stato piacevole per i passeggeri degli autobus della Capitale, a poche ore dall’inizio della nevicata, sentirsi dire dagli autisti dei mezzi pubblici che gli autobus dovevano fermarsi all’improvviso perché procedere sarebbe stato “troppo pericoloso”. Ed allora i romani, che nei secoli ne hanno viste di tutti i colori, si sono adattati anche a questo, chi infuriato, chi rassegnato. Ma c’è stato anche chi, come i passeggeri della linea 63, costretti a scendere a Via Po, hanno reagito con una battuta che qui a Roma non manca mai, sfottendo l’autista pronto a lasciare la guida del proprio mezzo urlandogli “a’ Schettino!”.

  • Opinioni

    Vicenda della Concordia. Soap opera o cronaca?

    Mai venerdì 13 fu così fatale come quello appena trascorso. Il naufragio della nave Costa Concordia viene ormai da giorni seguito dagli organi di stampa nostrani e di tutto il mondo in maniera martellante e non potrebbe essere altrimenti.

    La dinamica del naufragio presenta ancora molti punti da chiarire e ogni giorno emergono nuovi dettagli che colpiscono l’opinione pubblica desiderosa di sapere. In Italia ma anche nel resto del mondo ci si schiera pro (poco in verità) o contro il comandante Francesco Schettino, nocchiero alquanto “spericolato” (se vogliamo usare un eufemismo) del Concordia. E nell’immaginario collettivo la vicenda, pur essendo tragica, con vittime accertate, assume paradossalmente i contorni di una surreale soap opera che si svolge ora dopo ora davanti ai nostri occhi. Il web, nel giro di poche ore dall’accaduto, si è scatenato dando risalto all’evento commentando, analizzando, a volte persino ironizzando, pur riconoscendo la drammaticità della vicenda.

    Nel frattempo, la diffusione della telefonata tra Francesco Schettino e il comandante della Capitaneria di Porto di Livorno, Gregorio Maria De Falco, ha aggiunto un nuovo personaggio alla storia, ma soprattutto ha trasformato il web in una sorta di arena pubblica in cui si contrappongono un “eroe”, cioè il comandante De Falco e un “codardo”, cioè Schettino. I media di tutto il mondo hanno prontamente riportato gli audio delle telefonate in cui De Falco ordina a Schettino di risalire a bordo, con tanto di sottotitoli all’estero. A poche ore dalla diffusione delle telefonate, il comandante della Capitaneria di Livorno diventa già un eroe, mentre la posizione di Francesco Schettino si aggrava sempre di più.

    Dopo le telefonate appare ormai chiaro che il comandante della Costa Concordia abbia abbandonato la nave in piena emergenza: certamente il peccato più grave per un uomo di mare. Su Facebook nasce il gruppo “A sostegno di Francesco Schettino, comandante della Costa Concordia” che conta alcune migliaia di iscritti, prevalentemente amici e conoscenti che vogliono sostenerlo e dargli coraggio. Numerosissimi i messaggi di solidarietà: “Noi crediamo in te”, il primo messaggio. E poi: “Diffondiamo la pagina, condividetela sui vostri profili! Chi lo ha conosciuto sa che quest'uomo è sempre stato una persona eccezionale, non quella che telegiornali e giornalisti stanno falsamente descrivendo!”, scrivono gli amministratori della pagina virtuale.
     

    Contrapposti a questo, ci sono, sempre su Facebook, vari gruppi contro il comandante del Concordia, come ad esempio "Nessun sostegno a Francesco Schettino", che esprime piena condanna, invocando una pena esemplare per il comandante “bullo”, “l’uomo più odiato d’Italia”, usando le definizioni del quotidiano inglese Daily Mail. "Vogliamo il massimo della pena, senza attenuanti, per questo sciagurato pazzo, mistificatore della realtà" si legge nei commenti. E qualcuno ricorda "il valoroso Edward J. Smith, capitano del transatlantico Titanic, che morì con la sua nave, rifiutando ogni richiesta di soccorso".
     

    Inevitabilmente, non appena i drammatici e concitati scambi telefonici tra i due comandanti diventano di dominio pubblico, nasce la contrapposizione tra l’”eroe nazionale” De Falco ed il vile Schettino, con il proliferare di nuovi gruppi di supporters per il risoluto comandante della Capitaneria di Livorno: "Se scende in politica, lo voto", promette un internauta. Facebook la fa da padrone, ma anche Twitter non scherza. C’è chi twitta: "Da grande voglio essere De Falco" oppure "Un esempio per tutta l'Italia", e ancora "Questa è l'Italia che vogliamo vedere". Nasce in pochi minuti un hasthag, #vadaabordocazzo, che prende il nome dall’ordine urlato da De Falco a Schettino durante una delle drammatiche telefonate.

    Quest’ordine, espresso in maniera decisamente colorita ma necessaria a scuotere, senza peraltro riuscirvi, Schettino dalla sua apatìa, schizza subito in testa alle espressioni usate sul web. Le gag ormai si sprecano, fioccano a pioggia sui social network, in rete, in Italia e in tutto il mondo. C’è un inglese che non riesce a capacitarsi di tanto folle entusiasmo da parte degli utenti italiani: "Perché gli italiani impazziscono per De Falco, è incredibile, ha semplicemente seguito le procedure". La rete impazzisce letteralmente, la satira dilaga, un po’ fuori luogo, mentre giunge notizia del ritrovamento di altri cinque cadaveri a bordo del Concordia, tutto è decisamente surreale. “Facciamo la classifica del nostro capitano preferito”, dice Alessio, che propone “Capitan Schettino, Capitan Findus, Capitan Harlock, Capitan Ventosa, Capitan Jack Sparrow e Capitan America”. “Al vincitore va un tubetto di pasta del Capitano”.

    A tempo di record una ditta mette in vendita su internet una maglietta bianca con scritto in nero l’ordine di De Falco, “vada a bordo, cazzo”, alla modica cifra di 12,90 euro. Su You Tube qualcuno posta un video in cui lo spot della compagnia è rifatto unendo le foto della tragedia alle scene di una vacanza idilliaca: "Se hai provato una Crociera Costa è difficile tornare alla vita di tutti i giorni". Una satira alquanto macabra che appare davvero fuori luogo

    La televisione non è da meno, con un full coverage a tutte le ore del giorno e della notte, con dirette video, dibattiti, esperti veri o presunti, telefonate da casa. E il camaleontico italiano medio, che in occasione delle partite di calcio si trasforma in allenatore, quando ci sono misteriosi delitti diventa detective, adesso indossa a tempo di record i panni del lupo di mare esperto di venti, correnti, velocità in “nodi” e quant’altro.

