header i-Italy

ANFE ricorda la Baronessa Mariuccia Zerilli Marimò

Gaetano Calà (November 01, 2015)
Riceviamo e pubblichiamo lo scritto del direttore nazionale dell'ANFE


"Non si può utilizzare la formula si è spenta per indicare la dipartita di Mariuccia Zerilli Marimò, perché la Baronessa ha dato tanto alla comunità italo-americana che il suo fulgido esempio non potrà mai trovare le tenebre. L'ANFE ha conosciuto la forza di volontà, la leggiadra determinazione e l'elegante allegria della Baronessa in occasione delle attività culturali dell'Associazione a New York, quando all'arrivo negli USA, molti anni fa, abbiamo trovato nell'istituzione culturale da lei fondata un punto di riferimento importante e imprescindibile.



La lungimiranza con cui la Baronessa fondò nel 1990 la Casa Italiana Zerilli-Marimò presso la New York University, fa di lei una filantropa d'eccezione, raro esempio di come vada promossa e diffusa la cultura italiana nel mondo. In occasione di una delle ultime attività realizzate dall'ANFE negli Stati Uniti d'America, nel 2009 il "Tributo a Joe Petrosino", alla presenza oltre della Baronessa anche di Pietro Grasso e Don Luigi Ciotti, abbiamo collaborato strettamente con la Casa Italiana Zerilli-Marimò, magistralmente diretta da Stefano Albertini, toccando con mano cosa vuol dire "Italia" anche oltre oceano. 

Sono personalmente grato alla Baronessa per quanto ha dato agli italiani in USA e a noi rappresentanti delle Associazioni italiane nel mondo, che abbiamo ricevuto da lei il più prezioso degli insegnamenti: l'Italia è grande a qualunque latitudine. L'ANFE tutta si stringe intorno alla famiglia Zerilli-Marimò, al direttore Stefano Albertini e ai suoi collaboratori."



Comments:

i-Italy

Facebook

Google+