header i-Italy

Articles by: I. I.

  • Art & Culture

    New York. Celebrating the 150th Anniversary of the Birth of Arturo Toscanini

    Arturo Toscanini was one of the most astounding musicians of the twentieth century. For more than five decades, Toscanini was a powerhouse whose performances sold out orchestra halls in every major city in the United States. He influenced the world of classical music through his concerts, broadcasts, and recordings. Even today, thirty-five years after his death, Toscanini remains a beloved legend in classical music.

    Rizzoli is releasing a book to celebrate the 150th anniversary Arturo Toscanini's birth. In addition, the Rizzoli Bookstore will be hosting an exclusive New York performance by members of the La Scala Symphony on the evening of Wednesday, March 29th starting at 6:00 PM. 

    This event is generously sponsored by Lane, the U.S. subsidiary of Italian construction giant Salini Impregilo. It should be a magical evening and an appropriate tribute to the legendary maestro.

    The celebrated Italian conductor of orchestra music interpreted famous works with unrivaled talent, refined by a constant search for perfection. His passion and dedication left an indelible mark on the interpretation of the work of the great opera composers. Toscanini became an ambassador for these composers in both Italy and the United States during the first half of the last century. In fact, the United States became his second home in 1930s after he left Europe. He had an unwavering commitment to bringing music to the world with a perfection in execution that was second to none. 

    --
    About the Author: Marco Capra teaches history of modern and contemporary music, history of musical theater.
     
    Maestro Riccardo Muti is an Italian conductor. He holds two music directorships: the Chicago Symphony Orchestra and the Orchestra Giovanile Luigi Cherubini. He previously held posts at the Maggio Musicale in Florence, the Philharmonia Orchestra in London, the Philadelphia Orchestra, the Teatro alla Scala in Milan, and the Salzburg Whitsun Festival. A prolific recording artist, Muti has received dozens of honors, titles, awards, and prizes.
     
    ---
     
    TOSCANINI: THE MAESTRO: A LIFE IN PICTURES
    Written by Marco Capra
    Foreword by Maestro Riccardo Muti
    Hardcover / 9" x 10.25" / 240 pages / 180 color and B&W photographs
    $60.00 U.S.,
    $80.00 Canadian,
    £48.00 U.K.
    ISBN: 978-0-8478-5922-1 
    Rizzoli New York 
    Release Date: March 2017 www.rizzoliusa.com
     
  • Fatti e Storie

    La mimosa donata sulla strada

    «La prostituzione è una forma di violenza di genere, abuso ed esercizio del potere dell’uomo nei confronti della donna — afferma Giovanni Paolo Ramonda , presidente della Papa Giovanni —. Nessuna donna nasce prostituta, c’è sempre qualcuno che la fa diventare. Queste donne appartengono per lo più a categorie vulnerabili: arrivano da paesi in guerra o in estrema povertà, da ambienti degradati, e sono spesso vittime di stupro e violenza».

    In questo scenario desolante non mancano però segni positivi. Ramonda commenta l'approvazione il 14 febbraio scorso da parte del parlamento irlandese di una legge che proibisce la prostituzione scoraggiando la domanda: «Come si può parlare di libera scelta della donna? Un consenso viziato all’origine come può essere considerato libero? La Comunità Papa Giovanni XXIII si congratula con il governo irlandese per la scelta di civiltà che va nella direzione della tutela dei diritti delle donne».

    La nuova legislazione adottata in Irlanda si ispira al “modello nordico”: abroga il reato di adescamento che colpiva le prostitute e sanziona, al contrario, il comportamento dei clienti. L'Irlanda entra così nel novero dei paesi abolizionisti accanto alla Svezia, alla Norvegia, all'Islanda, all'Irlanda del Nord, alla Francia.

    Negli scorsi mesi la Comunità di Don Benzi ha lanciato la campagna “ Questo è il mio corpo ”, sottoscritta da numerose persone e associazioni, che chiede al Parlamento l'adozione di una legge ispirata al modello nordico anche in Italia.

    I dati : Secondo la risoluzione del Parlamento Europeo “Sexual exploitation and prostitution and its impact on gender equality” del 26/2/2014, lo sfruttamento sessuale è il destino più comune (nel 68% dei casi) che attende le donne coinvolte nel traffico di esseri umani. La tendenza è in aumento e vede un numero sempre maggiore di minorenni coinvolte. Fra le vittime della tratta l'80% sono donne o bambine. Oltre venti milioni di persone in tutto il mondo sono coinvolte in questo traffico. La maggioranza delle prostitute in Europa sono donne immigrate (con percentuali fra il 60% e il 90%). «Gli studi confermano una relazione diretta fra la liberalizzazione del mercato della prostituzione e un incremento del traffico di esseri umani legato allo sfruttamento sessuale», recita il documento.