    Non può mancare in prima serata su RaiUno Bruno Vespa col suo Porta a Porta interamente dedicato alla tragedia del Giglio con uno speciale di approfondimento. Grande attesa per il gigantesco plastico del Concordia che il giornalista potrebbe proporre ai lettori, dopo le ormai famigerate riproduzioni di luoghi del delitto come la casa dei Misseri per il delitto di Avetrana o quelle dei delitti di Novi Ligure e di Cogne. Colpo di scena in trasmissione e soprattutto nuovi elementi che rendono ancora più “interessante” la surreale soap opera a cui nostro malgrado stiamo assistendo: il comandante della Costa Concordia la sera del naufragio era in compagnia di “una o più donne” al bar della nave, quindi presumibilmente troppo “distratto” e poco lucido per svolgere adeguatamente il suo compito di nocchiero. Si attendono sviluppi nei prossimi giorni, anche se Vespa, visibilmente compiaciuto, sui titoli di coda del programma fa una carrellata sui maggiori quotidiani del giorno dopo, freschi di stampa, che riportano la novità della presenza femminile a fianco del comandante della nave da crociera. Una trama degna della serie tv Love Boat, non fosse per la tragedia delle vittime e dei tanti dispersi la cui sorte è, ora dopo ora, purtroppo sempre più chiara.   
     

    Proprio come era accaduto per Avetrana, Novi Ligure e Cogne, anche al Giglio i telegiornali mostrano i soliti turisti del macabro giunti per vedere con i propri occhi il colosso del mare incagliato nelle acque troppo vicine alla riva. Ed eccoli tutti là con fotocamere con GPS, iPad, palmari, binocoli ed ogni sorta di diavoleria tecnologica, a documentare la tragedia, mentre i sommozzatori e i soccorritori rischiano le loro vite per cercare di salvare vite umane innocenti, ignare del circo mediatico che si sta svolgendo intorno ad esse.
     

    Sui vari organi di stampa e sui media tanti commentatori mettono l’accento sulla simbologia tra il naufragio della Costa Concordia e il naufragio della grande civiltà occidentale. Altri notano similitudini con questa Europa che, come una nave il cui capitano è negligente e l’equipaggio è incapace di affrontare in maniera organizzata e univoca le emergenze, è per questo destinata ad affondare. Per molti la Costa Concordia rappresenta l’Italia declassata dalle agenzie di rating, un microcosmo popolato da “furbetti” ed eroi, con una reputazione, soprattutto in campo internazionale, tutta da ricostruire, a fatica, con tanti sacrifici e con solidarietà.
     

    Il circo mediatico probabilmente non si fermerà, andrà avanti ancora per giorni. Non mancheranno colpi di scena che renderanno la soap opera offertaci dalla realtà paradossalmente sempre più surreale. Forse ci vorrebbe, per voltare davvero pagina, un po’ di silenzio e di rispetto per chi era partito per una vacanza e non è tornato più. 

  • Opinioni

    Mario Monti. La sobrietà e la tecnica al servizio dell'Italia

     Sobrietà. La prima parola che viene in mente osservando le foto del neo governo che ha appena giurato davanti al Presidente della Repubblica è proprio questa: sobrietà. Un governo di professori, di rettori, di funzionari, di banchieri, con poche donne e con una predominanza di capelli grigi. E, soprattutto, un governo con nessun politico al suo interno. Questo è l’identikit dell’esecutivo Monti, nato a tempo di record, dopo appena 67 ore dal conferimento dell’incarico. Sono sedici i ministri, cinque in meno della squadra di Berlusconi nel 2008. Età media: 63 anni, 13 in più rispetto alla precedente esperienza. Le donne sono tre ma occupano ruoli chiave: Interni, Giustizia e Welfare. E la curiosità dei media si rivolge subito alle ministre, lontane anni luce dall’archetipo berlusconiano. Si è passati nel giro di pochi giorni dal “tacco 15” ai tacchi bassi e profili alti delle neoministre del neonato governo. La prima delle tre a giurare è Anna Maria Cancellieri, ministro dell’Interno, una signora di mezza età, elegante in un tailleur scuro, con i capelli chiari e un volto che con naturalezza ostenta le rughe di una vita. Poi tocca a Paola Severino, ministro della Giustizia, avvocato penalista di successo, che ha scelto per il giuramento un completo scuro, pantaloni e giacca. Al collo tre fili di perle e tra il pubblico i suoi nipotini, venuti a supportare la nonna-ministro. Ultima a giurare è Elsa Fornero, grande esperta di previdenza, in tailleur spezzato con giacca bianca. Anche lei in stile minimal e con un volto che mostra le rughe con naturalezza. Tre donne che colpiscono non per il look ma per i curricula che le hanno portate a conquistare la poltrona da ministro.

    Mario Monti ha sciolto la riserva ed è andato al Quirinale per presentare la nuova squadra di governo, un governo completamente tecnico, con ministri reclutati esclusivamente per la loro competenza. Sembra banale, ma stavolta il principio portante alla formazione dell’esecutivo è stato proprio questo: un ambasciatore agli Esteri, un militare alla Difesa, una ex prefetto agli Interni, un economista del calibro di Mario Monti come premier e con l’interim all’Economia. Tutti debuttanti tranne Piero Giarda che in passato è stato sottosegretario in governi di centrosinistra. Tanti i professori universitari, ben otto, quasi la metà del totale, che vengono dagli atenei italiani più prestigiosi a cominciare dall’Università Bocconi di Milano da cui proviene Mario Monti. Poi c’è il rettore della Cattolica di Milano, Ornaghi, ora ministro dei Beni Culturali, il vicedirettore della Luiss Paola Severino, ministro della Giustizia, l'ex rettore del Politecnico di Torino ora presidente del Cnr Profumo all’Istruzione. E dall'università vengono anche il ministro della Salute Renato Balduzzi, il responsabile dei Rapporti con il Parlamento Piero Giarda, il ministro della Cooperazione Andrea Riccardi, il ministro del Lavoro Elsa Fornero. Monti ha poi messo in squadra superesperti del calibro dell’ammiraglio Giampaolo Di Paola alla Difesa, l'ambasciatore Giulio Terzi di Sant’Agata agli Esteri, l'ex prefetto Anna Maria Cancellieri all'Interno, il giudice della corte di giustizia Ue e braccio destro di Monti a Bruxelles Enzo Moavero agli Affari Europei. La stessa logica ha portato alla nomina di funzionari ministeriali che si ritrovano a guidare i dicasteri dove fino a ieri hanno lavorato come dirigenti: Mario Catania all'Agricoltura, Corrado Clini all'Ambiente, mentre Fabrizio Barca, dirigente del ministero dell'Economia, trasloca da via Venti Settembre alla sede del ministero della Coesione Territoriale. Altri due ministri sono manager bancari: Corrado Passera, alla guida di un superministero che accorpa Sviluppo e Infrastrutture, dimessosi poche ore prima del giuramento dalla carica di amministratore delegato di Intesa San Paolo, e Piero Gnudi, al Turismo e allo Sport, ex presidente dell'Iri e dell'Enel, fino a ieri nel consiglio di amministrazione di Unicredit; vicina al mondo del credito anche Elsa Fornero, anch’essa dimessasi dalla vicepresidenza di Intesa San Paolo.

