header i-Italy

Articles by: Giovanna Pagnotta

  • Gli Haiku di Andrea Zanzotto



    Parallel worlds, roots/ of vitreous deep languages- / bubbles weep in throats
    Mondi paralleli, radici / di vitrei profondi linguaggi- / bolle piangono in gole
    Sono lampi di emozioni e suggestioni a tratti taglienti come lame, i versi scritti da Andrea Zanzotto in quello che è stato il suo ultimo capolavoro: Haiku for a season.
    A raccontarci Zanzotto, venuto a mancare il 18 Ottobre 2011 è il suo editore ed amico Patrick Barron durante un incontro avvenuto presso lIstituto di Cultura Italiana di New York lo scorso 14 Marzo 2014.
    Haiku for a season è una raccolta di 91 pseudo Haiku in Inglese. Zanzotto si serve proprio di questa forma di componimento nata in Giappone per esprimere suggestivamente i suoi conflitti interiori, le sue paure e le sue ansie.
    Il poeta, come ci spiega Barron, si ispira in maniera libera agli Haiku giapponesi, arricchendoli di neologismi, giochi parole e parole composte che, oltre a renderli incredibilmente affascinanti, esprimono il grande interesse che la sperimentazione ricoprì nel corso di tutta la sua vita. "Zanzotto era una persona curiosa, al quale piaceva sperimentare nuove lingue" continua il professor Barron. E infatti il poeta decise di scrivere le poesie in inglese, una lingua che si presta molto ai giochi di allitterazione e di monosillabismo, tecniche di grande effetto, amate molto da Zanzotto.
    E di questo linguaggio rapido e diretto come i suoi haiku, lautore ne fece medicina per i suoi dolori fisici e dellanima in una continua ricerca della sua soggettività attraverso la poesia.
    Solo quindici anni dopo Zanzotto decide di tradurre autonomamente i suoi versi, una traduzione sicuramente non letterale ci spiega leditore Barron. Il poeta infatti continua a giocare con le parole e crea dei testi paralleli in italiano che quasi si intrecciano con i testi in inglese, integrandoli e in qualche modo rendendoli più ricchi e allusivi.
    Lo ricorda con dolcezza Barron la prima volta che conobbi Andrea, ricordo che mi fece entrare in una stanza dove era appesa una grande bandiera dai colori della pace. Era quasi impossibile parlare con lui tanti erano gli amici, i parenti e i vicini che lo venivano a trovare di continuo.
    Ed è proprio da quella casa nella cittadina di Pieve di Soligo, in Veneto che noi immaginiamo affacciarsi Zanzotto e ammirare la natura e paesaggi, anche interiori, cambiare giorno dopo giorno.
    Haiku for a season edito da The University of Chicago Press, a cura di Anna Secco e Patrick Barron , viene infatti scritto in un periodo molto dedicato della sua vita tra la primavera e lestate del 1984, periodo in cui il poeta era molto malato.
    Petals pappi cotton-filaments/ noses in sneezes awekening/ all is allerrgy
    Petali soffioni filamenti/ nasi si svegliano in starnuti/ tutto è allergia
     E quella malattia, diventata anche interiore, Zanzotto la guarisce attraverso i versi della sua poesia. Una poesia curativa, una manciata di parole che parlano di emozioni profonde che cambiano colori e fioriscono con lo scorrere delle stagioni che il poeta descrive.       
    Andrea Zanzotto rimane uno dei poeti più elogiati del dopoguerra in Italia e Haiku for a season, non può che esserne una conferma. Oltre ad essere incredibilmente suggestivo e ad avere la capacità di trasmettere le immagini dei paesaggi della sua terra da lui molto amati, i versi del poeta, considerato da molti maestro del minimalismo, sono specchio delle trasformazioni di unItalia appena uscita dalla guerra e quindi socialmente e culturalmente in cambiamento.
     
    Haiku of an unforseen daybreak / maybe mine maybe drawls / or mini-noises of other universes
    Haiku di unalba inattesa / forse mia forse cenni / o sussurri di atri universi.         
    Paragonato da molti al celebre Ungaretti, Zanzotto arricchisce però i suoi versi con esperimenti linguistici fatti di poesia bilingue e pseudo haiku.
    Poche parole cariche però di tanti colori, emozioni e paesaggi che portano altrove.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  


  • Facts & Stories

    New York, United Nations. Women March Against Gender Violence


    New York, United Nations. Women, young ladies, and girls all wearing a white coverup, set to make history as they have been every year now, since 2008. Women of all ages and from many nations, almost like flags waving in front of the glass building, paying their respect.


    Personalities such as Ban Soon-Taek, Nassir Al Nasser, Rosemary Di Carlo, Muna Rihani Al Nasser, Lakshmi Puri, Dr. Allan E.Goodman, Trudie Styler to name a few, alongside many other women, all gathered sharing the same goal: to march in order to end gender violence. The initiative comes from UN WOMEN FOR PEACE, an organization of the United Nations established back in 2008 under the patronage of Ban Soon-Taek.


    The organization aims to support humanitarian programs favoring women in emerging countries and countries of active conflicts. Gender equality is in fact still a goal to be achieved in developing countries, where even the most basic rights, like the right to live, often are denied.


    The data collected by the United Nations is unfortunately much too clear. In some countries, seven out of ten women are victims of abuse, rape and even mutilation. There is mention of more than 100 million women who have undergone the barbaric practice of infibulation and every year more than three million African women are likely to be subjected to such brutality. And these are just the numbers that come to us, because violence against women is often hidden and insinuated. It enters homes and too often remains inside of them.


    We present a short but an important way, and although here we focus on underdeveloped countries, but we shed a light on what continues to happen even in the homes of the so-called developed countries where women still suffer from domestic violence. So lets not think that some societies are immune to this.


    But lets get back to the developing countries for which the gathered data appears puzzling and light years away from our reality, yet is the norm there, thanks especially to the lack of education even at the most basic level. It is a fact that more than 77 million girls cannot even attend elementary school.


    This data may make people understand immediately, how extremely vulnerable are those who are soon to become the women of tomorrow.