  • Take a look at what's in store for the new year!
    Events

    NY. Best of Italian Culture in 2017

    The Italian Cultural Institute of New York

    This winter the Italian Cultural Institute will be presenting a series of events dedicated to renowned Italian writer Italo Calvino on the occasion of the new translation of his landmark book Six Memos for the Next Millennium, a collection of lectures Calvino was to give at Harvard in the fall of 1985 but never delivered as he died before leaving Italy. Five of six planned lectures were completed, each focusing on a specific quality that the writer considered essential in literary writing: Lightness, Quickness, Exactitude, Visibility and Multiplicity. Accordingly, five separate events will be held at various venues throughout the City, each based on one of Calvino’s “American lessons.” Also of note is an exhibition curated by art expert Marco Bertoli who selected a number of beautiful paintings by various artists born not long after the fall of the “Serenissima” Republic of Venice in 1797, 220 years ago. Guglielmo Ciardi, Giacomo Favretto, Rubens Santoro and Pietro Fragiacomo are just a few of the painters who will pay tribute to the stunning city.

    Casa Italiana Zerilli-Marimò, New York University

    The Casa Italiana of the New York University will host several events in collaboration with Carnegie Hall’s citywide festival “La Serenissima: Music and Arts from the Venetian Republic.” On February 9, Casa Italiana will present the US premiere of a staged version of Memoirs, a play written by Carlo Goldoni, the innovative 18th century Venetian playwright. On February 10, a roundtable discussion will be held on the remarkable tradition of early modern Venetian women’s writing. Next up, on February 11, is another US premiere, The Worth of Women, based on Il merito delle donne, a dialogue written by Moderata Fonte, a Venetian poet of the 16th century. Fonte, a woman way ahead of her time, was an advocate of gender equality. Finally, an “interfaith exchange” based on Italian baroque music will be held on February 16. On March 23, the Casa kicks off a fascinating art exhibition centered on the relationship between America’s founding father Thomas Jefferson, President of the US between 1801 and 1809, and the Italian architect Andrea Palladio (1508-1580). The exhibit aims to show the politician’s lesser-known passion for neo-classical architecture and the extent to which he was influenced by Palladio’s style.

    Consulate General of Italy in New York

    The Consulate General of Italy will begin the New Year by reviving their “New York Loves Italy” series, a project begun in 2016 that brings to light Italy’s important role in New York City’s everyday life. Monthly conversations will be dedicated to topics such as film, fashion and art, to name a few. The Consulate will also continue their “Meet the New Italians of New York” program, a dynamic series of encounters that brings together new generation Italian immigrants to exchange ideas and experiences with fellow countrymen who have established themselves in the social and professional fabric of the City. A job fair and an art fair will also be held during 2017 as yet another way to help engage and unify the community. Our overall aim is to strengthen the relations between New Yorkers in love with Italy and Italians who love New York.

    The Italian Academy for Advanced Studies in America, Columbia University

    A few beautiful concerts will be held this winter at Columbia University’s Italian Academy, starting December 2 with Nero and the fall of the Lehman Brothers, the highly anticipated world premiere of the latest opera by Jonathan Dawe. On January 26, Romantic Vienna will feature classical pieces by Schubert and Brahms, and on February 23, don’t miss Prague: Czech Romantics with music by Antonin Dvorák. The last concert of the series is Clara Schumann: Artist and Muse, dedicated to Robert Schumann’s wife, Clara, an incredible composer in her own right. Her music reveals the woman behind the muse. As part of Carnegie Hall’s “La Serenissima” festival honoring the city of Venice, the Italian Academy will host two roundtable discussions. On February 2, forensic musicologist Jordi Savall and musician Magdalena Baczewska will talk about the musical styles and influences of the Venetian Republic. On February 13, a panel discussion with several experts will examine the cultural exchange between the Ottoman Empire and the Venetian Republic.

    John D. Calandra Italian American Institute, Queens College (CUNY)

    The 2017 cultural program of the Calandra Institute is rich and diversified as always. On February 22, a documentary entitled The Barese Icemen of New York will open their “Documented Italians” Film & Video Series. It traces the lives of Italian immigrants from Apulia who dominated ice making and delivery in New York City from the 1920s to the 1960s. Another film will be screened in April, Sicily Jass: The World’s First Man in Jazz followed by a discussion with the director, Michele Cinque, led by independent scholar George DeStefano. Two interesting events will be held in March: on the 16th, cultural historian John Gennari will talk about “Flavor and Soul: Italian America at its African American Edge,” aiming to show how deep does the affinity between black and Italian cultures run in this country. Soon after, on March 22, three young emerging Italian American writers will turn to memoir to explore their roots as part of Calandra’s Writers Read Series. Like every April, the Institute will hold its annual conference (April 27-29). This year the focus will be on music: “Italian Sonorities and Acoustic Communities: Listening to the Soundscapes of Italianità.” Finally, two exhibits will also take place at the Institute: one called “Transnationalizing Modern Languages” and another displaying the work of Italian painter, William Papaleo.