    Subito dopo il giuramento al Quirinale sono arrivate le reazioni delle forze politiche, quasi tutte favorevoli. Fuori dal coro la Lega che ha dichiarato di essere "felice di votare contro". Nel Pdl c’è una divisione, con alcune componenti apertamente soddisfatte e altre più critiche. Il vice presidente dei deputati del Pdl, Osvaldo Napoli, esprime le sue perplessità: "Nell'esecutivo del senatore Mario Monti ci sono le impronte, chiare e visibili, del tecno-prodismo. E' un peccato originale che peserà molto sull'azione di governo". Per altri è un'ottima squadra; ad esempio il senatore Raffaele Lauro dichiara: "Governo Monti, un solo aggettivo: eccellente".
     

    Negli altri partiti il giudizio positivo è condiviso, dal Pd fino al Terzo Polo.

    "Siamo di fronte a scelte di competenza, di responsabilità e di alto profilo" ha commentato la presidente dei senatori del Pd, Anna Finocchiaro. "Si tratta di personalità di qualità, indipendenti, che nei loro campi di attività hanno dimostrato una grande professionalità. Voglio sottolineare -prosegue- pur nel numero non elevato di presenze, che le donne sono state chiamate a ricoprire ruoli fondamentali nella compagine governativa. Mi sembra un segnale importante. Come importante e innovativa mi sembra la decisione di unificare nello stesso dicastero la responsabilità delle Pari opportunità con quella del Welfare e del lavoro". L’augurio finale di Anna Finocchiaro è che l'esecutivo trovi "energia e forza" in Parlamento.
     

    Per il segretario di Alleanza per l'Italia, Francesco Rutelli, "con la nascita del governo Monti inizia una nuova epoca politica". E' un esecutivo "di ottimo profilo, le competenze sono molto qualificate. Toccherà adesso al Parlamento sostenere l'operato di Monti", aggiunge, assicurando il pieno appoggio di tutti i centristi. Sulla stessa linea è Lorenzo Cesa, segretario dell'Udc: "Grande compiacimento e soddisfazione per un governo capace veramente di salvare l'Italia".
     

    Giudizi positivi anche da Futuro e libertà: "Esprimiamo soddisfazione per l'alto livello della squadra dei ministri nominata da Napolitano su proposta di Mario Monti", dichiara il vice presidente, Italo Bocchino "Siamo di fronte a un governo di ricostruzione nazionale a cui va riconosciuta la 'tripla A' per competenza e professionalità. Adesso spetta a tutti i partiti politici sostenere questo esecutivo senza se e senza ma".
     

    Infine la Lega, che aveva già annunciato la contrarietà al governo tecnico e che, per bocca del coordinatore Roberto Calderoli, esprime la sua contrarietà per l’assenza di un ministero per il Federalismo e per la creazione di un ministero delle Coesione territoriale, affidato a Fabrizio Barca: "Nulla da eccepire sulla qualità e sul livello delle singole persone nominate. Ma il riscontrare la nascita di un ministero per la coesione territoriale significa aver creato il ministero del centralismo ovvero che ancora una volta il Nord verrà spremuto per garantire a qualcuno di continuare a mangiare a sbafo". Quindi l'ex ministro aggiunge: "Se il buongiorno si vede dal mattino allora è notte fonda e sarò felice di votare contro la fiducia".
     

    Nichi Vendola (Sel) preferisce aspettare i dettagli del programma prima di esprimere un’opinione. Critico Francesco Storace che ha paragonato la squadra di governo alla “guardia nobile del marchese del Grillo” mentre il commento più sprezzante è arrivato dall’Unione atei e agnostici razionalisti che ha parlato di “primo esecutivo Bagnasco”, sottolineando la presenza di diversi esponenti del mondo cattolico.
     

    E' previsto per la serata del 17 novembre il voto del Senato alla fiducia al governo di Mario Monti, che illustrerà il programma dell'esecutivo. Nelle ore pomeridiane è previsto l’intervento del neo premier in Aula, poi la discussione generale, la replica del premier e infine le dichiarazioni di voto. Il 18 novembre ci sarà la fiducia alla Camera, dove la seduta avrà inizio alle 9,45. Il voto di Montecitorio è in programma per le 15.
     

    C’è grande attesa per il discorso del presidente del Consiglio, incentrato sui possibili annunci dei primi provvedimenti economici che verranno sottoposti al Consiglio dei ministri: scontati la riforma delle pensioni e il ripristino dell'Ici sulla prima casa, mentre restano i nodi di una possibile patrimoniale e di una manovra correttiva a tempi brevi.

  • Tourism

    Enrico Bruschini: "Italy Is Wonderful. That's It!"

    On November 9 at the Italian Cultural Institute of New York, Professor Enrico Bruschini begins a series of lectures entitled “The Cultural Contribution of Italy to Mankind” as part of the 150th anniversary of the unification of Italy. Although he was busy finalizing the details before leaving for the United States, we had a telephone conversation with Professor Bruschini that was full of anecdotes and memories of his life dedicated to art and the promotion of our country’s positive image around the world. 

    His prestigious career led him, in 1984, to the appointment as the official art historian at the U.S. Embassy in Rome, and later as the curator of fine arts until 1998 when he retired. In 1989, the embassy had also given him the responsibility of being the official tour guide of Rome, accompanying through the Eternal City distinguished guests from the United States that included Bill Clinton, George W. Bush, many governors, and members of Congress and the Senate. 

    He established lasting friendships with some of these guests such as Clinton and his family. From the first meeting, in fact, Hillary and Bill Clinton were so impressed by Professor Bruschini’s expertise that they invited him to visit the White House and the Oval Office on three separate occasions, making Bruschini the only Italian who can boast that record. The first meeting with the Clintons dates back to 1994. “Bill Clinton’s staff had scheduled a visit lasting about twenty minutes,” Bruschini recalls, “certainly very little time to visit such an important an archaeological site. The twenty minutes flew by in the blink of an eye, and after an hour and a half there was still so much to show my illustrious guest. With official meetings with senior Italian politicians looming, President Clinton reluctantly dismissed me with the promise that we would resume our tour of the Roman Forum as soon as possible right where we left off. Returning to Rome, years later, now as former U.S. President, Bill Clinton still wanted me to accompany him and his daughter Chelsea through the wonders of the Eternal City. And surprisingly, at the Roman Forum he remembered the exact spot where, years before, the visit had been interrupted and we then resumed our tour there.” Professor Bruschini notes that over time the interest and love that Americans have for Italy, Rome, and art have not waned. 