    Education is indeed one of the key points of the program of UN WOMEN FOR PEACE, which through a project called University for Peace offers scholarships to disadvantaged women to study at the University for Peace in Costa Rica where education and growth are considered to be the fundamental basis for reducing violence and prejudice.


    On this day, we highlight the need to achieve gender equality as not "just" a matter of justice and violation of fundamental human rights, but also because progress of many other sectors depends on it.


    Countries with the greater gender equality are often those that enjoy greater economic growth, companies led by female leaders seem to usually have better performance. Women all over the world, and of all social groups use most of their salaries for the welfare of their family. Reducing women's poverty thus means to reducing poverty globally.


    This is one of the key points on which the UN WOMEN FOR PEACE plans to work in order to make tangible, the hopes of equality of many, many women. Muna Rihani Al-Nasser, Deidre Imus, Sheikha Paula al-Sabah, Cindy McCain just discussed this over lunch at the headquarters of the United Nations, which took place before the march.


    First of all work for a woman is important. Working or perhaps owning a business, is not only important on the profit level, but also leads to a higher awareness of the role that women can play in society, and more generally for economy itself.


    The project Goldman Sachs 10,000, established thanks to the great contribution of Dina Habib Powell, president of the Goldman Sachs Foundation, is doing just that. It is a program that provides education on a managerial level, and helps, even financially, women in developing countries to open their own businesses.


    The day "March in March To End the Violence Against Women" thus goes beyond simple awareness of gender violence and sets clear goals to conquer it with concrete projects. Similarly in fact to the UN TRUST FUND TO END VIOLENCE AGAINST WOMEN which since 1996, provides aid and services for women subjected to violence and abuse, and deals with the implementation of laws and policies to combat gender-based violence.


    Violence against women cannot and should not be considered only a cultural issue, but also a serious criminal offense. It is important also to march along with the people in the streets. Especially on the occasion of the celebration of March 8th, which over the years seems to be losing its authentic spirit. It is important in a society like ours blinded by money, where International Women's Day seems to have become just a consumeristic phenomenon that leads some men to give flowers and maybe to a dinner between friends, strictly women.

  • Fatti e Storie

    Miele. Quel film così difficile

    “E adesso quanto ci vuole?” chiede Carla , “2 o 3 minuti” risponde Miele.

    “Cosi poco?”

    Di sottofondo suona la canzone scelta da Carla, che distesa sul letto, sguardo malinconico perso nel vuoto e marito al fianco aspetta che il sonno del barbiturico la avvolga per sempre.

     

    ---

    È di forte impatto una delle prime scene tratte dal film Miele in cui ci viene mostrato l’iter ormai quasi meccanico svolto dalla protagonista nella procedura  di suicidio assistito.

    Honey, titolo inglese del film che ha visto l’esordio alla regia di Valeria Golino, ha debuttato anche al Lincoln Centre di New York il 7 Marzo 2014 dove sarà in proiezione fino al 13 Marzo. 

    Liberamente basato sul libro “A nome tuo” di Marco Covarich, tratta un tema tanto delicato quanto dibattuto: l’eutanasia o la cosiddetta morte dolce. Dolce forse quanto è amaro il sapore dei barbiturici che i pazienti di Miele devono bere per porre fine alle loro sofferenze. Perché in realtà come spiega la protagonista nel corso del film, parlando con l’ingegner Grimaldi, “l’eroe romantico della vicenda” come lo definisce la Golino, nessuno vuole morire e lei questo glielo legge negli occhi.
     

    Miele, è lo pseudonimo di Irene, una ragazza sui trent’anni dinamica e solitaria. Studentessa per copertura, è in realtà parte di una rete clandestina di persone che aiutano i malati terminali a porre fine alle loro sofferenze attraverso il suicidio assistito.
     

    Miele è l’angelo della morte ed è l’attrice Jasmine Trinca ad interpretarla. “Jasmine era già nella mia immaginazione” ci racconta Valeria Golino durante l'incontro il 4 Marzo presso la Casa Italiana Zerilli-Marimò a New York. “ Non è stata una cosa razionale, ho fatto centinaia di provini per la parte di Miele, ma avrei scelto lei anche se non si fosse presentata”.
     Amiche e colleghe da una vita, la loro avventura insieme nella produzione di miele inizia quattro anni fa quando Valeria durante una sfilata di moda chiede a Jasmine: “ Taglieresti i tuoi capelli per me?” Jasmine rispose scherzando: “Per te tutto, Valeria”. Un anno dopo Jasmine stava già leggendo il libro di Marco Covarich e poco dopo iniziarono le riprese.
     

    Jasmine Trinca impersona una ragazza sportiva, sempre in movimento sdoppiata tra Irene e Miele finché la sua vita non si scontra con quella dell’Ingegner Grimaldi, interpretato da Carlo Cecchi. Grimaldi è un uomo solo e depresso che chiede i barbiturici a Miele nonostante non sia fisicamente malato. Dall’incontro di queste due anime sole,  nascerà un profondo sentimento che cambierà la vita dei due personaggi fino ad uno struggente epilogo della vicenda.
     

    ”Quando parlai per la prima volta con Valeria Golino di questo film, prima che lei lo finisse e che io lo vedessi, ci focalizzammo sull’eutanasia e sull’omicidio assistito,  temi indubbiamente di grande rilievo nella vicenda." dice Stefano Albertini, direttore della Casa Italiana Zerilli-Marimò "Ma questo è un film che parla di una relazione. Una relazione bellissima, profonda e molto forte che lega due persone sole.  Per me questo è uno degli aspetti più importanti”.

    Albertini racconta di aver visto per la prima volta Miele a Firenze l’estate scorsa e di esserne subito rimasto molto colpito. “Non ero preparato a vedere ciò che ho visto” continua “Questa sera, pur rivedendo il film per la seconda volta ne sono rimasto di nuovo molto toccato. Questa è una grande pellicola che ci rende molto orgogliosi del cinema italiano”.
     

    Nell’incontro presso la Casa Italiana, alla vigilia della presentazione al Lincoln Center, la regista Valeria Golino, la protagonista Jasmine Trinca e i produttori Riccardo Scamarcio e Viola Prestieri ci raccontano anche  tutte le difficoltà e le sfide affrontate per arrivare a girare un film sull’eutanasia, una questione tabù, considerata a volte troppo scomoda.