    Center for Italian Studies at Stony Brook University (SUNY)

    The mission of Stony Brook’s Center for Italian Studies is twofold: on the one hand, they organize scholarly events for the academic community. On the other, they hold a variety of cultural activities that engage the Long Island community. For next year we’re planning a number of events of great intellectual and cultural interest. Besides a lecture series, two big conferences are in the works. The first is scheduled for mid June and entitled “Latin and Italian Linguistics.” Coordinated by Professor Lori Repetti, it will bring to campus distinguished scholars to explore programmatic and pedagogical connections between Classical Civilization and the Italian language. The second focuses on “Migration as a Global Phenomenon” and is part of a three-stage initiative involving universities located in three continents: the University of Palermo in May, the University of Sidney in June, and Stony Brook University in October. The migration phenomenon and its different players (refugees, displaced people, dreamers for a better future) will be put into geographic and historic context. The conference is supported by the Fondazione Migrantes. Literary events are fundamental to colleges. In keeping with that idea, the Center for Italian Studies will host a presentation of a special issue of Forum Italicum, Lucania Within: Carlo Levi and Rocco Scotellaro, accompanied by an exhibit of Levi’s paintings and sketches, some never seen before.

    Italian American Experience Lecture Series, Hofstra Cultural Center at Hofstra University

    Hofstra University’s Italian American Experience Lecture Series, now in its twentieth year under the direction of Dr. Stanislao Pugliese, will host three lectures by master chef and culinary authority Enrico Bazzoni, entitled “Italian and Italian American Cuisine Reconsidered.” (Date to be announced). There will also be a special presentation of The Routledge History of Italian Americans edited by William Connell & Stanislao Pugliese. The book is a new multi-authored history of one of the largest ethnic groups in the United States. The collection brings together leading scholars and critics to create a narrative of the trials and triumphs of Italians in America. Concentrating on themes ranging from immigration to religion, labor rights to women’s rights, the collection reflects the field of Italian American Studies in its current form and highlights unique elements of Italian American culture that have particularly influenced the American experience as a whole.

    The Inserra Chair in Italian and Italian American Studies, Montclair State University

    The Spring 2017 Inserra Chair calendar of events offers programs for dedicated Italophiles as well as Italian-American history buffs. On February 23 Joseph Sciorra, Director for Academic and Cultural Programs at the Calandra Institute, will present his book Built with Faith: Italian American Imagination and Catholic Material Culture in New York City, a fascinating look at the impact of Italian-American religious practices. In March (date TBA). Daniele Balicco, editor of Made in Italy e cultura and author of several articles on food, technology and healing practices, and Maurizio Forte, Director of the Italian Trade Agency, will discuss “Food Sustainability and Bio-technologies” as part of a series that approaches the concept of Made in Italy from a philosophical and cultural, as opposed to a commercial, vantage. Finally on April 27 award-winning filmmaker Andrea Segre will premiere his documentary Come il peso dell’acqua (RAI3). The event provides a much-needed Italian perspective on the Mediterranean migrant crisis. The screening and Q&A are part of “Italy and the Euro-Mediterranean Migrant Crisis National Reception, Lived Experiences, E.U. Pressures,” an event in collaboration with Columbia University, which includes a panel of experts on contemporary immigration in Italy (April 26, Columbia University). Each event demonstrates the Inserra Chair’s interest in how the movement from and to Italy of people, ideas, and goods reflects the dynamic nature of the country’s culture and economy.

    Casa Belvedere, The Italian Cultural Foundation, Staten Island

    Staten Island’s Casa Belvedere kicks off a series of not-to-be-missed 2017 events with Il Presepio della Solidarietà, a solidarity crèche crafted by hand by master artisans from Italy’s Campania Region and presented to the New York City Fire Department as a gift from the Naples Chamber of Commerce in honor of 9/11 victims and the brave fire fighters, police officers and EMS workers who made the ultimate sacrifice that day. In 2011 the International Columbia Association of FDNY entrusted the Italian Cultural Foundation at Casa Belvedere to be the custodians of this significant display. On display until January 6. On March 19 the traditional St. Joseph’s Day dinner will be held at the Belvedere Club. The celebration of “Festa di San Giuseppe”, a popular holiday in Italy, especially in the South, provides an occasion to showcase traditional regional fare and the customs that make St. Joseph’s Day special. Also scheduled is the Annual Corrado Joe Manfredi ‘Taste of Italy’ Golf Outing (June, Date TBD). Corrado Joe Manfredi was an accomplished businessman and community leader known throughout the tri-state area and a beloved role model in Staten Island. By celebrating his life and spirit, the Italian Cultural Foundation aims to preserve his legacy and develop a network for the next generation of Italian Americans to follow in his footsteps. Last but not least, there will be two festivals at Casa Belvedere this summer: “Cinema Sotto Le Stelle,” an outdoor Italian film festival (every Wednesday evening starting mid July); and the “Festa d’Italia/Motori d’Italia” Italian Festival and Car Show (September, date TBD). Both festivals are widely popular and attract hundreds if not thousands of visitors.

     

  • Fatti e Storie

    Basta con la violenza sulle donne!

    "Basta con la violenza sulle donne!". Nel dire questo, il Direttore Generale dell’INMP, Concetta Mirisola, esprime la sua personale vicinanza e la solidarietà di tutto il Personale dell’Istituto a tutte le donne vittime di tale aberrante fenomeno, che purtroppo continua a mietere vittime nella nostra società. Da sempre l'istituto Nazionale cura e accompagna le donne vittime di abusi perpetrati anche e soprattutto all’interno delle mura domestiche,

    La data del 25 novembre, scelta nel 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha reso istituzionale, il ricordo del brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne coraggiose per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leonidas Trujllo nella Repubblica Dominicana.