    “Americans, in general, are curious, and this is a great trait. Curiosity,” continues Bruschini, is the mother of science. In general, an American asks questions, tries to understand his surroundings, something that we Italians do not do, perhaps because we are too used to the art. Americans are able to perceive details that in the eyes of Italians often go unnoticed. For example, visiting the Sistine Chapel, I had several opportunities to reflect on things from which books were born, thanks to the curiosity of the Americans I accompanied on a visit there. Every person, famous or not, is struck by the incredible wealth of the artistic, historic, and cultural heritage of our beautiful country. Caspar Weinberger, defense secretary during Reagan’s administration, asked me what Romans thought about war and I,” Bruschini recalls, “cited the Latin phrase si vis pacem para bellum, that is, if you want peace be ready for war. This phrase must have struck Weinberger since he later repeated it at meetings and conferences. Even this little anecdote shows how the Romans have left behind something lasting!”

    And speaking of the Italy’s cultural contribution to humanity, Bruschini cannot help but notice what Italy has given, such as the Etruscans, the Romans, the Renaissance, the Baroque. “At the moment, however, I am quite discouraged by Italy’s image in the world. From a cultural point of view and, artistically speaking, these are unhappy times and I am very pessimistic. Look at how Pompeii was abandoned, look at the widespread indifference. I see so much disorganization. At the Coliseum, for example, there are only two ticket offices open but a thousand people are lined up. It’s absurd. There is a complete lack of interest especially in art – and this means a lack of culture. Tourism is the greenest, most powerful Italian industry and we completely ignore it.” Although he retired several years ago, Professor Bruschini is still very active, accompanying tourists through Rome and its wonders, maintaining contact with many American friends, and traveling often to the United States. 

    “I frequently go to America because I like to talk about Italian things in the United States. Americans love Italy and I am convinced that Italian art is the most beautiful, Italian food is the finest, and the generosity and kindness of Italians is unsurpassed. There is so much love, not only from Americans but also Italian Americans. Especially for Italian Americans, when an Italian comes to America it’s like seeing a small piece of their homeland; their love is unquestionable. And for this reason, we should treat anyone who comes to Italy much better – for example, by making services more efficient rather than having them waste so much time, often hours, lined up waiting to visit monuments.”  There is a phrase that Professor Bruschini cannot swallow: “but in the end Italy is beautiful.” “Why?” asks the professor. “Shouldn’t it be enough to say that Italy is beautiful, period? I have heard this phrase for years, not just recently. It’s unbearable.”

    The Coliseum is one of the most visited monuments by Americans, but the Vatican Museums, especially after the restoration of the Sistine Chapel, are also immensely popular. “Even there,” Bruschini notes, “there are very few metal detectors at the entrance and huge lines form. It's absurd.” 

    The time flew by as I spoke with Professor Bruschini. There’s just enough time for a final reflection on the conference which will take place on November 9: “This time the reservations were so numerous that there was a change in venue for a larger room. It had happened for the presentation of my book In the Footsteps of Popes.” And, when asked what he will bring with him to New York, he replied: “As always, I carry with me Italian spirit, Italian beauty, Italian art….”

     

     
     

  • Fatti e Storie

    Frank Jerky e “Greenback Boogie”

    Frank Jerky ...  Dietro questo buffo nome americano c’è un ragazzo romano, Francesco Carnesecchi, ventiseienne videomaker che fa parte della redazione di i-Italy. La collaborazione col gruppo statunitense degli Ima Robot e la realizzazione del video “Greenback Boogie”, dal loro ultimo singolo, ha rappresenato per lui un’occasione importante per mostrare la sua creatività.  L’intervista nel corso di un suo periodo di permanenza a Roma naturalmente si svolge all’insegna dell’allegria e della semplicità, anche se dalle sue parole si percepisce una determinazione ed un grande amore per il lavoro che fa.


     Gli domando subito come nasce la collaborazione con Ima Robot.

    Ho fatto tutto io: ero un loro fan da tempo, mi piacevano molto. Poi un giorno, ascoltando una loro canzone, non quella del video però, mi è venuto in mente di fare questo tipo di clip, che raccontava situazioni diverse all’interno di bagni. Era un’idea che avevo già in mente da anni, solo che non la volevo “bruciare” collaborando con una band poco famosa. Gli Ima Robot in Italia sono praticamente sconosciuti, mentre in America sono un gruppo popolare, anche se il periodo di massimo splendore lo hanno avuto intorno agli inizi del 2000. Insomma, ascoltando i loro ultimi brani, quello che più mi ha colpito, non a livello di testo ma di sound, è stato “Greenback Boogie”. Sentendolo ho iniziato a “vedere” i movimenti delle camere che passavano da un bagno all’altro.  Ovviamente immaginavo tutte situazioni unconventional, scorrette, o estreme. Poi ho iniziato a scrivere il video dettagliatamente, bagno per bagno, situazione per situazione. In seguito ho contattato il loro agente trovando la mail via internet e gli ho fatto leggere il treatment. Mi ha risposto dopo due settimane, quando ormai mi ero convinto che non fosse interessato, e mi ha detto che gli era piaciuta l’idea, che ne voleva parlare in persona. Abbiamo preso appuntamento e sono andato a Los Angeles dove ho incontrato anche la band. Sono apparsi subito entusiasti dell’idea ed hanno accettato la mia proposta di collaborare con loro. Così ho fatto tre mesi di pre-produzione e a metà maggio 2011, in due giorni, ho girato il video.


    Ti hanno dato delle indicazioni?

    No. Ho avuto carta bianca. Totale. In questo sono stati fantastici. Venivano da un periodo di silenzio della loro carriera e sono rimasti colpiti dal fatto che un loro fan italiano, mezzo matto come me avesse proposto loro di fare un video. Si sono fidati. Ci siamo fidati reciprocamente. E l’idea, comunque, era già registrata quindi nessuno poteva “copiarmi”. Io ho curato la regia, mentre Vittorio Guidotti ha montato il video e Stefano Lemon, che è un visual designer, si è occupato della grafica, dei poster, del sito.…


    Ma come ti è venuta in mente l’idea dei bagni?

    Anni fa, ad Amsterdam avevo comprato un poster che ho ancora in camera e che ritrae una serie di bagni pubblici. In ognuno di essi c’è una situazione diversa. Ho sempre pensato che quel poster sarebbe diventato un cortometraggio, un video musicale, ma era sempre un’idea astratta, diventata però concreta quando ho iniziato ad ascoltare gli Ima Robot. Molti dei personaggi del mio video sono chiaramente ispirati dal poster, tipo il poliziotto che sniffa oppure un coniglio gigante che fa pipì e che nel mio filmato è diventato un pollo. Molte situazioni, comunque, sono ispirate al poster.

    Nel tuo video ci sono tante situazioni, varia umanità. Ma c’è una simbologia? Ammetto che sia facile “dopo” trovare tanti significati….

    Si cerca sempre di intellettualizzare le cose. Io sono cresciuto guardando il cinema americano ed il mio video subisce inevitabilmente, come del resto accade in tutta la società occidentale, l’influenza americana. Il mix di personaggi sia realistici sia cinematografici non è altro che il risultato di quel che io ho visto in televisione sin da bambino.