    “Cominciammo subito con il cercare qualcuno che avesse voluto produrre il film con noi. Ma alla fine facemmo il film da soli” scherza Viola Prestieri.
     

    “I nostri amici ci supplicavano di non fare questo film, sarebbe stato un disastro come debutto di Valeria e ci dicevano scherzando che quello sarebbe stato il suo primo e ultimo film” racconta Riccardo Scamarcio.
     

    Ma nonostante tutti pronostici, nonostante tutte le difficoltà e il budget limitato, il film, uscito in Italia nel Maggio del 2013, è stato un grande successo ed ha ricevuto numerosi riconoscimenti in Italia e nei più di 15 paesi dove il è stato venduto.
     

    “Abbiamo inoltre scoperto di avere una nuova regista di grande talento, e questo è molto importante” continua Scamarcio.
     

    Il grandioso successo dell’esordio alla regia di Valeria Golino è un traguardo di notevole importanza per il cinema italiano, ora arricchito grazie al contributo di una neoregista che ha avuto il coraggio e la capacità di trattare una questione così delicata e sconveniente con grande maestria.
     

    Di forte impatto per il pubblico Miele non è solo un bel film, è sicuramente un importante punto di partenza per riflettere su quel tema tanto delicato, attuale e drammatico come l’eutanasia.

  • Fatti e Storie

    New York, Nazioni Unite. Donne in marcia contro la violenza di genere


    New York, Nazioni Unite.  Donne, signore, ragazze insieme con indosso una pettorina bianca per fare storia come ogni anno ormai, dal 2008.


    Di tutte le età e di tante nazioni, come le bandiere che sventolano davanti al palazzo di vetro, quasi a rendergli omaggio. Personalità di spicco come Ban Soon-Taek, Nassir  Al Nasser,Rosemary Di Carlo, Muna Rihani An Nasser, Lakshmi Puri, Dr. Allan E.Goodman, Trudie Stailer per citarne alcune, fianco a fianco con tante altre donne come tante, tutte riunite con lo stesso obiettivo: marciare per porre fine alle violenza di genere.


    L’iniziativa è quella dell’UN WOMAN FOR PEACE un’istituzione delle Nazioni Unite fondata nel 2008 sotto il patronato di Ban Soon-Taek, per supportare programmi umanitari  a favore delle donne nei paesi emergenti e con conflitti in atto.

     
    L’uguaglianza di genere  rimane infatti ancora un obiettivo da raggiungere nei paesi in via di sviluppo, dove anche i diritti più basilari, come quello alla vita, troppe volte vengono negati.

     
    I dati raccolti dalle Nazioni Unite purtroppo dicono chiaro. In alcuni paesi sette donne su dieci sono vittime di maltrattamenti, stupri e addirittura di mutilazioni. Si parla di più di 100 milioni di donne sottoposte alla barbara pratica dell’infibulazione e ogni anno più di tre milioni di donne africane rischiano di essere sottoposte a  tale brutalità. E  questi sono solo i numeri che ci  arrivano, perchè la violenza sulle donne è insinuante e spesso nascosta. Entra nelle case e rimane li dentro. Apriamo solo una breve ma importante parentesi, anche se in questa sede ci concentriamo sui Paesi in via di sviluppo,  su quello che continua ad accadere anche nelle case dei cosiddetti Paesi sviluppati dove le donne subiscono ancora violenza. Questo per non pensare che alcune società siano immuni.

     
    Ma torniamo ai Paesi in via di sviluppo quelli che per noi appaiono dati sconcertanti, lontani anni luce dalla nostra realtà, sono invece la normalità, complice soprattutto la mancanza di istruzione anche ai livelli più basilari.

     
    Si conta infatti che per  più di 77 milioni di bambine non sia possibile nemmeno  frequentare le scuole elementari. E' un dato che può far capire subito quanto siano totalmente vulnerabili quelle che poi saranno quelle donne di domani.

     
    L’educazione è infatti uno dei punti fondamentali del programma dell’UN WOMEN FOR PEACE che con il progetto University for Peace offre borse di studio a donne svantaggiate per poter studiare nell’ Università per la Pace in Costa Rica dove l’educazione e la crescita sono considerate base fondamentale per ridurre la violenza e il pregiudizio. 

     
    In questa giornata viene sottolineata l’importante necessità di raggiungere l’uguaglianza di genere non “solo” per una questione di giustizia e di violazione dei fondamentali diritti umani, ma anche perché il progresso di molti altri settori dipende proprio da questo.

     
    I paesi con una maggiore uguaglianza di genere sono quelli che godono di una maggiore crescita economica, le compagnie guidate da leader di sesso femminile sembrano solitamente avere prestazioni migliori. Le donne in tutto il mondo, e di tutte le fasce sociali utilizzano la maggior parte dei loro stipendi per il benessere della propria famiglia. Ridurre la povertà delle donne significa quindi ridurre la povertà a livello globale.

     
    Ed è questo uno dei punti fondamentali sui quali la UN WOMAN FOR PACE progetta di lavorare per rendere tangibili le speranze di uguaglianza di tante, troppe donne.  Muna Rihani Al-Nasser, Deidre Imus, Sheika Paula al Sabah, Cindy Mccain  hanno discusso proprio di questo durante il pranzo nella sede centrale delle Nazioni Unite che si è svolto prima della marcia.  Prima di tutto è  importante il lavoro per una donna. Lavorare e magari possedere un’impresa, oltre che essere importante a livello remunerativo comporta una maggiore consapevolezza del ruolo che anche le donne possono svolgere all’interno della società e più in generale per l’economia stessa.

     
    Il progetto Goldman Sachs 10,000, istituito grazie al grandioso contributo di Dina Habib Powell, presidente della fondazione Goldman Sachs, si occupa esattamente di questo.


    Si tratta infatti di un programma che offre istruzione a livello manageriale e aiuta, anche finanziariamente, le donne dei paesi in via di sviluppo ad aprire le loro imprese. 

     
    La giornata “March in March To end the violence against women” va dunque al di là della semplice consapevolezza della violenza di genere e si pone dei chiari obiettivi per contrastarla con dei progetti concreti.