    Volte a sensibilizzare società, governi, organizzazioni e media su tutte le forme di violenza sulle donne, le numerose attività realizzate e proposte dalle Nazioni Unite per questa Giornata hanno l’obiettivo finale di sollecitare una consapevolezza che non limiti l’impegno al solo 25 novembre di ogni anno ma si protragga nel quotidiano. Un’attenzione, quella dell’INMP, che si dispiega 7 giorni a settimana in numerose attività, tutte centrati sulla presa in carico della persona, sugli aspetti di salute connessi alle fragilità sociali e della salute della donna, a cui dal 2011 dedica un apposito servizio nei propri ambulatori specialistici.

    Un fenomeno diffuso e complesso: l’approccio dell’INMP

    “Il nostro Istituto, attraverso le attività di assistenza a tutela della salute delle Donne – dichiara il DG Mirisola – accoglie donne, italiane e straniere, ponendo particolare attenzione alla violenza di genere, con attività di sostegno e interventi in rete con istituzioni e realtà territoriali rivolte alla tutela della donna, oltre che di prevenzione di tali barbari atti, che hanno elevatissimi costi umani e sociali. La violenza sulle donne non è un problema solo femminile, riguarda tutti, e per questo è necessario riflettere insieme su questa piaga, spesso taciuta ma molto diffusa, anche in Italia. La violenza non è inevitabile, e il passaggio dall’immagine di vittima all’assunzione della responsabilità del cambiamento è lo snodo cruciale per prendere le distanze dalla distruttività. Noi lo facciamo attraverso un servizio che offre alle donne vittime di violenza un approccio multidisciplinare: medici, psicologi, assistenti sociali, antropologi e avvocati, professionisti tutti a disposizione delle numerose donne italiane e straniere che fruiscono del servizio.

    Recenti dati Istat (indagine nazionale sulla sicurezza delle donne, 2014) mostrano che circa il 32% delle donne ha subito violenza e che il tipo di violenza più diffusa – e di più complessa emersione – è quella intrafamiliare. Dal 2012 ad oggi, presso l’INMP sono state seguite più di 25mila donne, di queste 2.503 – il 14% italiane – sono state assistite negli ambulatori di ginecologia e psicologia, e 303 sono state vittime di violenza. Attraverso i loro vissuti sono state raccolte 147 storie, di cui 119 casi di violenza domestica. Significativo che 28 donne abbiano riferito storie di abuso avvenuto in minore età.

    La presenza nell’Istituto di diverse figure professionali, lo sportello socio-sanitario per orientamento e informazioni - riguardanti l’accesso ai servizi territoriali sociali e sanitari, l’alloggio e la ricerca di un lavoro – favoriscono un approccio sinergico che conferisce maggior efficacia rispetto al singolo intervento, accompagnando la donna nel suo percorso di uscita dalla violenza e da ogni forma di sopraffazione”.

    Un percorso che vede quotidianamente impegnato l’INMP - attraverso attività di prevenzione, diagnosi e cura, progetti di medicina sociale nel campo ginecologico, corsi di formazione per chi opera nel mondo sanitario e momenti di dibattito pubblico - nel creare elementi di coscienza attiva a difesa soprattutto dei più fragili fra i deboli, le donne e i minori, tra cui molte bambine, vittime di un’altra grave forma di violenza, quali sono le mutilazioni genitali femminili.

    Il migliore augurio che possiamo fare alle nostre società – aggiunge il DG Mirisola - è che ogni giorno sia la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, portando avanti una battaglia di civiltà contro questa grave e inaccettabile violazione dei diritti umani da cui nessuno può sentirsi escluso. Impegnati per un futuro nel quale il rispetto e la dignità delle persone, insieme al diritto alla salute, possano essere riconosciuti e difesi come diritti inalienabili per tutti. Sono valori universali che l’INMP, da sempre concretamente accanto alle persone che soffrono, soprattutto le più fragili, ha fatto propri e in questa giornata di riflessione su un tema così delicato, desidera unirsi alla società civile tutta, perché assieme si possa fermare questo stillicidio, che è la violenza sulle persone più vulnerabili, donne e bambine di tutti i continenti”.

  • Life & People

    i-Italy Needs All of You!

    We founded i-Italy eight years ago with the mission of bringing together three similar, yet traditionally isolated groups of Italophiles: Americans of Italian heritage, Italians living in the United States, and all Americans who love Italy. 

    Since then, with very limited resources and lots of enthusiasm, we've achieved miraculous results. Our website now has over a million hits, and between Facebook and other social media, we have reached 200,000 followers. Our videos on YouTube have been viewed 2 million times, and our television program, established 4 years ago, still airs every Sunday on NYCTV, the Public Broadcasting Station of the City of New York. Additionally, every two months you can find the latest edition of our free-press magazine all over town. 