    Guardando il filmato, in effetti, c’è l’impressione che ci sia tanto di te, delle tue suggestioni, della tua formazione…

    Si, in ogni bagno ci sono io e le mie suggestioni oniriche, fantasiose, estreme. C’è tutto il mio mondo, fin dalla nascita.


    E con le storie come hai fatto? Come sei riuscito a trovarne così tante?

     

    Avendo così tanti bagni e di conseguenza tanti personaggi, ad un certo punto ho chiesto aiuto ai miei contatti di Facebook. Ero talmente fuso con tutte queste storie che s’intrecciano, con tutti quei bagni e con la canzone che era lunga! Quindi, ho mandato un messaggio globale a tutti i miei contatti chiedendo a ciascuno i primi personaggi che venivano loro in mente, quelli che avrebbero “visto” in un bagno pubblico: mi hanno mandato di tutto! (ride) Molti li ho presi, come ad esempio la suora che fa pipì in piedi. Parecchi sono stati geniali.

    Guardando il video mi sono divertita a trovare riferimenti cinematografici. Ad un certo punto mi è sembrato di riconoscere la valigetta di Pulp Fiction. E poi ho creduto di vederci anche i film horror, CSI, i musical. La suora che balla ricorda Sister Act. Ci vedo anche il Rocky Horror Picture Show….

    Mi risponde ridendo: Sì, ci sono anche dei momenti molto “tarantiniani”. Per la suora che balla non mi sono ispirato a Sister Act. Mi piaceva in generale l’idea di far ballare tutti i personaggi. Ho fatto ballare anche Hitler! 
     

    A proposito: perché Gesù ammazza Hitler? C’è un qualche simbolismo almeno in questo?
     

    Ride ancora: No, non è per niente simbolico, sono la persona meno religiosa al mondo. Mi piaceva l’immagine. Sono stato ispirato dalla lettura di un fumetto chiamato Jesus hates Zombies dove si racconta di un Gesù dei giorni nostri che va in giro con una mazza da baseball ed un mitra ed uccide tutti gli zombies. Mi piaceva l’idea di un Gesù col mitragliatore in mano.

    E per i bagni come hai fatto? Li hai ricostruiti?

    I bagni veri sono due, li abbiamo ricostruiti in una warehouse a Williamsburg, Brooklyn.  Per fortuna era la casa del mio scenografo, Federico Massa, così abbiamo potuto lavorare liberamente. I bagni ricostruiti erano uno adiacente all’altro. Con il computer poi li abbiamo moltiplicati e abbiamo lavorato sui movimenti di camera. Tutto questo grazie a Vittorio Guidotti che è stato il mio montatore.
     

    Durante la lavorazione che succedeva in questi bagni? Immagino vi siate divertiti da matti…

    Ride ancora adesso solo a ripensarci: Ci siamo divertiti da morire. In tutte le riprese con l’audio ambiente si sentono solo le mie risate, per non parlare di quelle dei miei collaboratori.


    Dovresti creare un backstage…

    Ho cinque ore di “girati” e sicuramente qualcosa ci inventeremo. E comunque ci siamo divertiti tantissimo. C’erano attori professionisti ma anche amici miei. Per questi ultimi ero un po’ preoccupato, per come avrebbero potuto reagire davanti alla telecamera, dal momento che non sono attori professionisti. Però il bagno li ha aiutati tantissimo perché essendo chiusi non avevano alcun contatto con noi addetti ai lavori, con le telecamere in maniera diretta, quindi sono stati disinibiti all’ennesima potenza.


    Tu stavi sopra, in alto?

    No, la camera stava sopra. Io ero al monitor. Gli attori erano completamente isolati. Lo so perché anch’io ho partecipato al video con un piccolo cameo, quindi so come ci si sentiva: era come stare da soli in bagno. Tra l’altro, erano talmente belli quei bagni che ti veniva voglia di usarli (ride).

    Allora hai fatto un casting con attori professionisti e non?

    Quello del casting è stato un giorno lunghissimo e intenso, fatto a New York, alla Casa Italiana Zerilli-Marimò, dalla mattina alla sera.  Sono venuti attori professionisti, studenti di teatro, tanti che avevano risposto al nostro annuncio. Invece per alcune parti più “delicate”, come poteva essere quella dello zombie che aveva bisogno di due ore di trucco, o per le scene dove veniva insanguinato tutto ho scelto degli amici.


    Mi hanno colpito molto i costumi: erano parecchi ed anche di vario tipo, da quelli tradizionali a quelli più “stravaganti”. Dove li hai trovati?

    La maggior parte del budget è stata spesa proprio in costumi perché i personaggi sono tantissimi, circa 85. Parecchi li abbiamo comprati su internet al minimo prezzo possibile, altri, come quello di Hitler, sono stati affittati. Per fortuna il mio produttore e aiuto regista, Gioele Donnamaria frequenta la NYU, dove mettono a disposizione degli studenti un gigantesco magazzino con migliaia di costumi e molto lo abbiamo trovato là. Alcuni attori avevano già nel loro guardaroba dei costumi, tipo il doppiopetto nero stile Man in Black, e li hanno messi a disposizione. Devo confessarti che abbiamo avuto difficoltà per i dettagli più impensabili e più banali, come la valigetta ventiquattrore che ci ha fatto impazzire: non si riusciva a trovarne una. Strano ma vero. Per i tatuaggi del tizio con la bandana siamo ricorsi a delle calze, sono tatuaggi finti.


    Cosa ti resta del video, che impressione hai, adesso che è tutto finito?

    Ho visto che chi ha lavorato al video ci ha messo passione, amore, professionalità. Appena arrivati sul set ognuno sapeva esattamente quel che doveva fare, anche perché avevamo solo due giorni ed un attore non poteva stare in scena più di quindici minuti. Tempi svizzeri, altrimenti non ce l’avremmo mai fatta.


    E la reazione degli Ima Robot al video com’è stata?

    Sono stati contenti. Comunque, in precedenza avevano visto una demo di quello che avevamo fatto. Timmy il chitarrista era un po’ preoccupato per alcune figure come Gesù o Hitler, ma poi vedendo il risultato finale si è capito che è solo un gioco, senza connotazioni politiche o religiose.


    Quanto di te e quanto di New York si può trovare in questo video?

    Questo video avrei potuto farlo dappertutto, anche se probabilmente i personaggi dei bagni sarebbero stati differenti. Diciamo che New York è dentro quei bagni al 99%. Di me c’è tutto quello con cui sono cresciuto a livello visivo, a livello di fumetti o in quello che leggo.


    Cosa ti ha portato a New York?

    Gli studi, all’inizio. Dopo il liceo ho fatto tre anni di IED (Istituto Europeo di Design). Dopo ho deciso di frequentare per un anno la New York Film Academy e di seguito ho deciso di rimanere e vedere cosa succedeva. All’inizio non succedeva tanto a livello lavorativo, giravo parecchio come free lance.  Poi sono arrivato ad i-Italy. 