     
    Come anche l’UN TRUST FUND TO END VIOLENCE AGAINST WOMEN che dal 1996, fornisce aiuti e servizi per donne soggette a violenze e maltrattamenti e si occupa dell’implementazione di leggi e politiche per contrastare la violenza di genere.

     La violenza sulle donne non può e non deve essere considerata solo culturale, ma anche una grave violazione criminale.


    E' importante quindi ancora anche marciare tra la gente, per la strada.  Anche in occasione di una giornata come quella celebra l'8 marzo anche se, negli anni,  sembra peredere sempre di più il suo autentico spirito. E' importante, in una società come la nostra accecata dal denaro, dove la festa della donna sembra diventata solo un fenomeno consumistico che porta a regalare qualche fiore ed una cena tra amiche, rigorosamente donne.


  • Arte e Cultura

    Buon compleano, Michelangelo!


    Il 6 Marzo di 539 anni fa a Caprese, una piccola cittadina vicino ad Arezzo nasceva quello che fu considerato una delle prime celebrità a livello artistico: Michelangelo Buonarroti.

    Michelangelo fu infatti uno dei massimi protagonisti del rinascimento Italiano ed era considerato dai suoi contemporanei come un artista da venerare.


    Capace di trasformare un blocco di marmo in una statua viva come il “David”, di lasciarci strabiliati di fronte all’immagine di Dio che protende la mando verso Adamo per infondergli la vita ne “la creazione di Adamo”  o di trasmetterci tutta la dolcezza e il sentimento racchiuso in una abbraccio di una Madre verso il Figlio morente come vediamo ne “La Pietà” , Michelangelo divenne ben presto un personaggio noto del suo periodo e fu uno dei primi artisti della storia a guadagnare così tanti soldi attraverso la sua arte da diventarne ricco. Ma così che si dice avrebbe avuto la possibilità di mantenere la sua famiglia per i successivi tre secoli senza nessuno sforzo.


    Non è difficile da credersi  considerando che tutt’ora Michelangelo è uno dei massimi emblemi dell’arte Italiana e, apprezzato  in tutto il mondo, è motivo di grande orgoglio per la nostra cultura.


    Di Michelangelo furono scritte due biografie, la prima da Giorgio Vasari e la seconda dal suo collaboratore Ascanio Condivi, a riprova che, da perfetto uomo del rinascimento, Michelangelo tenesse molto alla sua immagine di artista.


    Come quello di ogni genio, in varie occasioni, l’estro di Michelangelo non venne accolto con entusiasmo da tutti. È il caso ad esempio de “il giudizio universale” considerato un grande capolavoro da molti, ma allo stesso tempo un’offesa da altrettante persone, turbate nella loro sensibilità dalle scene di nudo totale presenti nell’opera. Lo scandalo fu così grande che, pochi mesi prima della morte di Michelangelo, la Chiesa decise di censuare il dipinto, disegnando drappi e vesti nelle parti osée del dipinto. Modifiche che tutt’ora persistono, segno che, dopo più di quattro secoli e mezzo, Michelangelo sia ancora capace di impressionare.


    In Italia dal 18 Febbraio, 450°anniversario della scomparsa del grande artista, si è dato il via ad una serie di mostre ed eventi per ricordare il suo incontenibile genio.


    Le iniziative toccheranno ovviamente la città di Firenze, dove nella Galleria dell’Accademia è stata aperta al pubblico la mostra “Riconoscere Michelangelo” a cura di Monica Maffioli e Silvestra Bietoletti e in collaborazione con i fratelli Alinari, dove l’artista sarà presentato anche con uno sguardo alla contemporaneità.


    Sempre nel capoluogo toscano a casa Buonarroti verrà presentata da Giugno fino ad Ottobre la mostra “Michelangelo e il novecento”. Anche gli Uffizi renderanno omaggio al grande artista con un nuovo allestimento di alcune delle sale presenti all’interno della struttura.


    Si passerà poi per Arezzo dove a  Casa Vasari sarà allestita una mostra riguardo Michelangelo e Giorgio Vasari, per concludere poi a Genova dove nel mese di Marzo verranno organizzarti vari eventi per commemorare l’arte di Michelangelo.




  • Fatti e Storie

    John Fitzgerald Kennedy e Carlos Marcello


    “Tutti si ricorderanno perfettamente in quale luogo fossero e cosa stessero facendo il 23 Novembre 1963. Stessa cosa vale per l’11 Settembre 2001. In entrambe le occasioni io ero in Italia.” Ci racconta Joseph La Palombara, professore emerito di scienze politiche e management e primo ricercatore presso l’Università di Yale.

     
    E’ in occasioni disarmanti come queste che il mondo sembra improvvisamente fermarsi per lasciare spazio allo shock più totale. Il 23 novembre 1963 alle ore 12.30 infatti tutto il mondo assiste inerme all’omicidio del presidente John Fitzgerald Kennedy a Dallas in Texas.

     
    L’omicidio dell’allora trentacinquesimo presidente degli Stati Uniti è ancora un avvenimento con molte ombre sul quale sono state costruite varie teorie. Sin dall’inizio fu arrestato per l’omicidio Lee Harvey Oswald, un impiegato della Texas School Book Depository che non riuscì ad arrivare al regolare processo perché ucciso due giorni dopo il suo arresto da Jack Ruby. 
    Nonostante il lavoro di diverse commissioni presidenziali l’omicidio Kennedy rimane ancora un caso  aperto. Per la maggior parte degli americani risulta difficile poter pensare che la persona implicata nell’omicidio sia solo una. La tesi che il fatto sia dovuto a tendenze cospirazionistiche è dilagante.

     
    “Io ero una di quelle persone che credevano a ciò che la commissione presidenziale ci aveva fatto credere, ossia che l’assassinio di Kennedy fosse legato ad una sola persona. Il libro di Stefano Vaccara mi ha aiutato a capire che forse c’era qualcosa di più di una semplice persona, che forse qualcosa di studiato dietro questo assassinio politico c’è stato”. La Palombara continua dicendo che nonostante le sue origini di Chicago, città dove era presente una diffusa e ben radicata criminalità organizzata, non sapeva , come molti di noi prima di leggere il libro di Vaccara, che a New Orleans un uomo di nome Carlos Marcello fosse a capo della più potente organizzazione mafiosa in America.