    The year 2017 marks a critical juncture for i-Italy and we need your help. We plan to expand from New York to Washington, DC and start building a network of correspondents in several US cities. If we succeed, we will bring you even more news, information, and entertainment about everything Italian and Italian American in the United States.

    That's Why We Need You! 
    To remain independent and continue to produce the high-quality content you have come to expect from i-Italy, we rely on people like you who lend their support through sponsorships and donations. In other words, you are the ones who can help us keep the dream going!

    We accept any contribution; every dollar counts!
    For donations of $99 or more you will receive our print magazine at home!
    And remember: all donations are tax deductible! 

    They are made through the Italian American Digital Project (IADP), Inc; a not-for-profit 501(c)3 company whose mission is to facilitate cultural exchange between Italy and the United States. IADP, Inc., will be collecting donations through the "Friends of i-Italy" program.

    Be part of our future! Join the "Friends of i-Italy" program
    and MAKE A TAX-FREE DONATION.

    We'd like to remind you that donating to i-Italy is easy!

    ● Donations may be made by individuals, corporations, and nonprofit organizations ● In compliance with the regulations established by the Internal Revenue Code, the gifts are tax-deductible Card): Please visit www.iItaly.org/donate ● CHECKS: Payable to Italian American Digital Project, Inc., 140 Cabrini Blvd Suite 108, New York, NY, 10033 ● MONEY TRANSFER: Italian American Digital Project, Inc., 140 Cabrini Blvd Suite 108, New York, NY, 10033, Acc # 7926035937; Routing # 026013673; TD Bank, 317 Madison Avenue, New York, NY, 10017 ● Please state as the reason of your donation: "Friends of i-Italy 2017" ● For more information contact us via email: [email protected]

  • Massimiliano Gatti, Rovine di Palmira
    Events

    Massimiliano Gatti: The Day Memory Dissolved

    Massimiliano Gatti presents a stunning record of work at renowned archaeological sites including Qatna, Syria, and Nineveh, in the Iraqi Kurdistan region, where the photographer joined an interdisciplinary research group led by the University of Udine. His exhibition features recent images from these ancient cities, and from around the Mesopotamian region, as well as Khorsabad, Tell Gomel, Jerwan, the Tigris, and a wall of inscription- bearing stones from the “Unrivaled Palace” of King Sennacherib.

    The show of 25 color giclée inkjet prints of landscapes and artifacts embraces work from four projects: “Rovine” (“Ruins,” 2009–current), “In superficie (“On the surface,” 2014), “Limes” (in Latin, “Boundary/ border,” 2011), and “Questo è il giorno in cui la memoria si è dissolta” (“This is the day that memory dissolved,” 2016).

    Gatti’s work has been lauded by Professor Jonathan Green (emeritus, University of California at Riverside) as “poems of enlightenment to direct us into a richer human and historical experience.” In these desert pictures, “the object has not only been removed from any context, but also is bleached by a blinding light, transformed from a fully articulated object into a ghost-like presence. It is vaporizing before our eyes.” This is the American debut for most of the photographs, and the collection is presented together for the first time, assembled in its intended interpretative stratification. 

    This exhibition is part of “Protecting our Heritage,” a focal topic for the Washington cluster of EUNIC (the European Union National Institutes of Culture). EUNIC considers heritage as a source of identity, learning, and inspiration for present and future generations; this program is implemented with the support of UNESCO and in partnership with a number of prominent institutions, including international organizations, universities, museums, and foundations. Curated by Renato Miracco

  • Fatti e Storie

    Giornata Nazionale in memoria delle Vittime dell'Immigrazione

    Numeri che danno conto della specificità dell’Istituto che è centro di riferimento della Rete nazionale per le problematiche di assistenza in campo sociosanitario legate alle popolazioni migranti e alla povertà nonché Centro per la mediazione transculturale in campo sanitario.

    Un punto di riferimento, dunque, nella sanità pubblica italiana, in grado di sviluppare un’assistenza sanitaria di carattere inclusivo, tanto da avere avuto il riconoscimento di best practice dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).

    E dietro i numeri, le vite, i nomi, i volti e le storie di un’emergenza umanitaria senza precedenti e di un fenomeno divenuto strutturale anche nel nostro Paese. Quella dell’INMP è una presa in carico integrata del paziente, che coinvolge infatti medici, psicologi, odontoiatri, infermieri, mediatori transculturali e antropologi negli ambulatori di Roma come a Lampedusa e, più recentemente, anche a Trapani-Milo. Qui, dal maggio 2015 - grazie a una convenzione con il Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione del Ministero dell’Interno - l’Istituto ha allestito nei rispettivi hotspot una propria equipe per l’erogazione di prestazioni clinico-specialistiche alle persone migranti sbarcate garantendo loro assistenza medico-specialistica quotidiana, 7 giorni alla settimana.

    Tra i molteplici obiettivi dell’azione dell’INMP anche la comprensione e descrizione epidemiologica del profilo clinico delle persone assistite, nel continuum del loro percorso migratorio, utile alla qualità dell’assistenza erogata e alle attività di prevenzione sanitaria. Solo nel periodo compreso tra aprile e agosto del 2016, sono state effettuate circa 5mila visite mediche e specialistiche su oltre 2.900 pazienti che hanno usufruito di colloqui psicologici, interviste antropologiche e migliaia di mediazioni transculturali in lingua araba, francese, inglese, tigrina e amarica.