    In quel periodo eri ancora Francesco Carnesecchi. Poi ti sei “trasformato” in Frank Jerky…

    Frank Jerky nasce grazie ad un mio amico che collabora con i-Italy, Julian Sachs. Si parlava del fatto che il mio nome pronunciato dagli americani fosse terribile e della necessità di trovare un bel nome d’arte. Io non volevo qualcosa di casuale, che si allontanasse troppo dal mio vero nome. All’improvviso a Julian viene in mente “jerky”, che in America sono le bustine di carne secca che vendono al supermercato. Geniale! Ha un sound quasi stupido, ma mi piace, si adatta alle cose che faccio io, che non sono mai troppo pretenziose, troppo serie…
     

    Cos’è il cinema nella tua vita?

    Tutto. Dal momento in cui salgo in macchina e metto la musica, quella è la colonna sonora del mio film. Per me tutto quel che vedo è cinematografico…


    Parlami della Wrongway Pictures, la tua compagnia di produzione di video…

    Siamo in tre, Vittorio Guidotti, Stefano Lemon ed io. Il sito è uscito in contemporanea con l’uscita del video degli Ima Robot, il 21 settembre. È stato fatto apposta. La Wrongway invece esiste dall’uscita del mio corto The Call, dal 2010 circa. Siamo tre matti. La cosa bella è che siamo in tre punti diversi del mondo. Io sono a New York, Lemon è qui a Roma mentre Guidotti è a Londra. Ecco perché ci siamo chiamati Wrongway: perché è il modo più sbagliato al mondo per lavorare insieme! Invece noi cerchiamo di sfruttare a nostro favore la lontananza perché grazie a questa divisione abbiamo contatti di lavoro a Londra, New York e Roma. Alla fine riusciamo a gestirci abbastanza bene, a collaborare nelle diverse situazioni. Siamo stati fortunati con questo video perché c’era l’estate ed io ero qui a Roma per problemi di visto e abbiamo potuto lavorare insieme fisicamente alla post- produzione. La particolarità, tra le tante che ha questo video, è che è stato girato in una location, a New York, appunto, e montato in tre, tra Roma, Velletri e Nettuno.  
     

    Che differenza c’è tra un ragazzo che, come te, voglia vivere una vita all’insegna del cinema qui in Italia e là, dall’altra parte dell’Oceano?

    Qui se dici che sei un film maker la gente ti chiede cosa tu faccia in realtà, ti chiedono il tuo vero lavoro, come se fosse un hobby, qualcosa di frivolo: non ci si rende conto che lavorare nel cinema vuol dire anche faticare tanto per arrivare dove vuoi arrivare. A New York ho conosciuto tanti ragazzi, anche italiani, che fanno di tutto per inseguire un sogno. Lo stesso ho fatto e faccio tuttora io: non ricordo un solo giorno della mia vita in cui ho deciso di fare qualcos’altro se non cinema. Tutto è stato molto semplice per me, mangio e respiro cinema da quando sono bambino e per me è stato sempre così. Se ce la faccio bene, altrimenti morirò provandoci.

  • Fatti e Storie

    Contestazioni all'apertura delle scuole in Italia

    Le vacanze estive sono finite per quasi otto milioni di studenti italiani: lunedì 12 settembre si sono riaperte le scuole in buona parte delle regioni italiane. È però un inizio di anno scolastico segnato dalle proteste. Dal caro libri alle classi “pollaio”, dal problema dell'edilizia scolastica ai tagli del governo all’istruzione: genitori, studenti e lavoratori della scuola sono pronti a dar battaglia su questi e altri temi scottanti, organizzando flash mob davanti a diversi istituti superiori da nord a sud, presìdi davanti agli Uffici Scolastici di varie regioni, sit in di protesta. Per non parlare delle manifestazioni fissate il prossimo 7 ottobre in più di cento città d’Italia, tutte con un unico slogan: “Saremo ovunque per salvare una generazione”. La Rete degli Studenti denuncia: “Siamo costretti a studiare in edifici fatiscenti che continuano a crollarci addosso e in classi “pollaio” da 30 alunni, i programmi sono fermi a 50 anni fa, non c’è nessun investimento sull’innovazione”. Poi l’affondo: “Ma il ministro Gelmini continua a parlare di rigore e merito e a punirci con provvedimenti come il voto di condotta o il limite di assenze”. Per la Rete degli Studenti la necessità è mettere al centro del dibattito pubblico e delle politiche sulla scuola alcuni punti: “Welfare studentesco, edilizia scolastica, diritto allo studio, innovazione, valutazione non punitiva, collegamento col mondo del lavoro. Sono le priorità da cui ripartire per rimettere in piedi la scuola pubblica”.
     

    L’immagine che si percepisce ancora volta all’inizio dell’anno scolastico è quella di una scuola abbandonata a se stessa, colpita dal taglio di otto miliardi della legge Gelmini, con meno fondi a causa della manovra di ferragosto che ha sottratto soldi agli enti locali, e di conseguenza con trentamila insegnanti in meno. I tagli alla scuola riguardano anche l’accorpamento di numerosi istituti: 900 delle attuali 10.500 istituzioni scolastiche, infatti, sono state unite a sedi scolastiche con almeno 500 alunni. Secondo Tuttoscuola.com, sito d’informazione scolastica, ciò comporta l'eliminazione del 30% dell'organico dei dirigenti scolastici, dell'11% dei posti di direttore amministrativo e di 1.100 posti di assistente amministrativo. Altro effetto dell’accorpamento sono le cosiddette “classi pollaio”, definizione un po’ inquietante ma perfettamente calzante per descrivere le classi sovraffollate. Aule da 30 persone, a volte anche di più, in cui, riferiscono gli stessi presidi “si rischia di non lavorare bene”. “Abbiamo prime sovraffollate oltre ogni limite umano -afferma il dirigente del liceo scientifico Talete di Roma, Antonio Panaccione - fino a 32 ragazzi. Non c'è più spazio per fare nulla, abbiamo dato fondo a tutti i locali utilizzabili, andando a finire anche in quelli non sicuri”. Il Talete quest'anno conta ben 45 classi, tuttavia i problemi non riguardano solo le aule “pollaio”, ma anche i locali e la sicurezza. Infatti, due scuole su tre non sono a norma e devono essere messe in sicurezza. “Oltre al fatto che siamo strapieni – dice il preside Panaccione - per motivi di sicurezza ci stanno murando anche un'ala dell'istituto dove ci sono 4 classi.

    Non sappiamo come fare, stiamo cercando altri locali”. Poi un affondo al Governo: “Io dico che il risparmio non può essere fatto solo sulla scuola, stiamo soffrendo e pagando un prezzo che, se non s’inverte subito la rotta, distruggerà le giovani generazioni”. E la preside della scuola elementare e media di Via Laparelli, sempre a Roma, descrive una situazione similare: “Dal 4 settembre abbiamo avuto un boom spaventoso di richieste ma io non ne posso accogliere più. Ho già classi da 27-28 alunni!”.