     
    Calogero Minacori detto Carlos Marcello nasce in Sicilia e poco dopo si trasferisce in Louisiana insieme alla famiglia dove conquista la sua fama da criminale sin da giovane. Il primo incontro con i fratelli Kennedy avviene nel 1959 quando Robert Kennedy , che faceva parte di una commissione contro il crimine organizzato insieme al Presidente degli Stati Uniti , lo interroga a Washington. In quella occasione gli fa la solenne promessa che lo avrebbe espulso dall’America.

     
    Promessa mantenuta nel 1961 quando Robert Kennedy diventa procuratore generale. Il primo obiettivo diventa quello di combattere la mafia e nello stesso anno Carlos Marcello viene rapito e deportato in Guatemala, da dove riuscirà incredibilmente a fuggire per far ritorno in America.
    Bisogna immaginare Carlos Marcello come un grande esponente della mafia, quello che forse nel nostro immaginario può essere Don Vito Corleone, protagonista de “Il Padrino”.


     George De Stefano, scrittore e blogger, ci racconta che Carlos Marcello era colui che si può definire il vero mafioso, una persona della quale a malapena si conosce il nome ma capace di avere relazioni a livello politico e un controllo sul business che gli assicuravano il dominio totale.

     
    Nel suo libro il giornalista siciliano, e direttore di La Voce di New York, Stefano Vaccara ci spiega che la mafia si va a radicare quando le associazioni a delinquere iniziano ad avere relazioni di reciprocità con istituzioni, politici ed enti pubblici ed è proprio attraverso tutto ciò che Carlos Marcello riesce a creare il suo impero criminale. Questa forte presenza della mafia in Texas fu cruciale per l’eliminazione del suo nemico John Fitzgerald Kennedy.

     
    “A dog will continue to bit you if you cut off its tail. Chop off its head and it will cease to cause you trouble”  “Un cane continuerà a morderti se gli tagli la coda. Tagliagli la testa e smetterà di causarti problemi” diceva Carlos Martello. In questo caso soprattutto, ci spiega Vaccara, non sarebbe bastato eliminare Robert Kennedy, la coda. E infatti il 23 Novembre 1963 Carlos Marcello punta direttamente alla testa: il presidente John Fitzgerald Kennedy.

     
    L’omicidio Kennedy e tutto ciò che vi è alle spalle è una vicenda intricata e sicuramente difficile da seguire. L'abilità di Vaccara sta proprio nel rendere semplice un racconto di tale portata e nel riuscire a condensare in poco più di duecento pagine anni di studi e di ricerche. Tutto ciò viene tradotto in un libro che intriga il lettore e apre gli occhi, rendendo in questo modo chiara l’implicazione della mafia nell’omicidio Kennedy.

     
    Perché parlare di una questione a tratti così scomoda? “Questo è il paese che io amo e non sapeva la verità. Gli americani meritano di sapere la verità” Vaccara continua dicendo che le istituzioni, in realtà,  la verità l’ hanno sempre saputa ma hanno anche sempre cercato di insabbiarla. La mafia, secondo l’autore, ha agito certa che non sarebbe stata punita, certa che si sarebbe messo in moto questo meccanismo di occultamento che va avanti ininterrottamente ormai dal sessantatré.  

     
     Vaccara ci lascia con un quesito irrisolto spunto per un’interessante riflessione. Arrivati a questo punto non risulta ormai tanto più importante sapere con certezza quali furono i protagonisti della vicenda del 23 Novembre 1963. Di fondamentale importanza per la nostra democrazia è invece chiedersi chi e per quale motivo abbia deciso di infangare la vicenda dell’omicidio Kennedy fino ad oggi.
     


  • Tourism

    Piero Fassino in New York: Presenting Turin

    "You can bet on Turin," “Puoi scommettere su Torino” is the slogan, which in New York, opened the days dedicated to the promotion of the major city of Piedmont: Turin, a modern city and a multiform reason and a driving force of the entire Italian peninsula. Turin is ready to launch EXTO, an event organized in parallel with the Expo 2015 in Milan.

    Therefore at the begining of the countdown to the Expo 2015, which will culminate in Milan on May 1st with the opening of the World's Fair, Mayor of Turin, Piero Fassino, supported by his resourceful team, tells us about his city, which is to have quite an important presence during Expo 2015.

    He did during three events. At the ICE (Agency for the promotion abroad and internationalization of Italian firms) in New York, directed by Pier Paolo Celeste, where he spoke of investments and real estate market, together with the Consul General of Italy in New York Natalia Quintavalle and the city-planning commissioner Stephen Lo Russo.

    The second stop was at ENIT (National Agency for Tourism), conducted in New York by Eugenio Magnani. There, the talk centered on the topic of promotion of tourism, and the Vice Consul Lucia Pasqualini and Marcella Gaspardone, director of tourism marketing office in Turin, joined him.

    Before the beginning of the  Piedmontese reception the audience got to watch a promotional film starring the talented actor, Arturo Brachetti, which was a fun yet always an informative break.

    And in the evening, at a meeting at the narrower circle of the Partito Democratico, although the issues were obviously related to the contingent management national policy, there was certainly no shortage of references to issues related to the administration of the municipality of Turin.

    Metropolis with an important historical legacy, the first capital of Italy in the nineteenth century, Turin has always been an economic center capable to spread its development done by large companies (among these, first of all, Fiat, today Fiat / Chrysler, distinctive symbol of Made in Italy) across the peninsula.

    The capital of Piedmont is also the birthplace of the gastronomic chain Eataly, the first example of a union between the public and private sectors, an ambassador in a sense of Turin and Italy in many cities across the world, including New York.

    Turin also plays a very important cultural role, with its two major university centers that serve more than 100,000 students, fourteen royal residences, 45 museums, including the world-famous Egyptian Museum and the most important museum of film in Europe.

    In 2006 the city was the site of the Winter Olympic Games, which in addition to being a huge strategic investment in terms of structures, also let the citizens of Turin for the first time to feel as they belonged to a world community and thus exposing them to an international reality.