    Perché all’INMP, la cura di chi soffre passa anche attraverso la comprensione e il dialogo, come spiega Concetta Mirisola, Direttore Generale dell’Istituto: “Per una piena presa in carico sanitaria delle persone migranti, che molto spesso hanno subìto gravi traumi nei Paesi da cui sono fuggiti o durante la drammatica traversata, è fondamentale conoscere la loro lingua, il loro universo culturale, coglierne i bisogni che sono anche inespressi, per pudore o paura. Per questo, nel nostro Istituto l’approccio transculturale e orientato alla persona si fonda anche sulla presenza di figure chiave che attualmente non sono previste dal Sistema sanitario nazionale, quali l’antropologo e il mediatore transculturale. Professionalità che nella nostra struttura parlano oltre 30 lingue per meglio accogliere il vissuto di sofferenza di chi si rivolge ai nostri poliambulatori.

    Perché, anche se la maggior parte dei migranti che arriva nel nostro Paese è sana, almeno dal punto di vista fisico - continua il Direttore Generale INMP - sul piano psicologico la situazione è diversa, e sono in aumento coloro che presentano problemi di natura psichica, depressione e ansia, ferite spesso invisibili che compaiono nel tempo riportando alla mente le violenze subìte, il dramma di un viaggio rischioso, la morte di familiari e amici, la perdita di ogni riferimento. Sono episodi di vita difficili da dimenticare cui si aggiungono il trauma dell’arrivo, la difficile permanenza nei centri di accoglienza, la marginalizzazione sociale nei contesti di transito o di destinazione, spesso ostili. Su questi aspetti, la letteratura internazionale indica chiaramente che la prevalenza di patologie come il disturbo post-traumatico da stress aumenta moltissimo - fino al 60 per cento - in persone private della libertà personale, come il permanere nei Centri di Identificazione ed Espulsione, e che nel tempo le persone che hanno subìto questo trattamento avranno più sofferenza psicopatologica e saranno meno integrate di quelle che invece sono state accolte con buone pratiche.

    Per questo il sistema dell’accoglienza ha un ruolo importantissimo. A tutti loro, senza prenotazioni né liste di attesa, quotidianamente prestiamo assistenza sanitaria specialistica sia negli ambulatori di Roma sia nei centri di accoglienza di Lampedusa e Trapani-Milo. Lì i nostri team multidisciplinari sono operativi anche con un medico Pediatra per l’assistenza sanitaria ai minori, accompagnati dai familiari e ai ragazzi che hanno affrontato il viaggio da soli. Perché la tutela del diritto alla salute, in particolare per categorie estremamente vulnerabili come quella dei minori, costituisce uno degli obiettivi e degli impegni sul campo dell’INMP sul fronte dell’immigrazione. Da qui i progetti ‘Assistenza sanitaria specialistica negli Hotspot’ e ‘Progetto CARE’. In particolare, CARE (Common Approach for Refugees and other migrant’s health) è un progetto internazionale finanziato dall’Unione Europea, di cui l’INMP è stato nominato coordinatore; con esso ha preso avvio la sperimentazione e l’attivazione di un protocollo per la determinazione dell’età anagrafica dei minori non accompagnati, una metodologia secondo il modello olistico che prevede la valutazione integrata socio-psicologica e auxologica nell’obiettivo di garantire il principio del migliore interesse del minore. Per loro siamo strutturati con pediatri e psicologi anche negli ambulatori di Roma, dove in questi ultimi 3 anni abbiamo visitato per consulenze specialistiche oltre 2mila minori stranieri tra i 12 e i 17 anni, provenienti prevalentemente da Eritrea, Nigeria, Somalia, Egitto e Bangladesh.

    Ma nel nostro Paese gli arrivi di minori stranieri non accompagnati sono in aumento - conclude Mirisola - a conferma di un’emergenza umanitaria che necessita di azioni e sguardi solidali e inclusivi, insieme a strutture e percorsi di accoglienza minorile adeguati”.

    L’impegno sul campo dell’Istituto Nazionale Salute Migrazioni e Povertà nell’assistenza sociosanitaria a migranti, rifugiati e richiedenti asilo - nella cui sede lo scorso marzo si è recato in visita ufficiale il Presidente della Repubblica Mattarella per testimoniare il comune sentire sui temi sociali e della solidarietà - attraversa i significati valoriali della Giornata Nazionale in memoria delle Vittime dell’immigrazione, istituita con legge del marzo 2016 per il 3 ottobre di ogni anno. Data scelta a fissare nella memoria una delle peggiori tragedie del mare di questi ultimi anni: il 3 ottobre del 2013 persero la vita, al largo dell’isola di Lampedusa, 368 migranti. Una Giornata di iniziative per rinnovare la memoria di quanti hanno perso la vita nel Mediterraneo - oltre 3000 solo nel corso di quest’anno - nel tentativo di emigrare verso il nostro Paese per sfuggire a guerre, persecuzioni, violenze e povertà assoluta. Un’occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica, e i giovani in particolare, alla questione dell’immigrazione e sviluppare sensibilità, solidarietà e consapevolezza civica su una tragedia che si consuma giorno dopo giorno al largo delle nostre coste.