    Naturalmente il ministro Mariastella Gelmini rispedisce al mittente le accuse sul sovraffollamento delle aule ricordando che "le classi con più di 30 alunni rappresentano lo 0,6% di tutte le classi italiane, poco più di 2mila su oltre 340mila classi". Secondo la Gelmini "dare la sensazione di una scuola allo sbando e con classi normalmente sovraffollate è un errore e non rappresenta la realtà dell'istruzione pubblica italiana" anche perché "in realtà - sottolinea - le nostre classi hanno una media inferiore all'Ocse: la media di alunni per classe è di 22 studenti contro la media Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) di 23 studenti per classe".
     

    Un altro problema che rappresenta una vera e propria emergenza è quello dei tagli sugli insegnanti di sostegno che riguarda gli studenti disabili. Le norme della Gelmini lo scorso anno fissavano un limite massimo di posti riservato agli insegnanti di sostegno del tutto insufficiente alle necessità, motivo per il quale era dovuta intervenire una sentenza della Corte Costituzionale che dichiarava tali norme illegittime. Con il nuovo anno scolastico il problema si ripresenta ancor più grave, poiché gli insegnati di sostegno risultano ancora in numero non adeguato. Il ministro Gelmini ha tuttavia cercato di smentire e smorzare le critiche e le polemiche rilasciando dichiarazioni che dovrebbero tranquillizzare le famiglie di quei ragazzi che hanno bisogno del sostegno, ed in particolar modo di coloro che si trovano in classi sovraffollate: “Classi pollaio? Il problema esiste, ma non è una norma”. Riguardo agli insegnanti di sostegno ha poi affermato: “Quest'anno ne abbiamo 94mila che rappresentano il picco più alto mai raggiunto nella scuola italiana. Questo è un dato importante perchè l'attenzione alla disabilità è un altro punto qualificante della scuola”. E ancora: “Possono esserci casi in cui l'insegnante di sostegno viene dato con troppa superficialità a discapito di chi ne ha veramente bisogno ma dire che chi governa ha tagliato gli insegnanti di sostegno è una bugia”.

    Alle parole della Gelmini fanno però eco quelle di Simona Clivia Zucchett, responsabile Area Disabili per Equality Italia: “A pagare un conto salato sono sempre i ragazzi disabili, sembra quasi una tradizione. A giugno si sapeva che le ore di sostegno sarebbero state ridotte drasticamente, che gli insegnanti di sostegno sarebbero serviti da tappabuchi per le supplenze e che ci sarebbe stato il rischio di classi sovraffollate. Ma la domanda che sorge spontanea è: questi insegnanti definiti di sostegno sono proprio tutti qualificati per il sostegno? Non direi, una buona percentuale viene reperita dalle file del precariato classico, secondo cui l'incarico fa punteggio, poco importa delle competenze specifiche”. E conclude: “Non resta altro che fare i complimenti al ministro Gelmini per la sua totale incapacità a comprendere il principio dell'inclusione sociale dei più deboli, contemplata dalla società civile, dalle istituzioni europee e internazionali”.
     

    Altro tema all’ordine del giorno è quello dell’aumento dei costi per le famiglie, dai libri di testo ai contributi volontari. In particolar modo, la spesa per i libri aumenta in maniera costante di anno in anno e sfogliare le diverse edizioni dei testi scolastici che cambiano in media ogni biennio può portare a spiacevoli sorprese: modifiche impercettibili, argomenti uguali, trattati con le stesse parole ma posizionati in pagine diverse, una differente copertina, causano la “rottamazione” delle “vecchie” edizioni e scatenano le ire di quei genitori che speravano di usare ancora lo stesso libro dei figli o dei cugini più grandi anche per i figli minori, risparmiando notevoli somme di denaro. Un problema vecchio ed apparentemente irrisolvibile, nonostante le buone intenzioni dell’attuale ministro dell’Istruzione, ma anche di quelli passati. Per contrastare il caro-libri, l’Unione degli Studenti ha organizzato dei mercatini dell’usato in tutta Italia, abbattendo i costi con il riuso dei libri, almeno di quelli che non hanno nuove edizioni. Il Codacons (Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell'Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori) stima che quest'anno per mandare i figli a scuola, le famiglie spenderanno l'8% in più, tra libri e corredo scolastico. E mentre c'è chi va a caccia dell'affare su internet (in aumento le vendite su e-Bay), Federcartolai, l’associazione che rappresenta la categoria dei cartolai e cartolibrai, propone un kit contro il caro-prezzi: con 19,90 euro si possono acquistare zaino, astuccio e cancelleria varia.
     

    Non consola l’ultimo rapporto Ocse sull’istruzione in cui l'Italia si posiziona agli ultimi posti: siamo tra i Paesi che investono meno sull'istruzione e i nostri insegnanti sono quelli che guadagnano meno di tutti. Inoltre le ore di studio nelle scuole dell'obbligo sono troppe ed i laureati sono troppo pochi.

    Eppure basterebbe guardarsi intorno per rendersi conto della situazione della scuola italiana: in numerose scuole d’Italia c’è stata la richiesta ai rispettivi Comuni di fondi per acquistare sedie, cattedre ed armadi. Ma i soldi non ci sono e momentaneamente ci si sta arrangiando nelle maniere più disparate, in alcuni casi addirittura portando le sedie da casa: una situazione inaccettabile.
     

    E dire che quest’anno per la prima volta, le istituzioni scolastiche sono state chiamate dal Ministero dell’Istruzione ad adottare libri digitali o misti in sostituzione dei tradizionali libri cartacei, una soluzione in grado di garantire un abbattimento di circa la metà del costo dei libri di testo che annualmente le famiglie sono chiamate a sostenere. Una bella iniziativa, anche se forse, prima del progresso tecnologico, sarebbe opportuno che gli studenti potessero usufruire di aule sicure e a norma di legge e soprattutto di sedie e banchi.