    Natalia Quintavalle talks about it as a multifaceted city, evolving, and therefore able to adapt and reinvent itself according to the needs dictated by a country that, as in the rest of Europe, must deal with the specter of crisis and therefore now more than ever, is in need of innovation.

    The program of this visit to New York, as explained by the Consul General, is to show how things are now beginning to change. "Presenting the investment opportunities in Turin, Mayor Fassino not only is playing his role as mayor, but is also promoting what are the opportunities of all of Italy."

    Italy is in fact learning to create its spot at the international level thanks to its ability to assist the tangible and intangible resources that have always distinguished us, making it all possible through a great job of co-operation.

    Expo 2015 will be a big international stage for Italy and Turin; an opportunity to promote is as the country with a glorious past, but also with a rich future.

    What exactly are the projects in which the city of Turin has been and will be involved in the coming months?

    The key is urban development says Stefano Lo Russo, Deputy Mayor for City Planning.

    For urban development, the focus lies in the renewal of anything related to infrastructure such as the rail system, the modern high-speed network, the subway that allows flow within the city, and all this to be achieved keeping in tune the enrichment and respect for the environment as well.

    According to Lo Russo transformations must start from what already exists, therefore it must begin with upgrading and the reuse of existing structures. “Il lingotto" in Turin is one of the clearest examples of the reuse of buildings. This district, once home of the first industrial space of FIAT in 2006 (for the XX Olympic Winter Games) has been converted into an important trade fairs, thanks to the project of architect Renzo Piano. The same Olympic village was reused to build housing and student residences.

    Turin is a city for the people, and no city can be that if people do not feel they belong to a community. Russo explains that in fact one of the prerogatives of the government was precisely to transmit this kind of concept. Furthermore, public awareness is the key strategic project for the city in the future and that is why it is crucial for the commissioner to create a solid and transparent link between the government and citizens.

    Turin is a city that focuses on future projects, possible, as the commissioner said, only through a synergistic combination of commitment and functional public and private sectors. Variante 200 seems to be one of the most ambitious projects that Turin sets out to complete in the years to come. A project that will radically change the face of 900 thousand square meters of the North-East of the city. Slogan: Retraining.

    But Turin is not "just" that. For years now, the authorities are trying to make the city more attractive to an ever-increasing number of tourists.

    "If an American citizen thinks of Italy, the first cities that immediately come to mind will surely be Rome, Venice, Florence and Naples, but as I tried to explain, Turin now has a new identity," explains Fassino. Turin year after year has indeed become an increasingly popular tourist destination and it should reach its peak of visitors from May to the end of October on the occasion of EXTO, an event organized in tandem with the Expo 2015 in Milan. The two cities are in fact connected efficiently thanks to a high-speed railway and it is for this reason that the authorities are working to prepare affordable deals which are sure to make tourists choose to stay in Turin as a city and then visit the Milan fair.

    What are the strategies to promote Turin until 2015?

    Marcella Gaspardone, director of the marketing of tourism in Turin answers this question:

    "What we're trying to do is create some benefits, namely packets and show Turin as a city with great prices and fast lanes for accessing museums. We are trying to advertise Turin through various projects to promote it, such as the on-site presentations like the one today as well as advertising on the web. Very important will also be the sale of deal packages through tour operators and surely we will be happy to follow the promotional initiatives of Expo 2015, and be sure to have the same plan to implement."

  • Fatti e Storie

    Piero Fassino a New York: vi presento Torino

    “You can bet on Torino”, “Puoi scommettere su Torino”, con questo slogan si è  aperta una delle giornate di promozione della città piemontese a New York. Torino, città moderna e multiforme  motivo e forza trainante di tutta la penisola italiana. Torino pronta a lanciare EXTO, evento organizzato di pari passo con l’expo 2015 di Milano.
     

    E dunque al via del countdown per l’expo 2015 che culminerà a Milano il primo Maggio con  l’apertura della Fiera mondiale,  il sindaco Piero Fassino, fiancheggiato da un team di massima risonanza ci racconta la sua città che avrà una presenza importantissima.

    Lo ha fatto,  in tre appuntamenti. Presso l'ICE (Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane) di New York, diretto da Pier Paolo Celeste, parlando di investimenti e mercato immobiliare con il Console Generale d'Italia a New York, Natalia Quintavalle e l'assessore all'urbanistica, Stefano Lo Russo

    All'Enit (Agenzia Nazionale per il turismo), condotto a New York da Eugenio Magnani,  si è parlato di promozione turistica con il Vice Console Lucia Pasqualini e Marcella Gaspardone, direttrice dell’ufficio marketing del turismo di Torino.

    Pausa divertente ed istruttiva al tempo stesso, sempre all"Enit, prima di un rinfresco a base di prodotti piemontesi, quella della visione del filmato per la promozione affidata al bravissimo attore, Arturo Brachetti.

    E anche la sera, in un incontro più ristretto presso il circolo del PD, nonostante le tematiche fossero legate ovviamente alla contingente gestione politica nazionale, non sono certo mancati riferimenti a tematiche legate all'amministrazione del comune di Torino.
     

    Metropoli dall’importante eredità storica, prima capitale d’Italia nel diciannovesimo secolo, Torino è da sempre stata un cuore economico pulsante capace di trascinare tutta la penisola nel suo sviluppo fatto di grandi aziende. Tra queste prima di tutto la Fiat, oggi Fiat/Chrysler, simbolo caratterizzante del made in Italy.
     

    Il capoluogo piemontese è anche la città natale della catena gastronomica Eataly, primo esempio di unione tra il settore pubblico e quello privato, ambasciatrice in un cerso senso di Torino e dell’Italia in molte città, compresa New York.
     

    Torino poi  gioca un ruolo molto importante nella cultura, con due poli universitari di grande rilievo che contano più di 100.000 studenti, quattordici residenze reali, 45 musei tra cui il famosissimo museo egiziano e il più importante museo del cinema a livello europeo.

    Nel 2006 la città è stata teatro dei giochi Olimpici invernali, che oltre ad essere stati un enorme investimento strategico in termini di strutture hanno fatto si che per la prima volta i cittadini di Torino si sentissero appartenenti ad una comunità mondiale e si affacciassero così ad una realtà internazionale.
     