     

    “L’istituzione ufficiale di questa data per ricordare tutte le vittime dell’immigrazione - afferma Mirisola - deve essere un momento di profonda riflessione per tutti, per il nostro Paese e l’Europa intera, per sollecitare l’attenzione sul bisogno di solidarietà civile, di rispetto della dignità umana e del valore della vita, elementi questi che nutrono l’impegno quotidiano di tutto il personale dell’INMP. L’auspicio è che questa Giornata non solo risvegli mature riflessioni sulla necessità e l’urgenza di inclusivi processi di dialogo tra differenti culture, ma possa soprattutto tradursi anche in risposte concrete all’emergenza umanitaria in atto impegnandoci tutti, ognuno per quello che può, su percorsi di accoglienza, ascolto dell’Altro e integrazione superando divisioni, paure irrazionali ed egoismi. Perché, di fronte al lungo elenco di vittime senza nome ingoiate ogni giorno dal Mediterraneo, non possiamo voltarci da un’altra parte: la responsabilità è morale, e nessuno può sentirsene escluso”.

  • Il Parlamento della Repubblica Italiana
    Facts & Stories

    Referendum Costituzionale Domenica 4 dicembre 2016

    Con Decreto del Presidente della Repubblica del 27 settembre 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2016 sono stati convocati per domenica 4 dicembre 2016 i comizi elettorali per il Referendum Popolare Confermativo avente ad oggetto il seguente quesito referendario: Approvate il testo della legge costituzionale concernente “disposizioni per il Superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione", approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016

    Elettori residenti all’estero ed iscritti nell’AIRE

    Gli elettori residenti all’estero ed iscritti nell’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) riceveranno come di consueto il plico elettorale al loro indirizzo di residenza. Qualora l’elettore non lo ricevesse potrà sempre richiederne il duplicato all’Ufficio consolare di riferimento. Si ricorda che è onere del cittadino mantenere aggiornato l’UFFICIO CONSOLARE competente circa il proprio indirizzo di residenza.

    Chi invece, essendo iscritto nell’AIRE, intende votare in Italia, dovrà far pervenire all’UFFICIO CONSOLARE competente per residenza (Ambasciata o Consolato) un’apposita dichiarazione (vedasi fac-simile) su carta libera che riporti: nome, cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, indicazione del comune italiano d'iscrizione all'anagrafe degli italiani residenti all'estero, l'indicazione della consultazione per la quale l'elettore intende esercitare l'opzione.

    La dichiarazione deve essere datata e firmata dall'elettore e accompagnata da fotocopia di un documento di identità dello stesso e può essere inviata per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano all’UFFICIO CONSOLARE, anche tramite persona diversa dall’interessato, entro l’8 di ottobre pv, con possibilità di revoca entro lo stesso termine.

    Elettori temporaneamente all’estero

    Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento del Referendum, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, comma 1 dell’art. 4-bis), ricevendo la scheda al loro indirizzo all’estero.

    Per partecipare al voto all’estero, tali elettori dovranno – entro l’8 ottobre pv- far pervenire AL COMUNE d’iscrizione nelle liste elettorali un’apposita opzioneE’ possibile la revoca entro lo stesso termine. Si ricorda che l’opzione è valida solo per il voto cui si riferisce (ovvero, in questo caso, per il Referendum del 4 dicembre 2016).

    L’opzione (fac-simile qui reperibile) può essere inviata per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano al Comune anche da persona diversa dall’interessato (nel sito www.indicepa.gov.it sono reperibili gli indirizzi di posta elettronica certificata dei comuni italiani).

    La dichiarazione di opzione, redatta su carta libera e obbligatoriamente corredata di copia di documento d’identità valido dell’elettore, deve in ogni caso contenere l’indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale, l’indicazione dell’Ufficio consolare competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l’ammissione al voto per corrispondenza (vale a dire che ci si trova - per motivi di lavoro, studio o cure mediche - in un Paese estero in cui non si è anagraficamente residenti per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento del referendum; oppure, che si è familiare convivente di un cittadino che si trova nelle predette condizioni).

    La dichiarazione va resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445 (testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa), dichiarandosi consapevoli delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci (art. 76 del citato DPR 445/2000)

     

    Maggiori informazioni sul sito del Consolato Generale >>

  • Events: Reports

    Music! Benefit Concert to to Help the Reconstruction of the Teatro Cinema Garibaldi in Amatrice

    The campaign is organized by two associations of Italian jazz musicians: Associazione I-Jazz (http://www.i-jazz.it/)   and MIDJ-Musicisti Italiani di Jazz (http://www.musicisti-jazz.it/website/). It is intended to raise money to help the reconstruction of the Teatro Cinema Garibaldi in Amatrice (one of the small towns the earthquake erased from the map).