  • Arte e Cultura

    68° Mostra di Venezia. Alla scoperta del cinema italiano

    Lo scorso 31 agosto ha avuto inizio la 68° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, un appuntamento immancabile per tutti gli appassionati di cinema. Quest’anno il direttore Marco Müller ha scelto come fil rouge della manifestazione le parole “emergenza” e “contemporaneo”, due concetti che esprimono l’importanza del cinema visto come specchio dei comportamenti degli uomini di un’epoca, strumento in grado di stupire, affascinare, amplificare, far riflettere, soprattutto in un tempo presente nel quale la volgarità dell'immagine è vissuta quasi come una fatalità.
    I film in concorso per il Leone d’oro sono in tutto ventidue mentre molti altri titoli interessanti spiccano nelle sezioni collaterali e fuori concorso, con personaggi di prim'ordine, ritorni e debutti degni della kermesse cinematografica numero uno in Italia. Sul red carpet del Lido si sono già viste alcune tra le più grandi star di Hollywood e del cinema mondiale come George Clooney, Madonna, Al Pacino. La piacevole novità della Mostra di quest’anno, tuttavia, è la presenza di film italiani in tutte le sezioni. Tre i lungometraggi in concorso: Emanuele Crialese porta al Lido “Terraferma”, pellicola che affronta il delicato tema degli sbarchi clandestini in Italia e il difficile confronto tra popoli diversi per cultura e tradizione. C'è anche Cristina Comencini con il suo “Quando la notte”, dramma ambientato in un paesino di montagna teatro dell'incontro tra Marina (Claudia Pandolfi), donna convinta di essere una pessima madre e Manfred (Filippo Timi), uomo cresciuto all'ombra del Monte Rosa, silenzioso e all'apparenza burbero. E poi c’è “L’ultimo extraterrestre” di Gianni Pacinotti con gli alieni che arrivano sulla Terra ma non creano lo scompiglio che da sempre il cinema ha immaginato.
     

    I nostri tre registi in concorso si ritrovano a competere con colleghi di tutto il mondo del calibro di George Clooney, a Venezia in veste di regista (single?) che ha aperto la mostra con “Le idi di Marzo” in cui, sorretto da un cast stellare (Ryan Gosling, Evan Rachel Wood, Philip Seymour Hoffman), racconta le difficili primarie del partito democratico nella corsa alla Casa Bianca. Oppure Roman Polanski, assente per ragioni giudiziarie, il quale si avvale di due super attrici, Jodie Foster e Kate Winslet, per raccontare le dinamiche di due coppie che vivono sul filo dell'ipocrisia. O David Cronenberg, che con il suo attore feticcio Viggo Mortensen e la bellissima Keira Knightley racconta le vicende degli analisti Freud e Jung alle prese con una paziente molto particolare, Sabine Spielrein. E poi la regista e disegnatrice iraniana Marjane Satrapi, ed ancora Abel Ferrara con una storia sull'amore ai tempi della fine del mondo, o Madonna, con una personale visione dell'amore tra Wally Simpson e il principe di Galles nel suo secondo lungometraggio, “E.W.”.
     

    Diciamo che quest’anno ce n’è davvero per tutti i gusti!  I film italiani, in concorso e non, si sono distinti per le storie davvero belle ed aderenti alla realtà di tutti i giorni. Storie che parlano di crisi economica, di profonda disillusione, della paura dell’Altro: profonde riflessioni sulla nostra società anche se a volte espresse in commedia. Tra le pellicole degne di nota c’è “Cose dell’altro mondo”, film fuori concorso di Francesco Patierno che ancor prima di essere proiettato ha creato un vero e proprio “caso”, con aspre critiche da parte della Lega e persino un’interrogazione parlamentare. Certo, la storia dell’imprenditore-telepredicatore veneto, interpretato da un grande Diego Abatantuono, il cui desiderio di veder sparire gli immigrati viene misteriosamente esaudito, non poteva non suscitare scalpore, anche se il regista alla conferenza stampa di presentazione del film ha ribadito che “Cose dell’altro mondo”  “non vuole essere un’opera ideologica, ma stimolare la riflessione, porre delle domande assolutamente non politiche”. Tuttavia, Patierno in barba agli inviti di boicottaggio di “Cose dell’altro mondo”, lanciati da alcuni leghisti, che tra l’altro non avevano neanche visto il film, è risultato l’incasso italiano più alto del weekend.
     

    In concorso, invece, “Terraferma” di Emanuele Crialese in cui si affronta il tema degli sbarchi nel canale di Sicilia. Ma, più che sull’immigrazione, ha spiegato il regista incontrando la stampa, il film si concentra sulle dinamiche dell’accoglienza e del sospetto che scattano quando abbiamo a che fare con il “diverso”, dinamiche che vanno contro i codici antichi dei pescatori che impongono comportamenti diversi da quelli voluti dalla modernità. Nell’incontro con la stampa a Venezia Crialese ha raccontato di essere stato molto colpito dalle storie di alcuni pescherecci sequestrati perché avevano salvato migranti portandoli in porto e di pescatori accusati di favoreggiamento all’immigrazione clandestina solo per averli aiutati: “La risposta dello Stato è completamente inadeguata e va contro le regole più elementari di civiltà: lasciare morire gente in mezzo al mare è segno di grande inciviltà. Non ci rendiamo conto –ha continuato Crialese- di cosa c’è dietro a quei minuti di reportage che ci arrivano in casa, tutto ci scivola addosso, come se molti di noi avessero perso la rotta. Forse l’italiano ha più paura dallo straniero proprio per il suo passato. Ma l’Italia è un paese vecchio, ha un bisogno pazzesco di contaminazione. Queste persone che non sono tutti ladri, assassini, parassiti, possono aiutarci a uscire fuori dall’impasse”. Il regista romano ha voluto tra i protagonisti la giovane eritrea Timnit T., bella come una modella ma in realtà sopravvissuta nel 2009 ad una traversata su un gommone in cui morirono di fame e sete 73 persone. Un incontro reso possibile grazie a Laura Boldrini, portavoce dell’Alto Commissariato dell’Onu per i Rifugiati (Unhcr). Il film non è imperniato soltanto sull’odissea di Timnit, piuttosto di come il salvataggio di una donna africana riesca a ribaltare gli equilibri di una famiglia isolana.
     

    Anche Ermanno Olmi ha voluto nel suo film fuori concorso “Villaggio di cartone”, accanto agli attori Rutger Hauer e Alessandro Haber, dei veri immigrati. Quello del Maestro Olmi è un “apologo” più che un film, o almeno così lo definisce il regista, 80 anni appena compiuti: un’opera per sostenere la “riscoperta di un’umanità rimasta integra nei valori, che vive l’esistenza come noi non siamo più capaci di viverla e ci riporta alle origini dell’uomo. Sarà l’Africa a salvarci”. Una pellicola dai toni pacati ma allo stesso tempo durissimi sul tema dell’accoglienza. Ed anche qui, come in “Terraferma” di Crialese e “Cose dell’altro mondo” di Patierno, il tema è il rapporto tra noi e i tanti che ci vengono a chiedere aiuto.

    Vicino come tematica ma ambientato nel 1947, negli anni del dopoguerra in Italia, è “Pasta nera”, il documentario di Alessandro Piva presentato nella sezione “Controcampo”: una pellicola che ci regala il calore di uno straordinario racconto di accoglienza e solidarietà. È la storia quasi sconosciuta di centinaia di militanti politiche di sinistra che s’impegnarono per salvare dall’abbandono migliaia di bimbi del Sud, facendoli ospitare dalle famiglie emiliane.

    Una kermesse davvero ricca, quindi. Mancano solo i nomi dei vincitori degli ambiti leoni e leoncini che da giorni ormai sono stati lucidati a dovere, in attesa della sera del 10 settembre, il momento più atteso dopo tanti giorni di buon cinema.

Pages