    Natalia Quintavalle l'ha raccontata come una città poliedrica, in continua evoluzione, capace quindi di adattarsi e di reinventarsi sempre secondo le esigenze dettate da un paese che, come in tutta l’Europa, deve fare i conti con lo spettro della crisi e  che quindi ora più che mai ha bisogno di innovazione .
     

    Il programma di questa visita a New York , come spiega il console, mostra come ormai le cose stiano cominciando a mutare. “Presentando quelle che sono le opportunità di investimento a Torino il sindaco Fassino non solo sta svolgendo il suo ruolo di sindaco ma sta anche promuovendo quelle che sono le opportunità dell’Italia intera.”

    L’Italia sta infatti imparando a farsi spazio  a livello internazionale grazie alla sua capacità di coadiuvare le risorse materiali e immateriali che da sempre ci contraddistinguono, rendendo tutto ciò possibile attraverso un grande lavoro di cooperazione.
     

    L’expo 2015 sarà quindi un grande palcoscenico internazionale per l’Italia e per Torino, un’occasione per puntare alla promozione di un paese con un glorioso passato ma con un futuro altrettanto ricco.
     

    Ma quali sono i progetti nella quale la città è stata e verrà coinvolta nei prossimi mesi?

    La chiave di tutto è lo sviluppo urbano ci spiega Stefano Lo Russo, Assessore dell’Urbanistica.

    Per sviluppo urbano in primis si intende il rinnovamento di tutto ciò che riguarda le infrastrutture come ad esempio il sistema ferroviario, la moderna  rete ad alta velocità, la metropolitana che rende possibili gli spostamenti all’interno della città e tutto questo puntando all’arricchimento e al rispetto dell’ambiente stesso.
     

    Secondo Lo Russo le trasformazioni devono partire da ciò che già esiste, devono quindi iniziare dalla rivalorizzazione e dal riuso delle strutture già esistenti. Il “lingotto” a Torino è uno degli esempi più chiari del riutilizzo di edifici. Questo quartiere, una volta sede dei primi spazi industriali Fiat è stato trasformato  nel 2006, in occasione dei XX Giochi Olimpici Invernali di Torino, in un importante polo fieristico grazie al progetto di Renzo Piano. Lo stesso villaggio olimpico è stato riutilizzato per costruire case popolari e residenze studentesche.
     

    Torino è una città per le persone, nessuna città è tale se le persone non sentono di poter appartenere ad una comunità. Lo Russo ci spiega infatti che una delle prerogative delle amministrazioni è stata proprio quella di riuscire a trasmettere questo tipo di visione. La sensibilizzazione dei cittadini è la chiave strategica per proiettare la città nel futuro ed è per questo che risulta fondamentale per l’assessore creare un solido e trasparente legame tra le amministrazioni ed i cittadini.
     

    Torino è una città che punta molto ai progetti futuri, possibili come ci spiega l’assessore, solo attraverso una sinergica e funzionale combinazione tra impegno pubblico e privato. Variante 200 sembra essere uno dei progetti più ambiziosi che Torino si pone per gli anni a venire che cambierà radicalmente il volto di 900 mila metri quadrati dell’area Nord- Est della città. Parola d’ordine: riqualificazione.
     

    Ma Torino non è “solo” questo. Ormai da anni le amministrazioni stanno cercando di rendere attrattiva la città ad un numero di turisti sempre in aumento.
     

    “Se un cittadino Americano pensa all’Italia le prime città che immediatamente gli verranno in mente saranno sicuramente Roma, Venezia, Firenze e Napoli ma come ho cercato di spiegarvi, Torino oggi ha una nuova identità” ci spiega Fassino. Torino è infatti diventata anno dopo anno una sempre più rinomata meta turistica e si conta possa raggiungere il suo picco di visitatori dal primo maggio alla fine di ottobre in occasione dell’ EXTO, evento organizzato di pari passo con l’expo 2015 di Milano. Le due città infatti risultano efficientemente collegate grazie alle linee ferroviarie ad alta velocità ed è per questo motivo che le amministrazioni stanno lavorando per preparare delle offerte vantaggiose che portino i turisti a scegliere Torino come città dove soggiornare per poi visitare anche la fiera di Milano.
     

    Ma quali saranno le strategie per promuovere Torino fino al 2015?

    Alla domanda risponde Marcella Gaspardone, direttrice dell’ufficio marketing del turismo di Torino.

     “Quello che stiamo cercando di fare è creare dei benefit, ossia dei pacchetti come città con prezzi vantaggiosi e corsie preferenziali per accedere ai musei. Stiamo cercando di pubblicizzare Torino attraverso vari progetti di promozione dalle presentazioni in loco come quella di oggi alla pubblicità via web. Molto importante sarà anche la vendita dei pacchetti attraverso i tour operator e sicuramente saremo ben felici di seguire le iniziative di promozione che l’expo 2015 stessa avrà in programma di attuare”.

  • Fatti e Storie

    Nella Città Nuda. Nella trama invisibile delle storie di New York

    “ Li vedo salire e scendere senza sosta. Sognare e soffrire in una città che è una promessa, e può essere mantenuta solo da chi la vive. Sono anch’io uno di loro, e la cosa più importante che ho imparato è che New York è infinita proprio perché è una promessa.”

    Antonio Monda, scrittore, docente e giornalista introduce con queste parole il suo libro “La città nuda” edito da Rizzoli e lo presenta alla Casa Italiana Zerilli-Marimò (NYU) insieme agli scrittori Gay Talese,  Columm McCann e Judith Thurman.

    Monda, che vive a New York ormai da venti anni, ci spiega che ci sono storie pronte per essere raccontate in ogni angolo della città. “ Nella città nuda” parla infatti proprio di New York. Una metropoli spoglia di ogni barriera, raccontata attraverso le storie di personaggi che viaggiano in metropolitana come tutti noi. Unici nella loro semplicità, come in una Spoon River sotto terra.

    "Il vagone della metropolitana è un luogo molto democratico. Li' non esiste disinzione di status sociale. Siamo tutti uguali."  dice Gay Talese all'audience della Casa Italiana Zerilli-Marimo' e scherza con Antonio Monda sul rischio corso nel fare le fotografie di nascosto.