    The fundraising platform doesn't charge any commission for the earthquake cause. Those who cannot come to Bar Lunatico on 9/17th might contribute directly by clicking on the above crowdfunding campaign link, just adding the sentence: SOLIDARITY FROM BROOKLYN, BAR LUNATICO EVENT

    Bar LunÀtico (486 Halsey St, Brooklyn, NY 11233

    www.barlunatico.com) - the intimate/magic music venue which is gaining an high reputation in the New York song writer/jazz music scene - in collaboration with Italian guitarist/composer Marco Cappelli has organized a night in support of the victims of the recent earthquake in Italy. 

    A stellar lineup of avant-jazz New York based musicians - usually touring in the most prestigious international festival scene - will perform in support of the cause, in 7 sets. This will be a great night of music and solidarity not to be missed!

    Music starts at 6:30 

    The usual suggested donation is $10, but an upgrade to $20 is strongly recommended for this specific cause.

    Performing musicians: 

    DAMON BANKS http://damonbanks.net/

    ELLIOTT SHARP http://www.elliottsharp.com/

    STEVE BERNSTEIN http://www.stevenbernstein.net/

    MARCO CAPPELLI http://marcocappelli.com/

    ANTHONY COLEMAN http://necmusic.edu/faculty/anthony-coleman

    KEN FILIANO https://en.wikipedia.org/wiki/Ken_Filiano

    JOE HERTENSTEIN http://joehertenstein-music.tumblr.com/

    SHELLEY HIRSCH http://www.shelleyhirsch.com/shelley/

    JAMES ILGENFRITZ https://jamesilgenfritz.com/

    BRAD JONES http://bassjones.com/

    BRIGGAN KRAUSS http://www.briggankrauss.com/

    JT LEWIS http://www.jtlewis.org/bio-discography/ DAVE MILLER https://davemillerdrums.wordpress.com/ JIM PUGLIESE http://www.jimpugliese.org/ BRANDON ROSS https://www.reverbnation.com/brandonross 

    DOUG WIESELMAN http://www.dougwieselman.com/ 

    see the crowdfunding campaign >>

  • Events: Reports

    9/11 Table of Silence Project: Let your voice be heard for Peace

     The Table of Silence Project 9/11 is a multi-cultural prayer for peace, realized through a transcendent ceremony for 100 dancers swathed in white, that carries out the vision of choreographer Jacqulyn Buglisi and artist Rossella Vasta. The site-specific work is titled after Vasta’s installation of 100 terracotta plates arranged around a symbolic banquet table uniting humanity. Buglisi transforms the concept into a moving meditation, a poetic call for tolerance and peace in our world.  

    The impact of the event is rooted in its simplicity. Moving to the minimal plaintive strains of the flute and the ritualistic beat of the tympani, a metaphor for the heartbeat, groups of 20 dancers enter in procession from different directions.

    As they move onto the site, forming patterns of concentric circles, they create a Peace Labyrinth, symbolizing eternity, purity, and the continuous life cycle.

    Filled with the transcendent energy of the Mandala, each dancer embraces a terracotta plate hidden within his/her robe, personifying and embodying the banquet table. 

    Spectators may join the dancers in a ritualistic exercise:enveloped in silence for one minute, they turn their wrists with open palms and extend their arms slowly to the sky. With echoes of the flautist’s act of taking breath, dancers rise and exit in a unified silence, creating a transcendent experience that gives voice to those who have lost their own.   

    Vasta writes: The opportunity to physically “give body” to the table came to my mind after I saw Buglisi's Requiem. When I first realized my 100 plates, I imagined that there were 100 people sitting at this table…The idea of a never ending body of individuals unified by the repetition of one becomes a meditative mantra. 

    The Table of Silence Project 9/11 had its first presentation on the tenth anniversary of 9/11 on the Josie Robertson Plaza at Lincoln Center. Participating were both professional dancers and students from NYC’s premier conservatories and studios: Buglisi Dance Theatre, Ballet Hispanico, Dance Theatre of Harlem, The Juilliard School, The Ailey School, the Martha Graham Company and School, National Dance Institute, Steps on Broadway, and Peridance, among others. This global tribute was seen in 82+ countries via live stream.

    Following its presentation on the Josie Robertson Plaza at Lincoln Center on 9/11/11, The Table of Silence Project 9/11 was performed in Fall 2011 at the Piazza San Rufino in Assisi, Italy; and at the Pan Am Flight 103 Remembrance Wall at Syracuse University. In 2012, 2013 and 2014, it was performed again at Lincoln Center on the anniversary of 9/11. For their artistic contributions in promoting peace, Ms. Vasta received an Honorary Degree from Cardinal Stritch University in Milwaukee, and Jacqulyn Buglisi was featured in the Dance/NYC “New Yorker for Dance” video campaign. 

    In 2014, the Table of Silence was proclaimed a ceremony that uses “the power of movement to pay respect and show renewed commitment to building a brighter future” by New York City Mayor Bill de Blasio and “unites the New York City arts community to spread a message of peace and hope” by New York Governor Andrew Cuomo

Pages