    L'autore del libro ammette: "Tutti i volti nelle foto sono nascosti e le persone non sono riconoscibili. Certo ho avuto un paio di episodi imbarazzanti in cui praticamente sono stato scoperto..."

    Ispirato sin da giovane dall’introduzione all ”Eunuco Femmina” di Germaine Greer dove si parla del deserto della città di New York, Antonio Monda si rifà  molto all’antologia di Edgar Lee Masters.

    “Nella metropolitana sei nudo e stai solo aspettando la fermata giusta.” Ci spiega Monda, che ha la capacità di farci percepire tutta la magia di un luogo  così comune. Ci racconta la stanchezza, il lato oscuro della città attraverso questo luogo in cui le persone possono lasciar scivolare via le loro maschere e far emergere tutte quelle debolezze e quelle imperfezioni costretti invece a nascondere nella città.

    L’ autore continua spiegando il forte contrasto tra New York e una qualsiasi altra città. Ci spiega che nella metro di  Roma come quella di Madrid o Tokio non avrebbe incontrato volti più sorridenti o persone meno sole, ciò che fa la differenza è l’energia in sé.
    New York ha un’energia e una brutalità uniche e la metropolitana è vista quasi come un limbo dove le persone possono mettere a nudo le proprie fragilità ed essere se stessi prima di riarmarsi per emergere di nuovo.

    La metropolitana attraverso i personaggi di Monda è presentata con tutto il suo fascino di luogo dove le persone addossate le une alle altre in un contatto così distante raccontano la propria storia attraverso dei piccoli grandi particolari. E il genio di Monda sta proprio in questo, nel saper coglierli in uno sguardo.

    Con  uno scatto veloce di I-Phone crea la magia e racconta la storia di vari personaggi che potrebbero essere la storia di ognuno di noi. E forse è proprio questo ciò che rende unici questi racconti, il fatto di attribuire delle storie inventate a delle persone  vere, ma totalmente sconosciute all’autore. La  capacità quindi di cogliere l’umanità degli individui e di renderla universale.

    Ad esempio la storia di Russel il musicista, un ragazzo con la grande passione per la musica che andando contro il volere dei genitori decide di diventare un musicista. Dopo un breve periodo di successi la sua fama comincia pian piano a calare fino ad arrivare al momento in cui Russel sarà costretto a suonare in metro per guadagnarsi da vivere, sempre attanagliato dal terrore di poter incontrare un giorno il padre tra i vagoni della metro.

    La metropolitana trasforma in sintonia tutto quello che all’inizio può sembrare uno stonare di mille culture diverse.

    Questo lo si può percepire tutti i giorni, anche solo nel semplice gesto di uno sconosciuto che lascia il suo posto a sedere ad una donna incinta o ad una persona anziana. La metropolitana è infatti un luogo di apatia e di tolleranza, una tolleranza acquisita attraverso il dolore e attraverso la diversità stessa.

    Come ci racconta l’autore, le persone a New York vengono in gran parte da luoghi differenti e quasi tutti si lasciano alle spalle un passato tragico, fatto forse di povertà o comunque di dolore. Ed è tutto ciò che forma quasi una trama invisibile di storie che abbracciano tutta New York e sono parte di ognuno di noi.

    Maggiori informazioni sul libro  >>

  • Arte e Cultura

    Marco ed Ermanna. Errando tra vita e teatro

    Tutto ha inizio trentasette anni fa quando Marco Martinelli e Ermanna Montanari si sposano. “Avevamo appena vent’anni. Come tutti i ventenni non capivamo nulla, ma come tutti i ventenni avevamo un fuoco dentro, un desiderio di vita enorme e questo desiderio ha preso la forma del teatro”.

    Marco Martinelli, fondatore insieme alla moglie Ermanna Montanari e altri 2 collaboratori Luigi Dadina e Marcella Nonni, racconta così l’inizio di questo pellegrinaggio tra vita e teatro.
     

    “Abbiamo iniziato ad errare tra vita e teatro” spiega Marco, errare intenso come andare, camminare ma anche come sbagliare.

    La loro esperienza teatrale infatti non si è voluta basare su nessuna scuola di teatro ma come Shakespeare, Moliere e molti altri, gli artisti del Teatro delle Albe hanno imparato facendo teatro, anche sbagliando, provando e riprovando.
     

    “Abbiamo cercato da asinelli che eravamo di diventare asinelli sapienti”. La metafora dell’asino risulta centrale nella concezione di vita e di teatro di questa compagnia.

    L’asino infatti, inteso alla maniera di Scorate e Giordano Bruno, è colui che sa di non sapere e proprio per questo motivo è affamato e desideroso di conoscere.
     

    Da quattro protagonisti la compagnia va pian piano crescendo, il forte desiderio di essere un gruppo stabile li porta a creare una tribù di trenta persone. Trenta compagni con un concetto di vita comune che condividono vita, emozioni, lavoro e stipendi.
     

    “Ciò che ci distingue è il sapere, la conoscenza non il pane che ci dividiamo” aggiunge Marco. La dimensione etica ed estetica che condividono, la continua ricerca della bellezza non è un concetto che riguarda solo il teatro ma un vero e proprio imperativo di vita,  punto cardine della loro unicità. 
     

    Segno distintivo comune a tutti gli artisti della tribù è l’uso della voce. “Il lavoro sulla voce è un lavoro abissale, è come essere continuamente dentro a un buco pensando di annodare i fili di un tappeto volante”. Ermanna racconta infatti di aver saputo parlare solo il dialetto romagnolo fino all’età di sei anni, in questo modo cominciando le scuole si rende conto di non avere una lingua e di non avere quindi neanche una voce. Decide così di volerla inventare, e si avvicina alla poesia creando un nuovo linguaggio quasi come fosse un disegno.

    L’uso della voce e della poetica è una caratteristica fondamentale del Teatro delle Albe. Laura Caparrotti, direttrice artistica di IN Scena! Italian Theater festival NY, racconta la forte emozione provata dopo aver assistito all’Isola di Alcina nel 2001, nonostante gli anni passati, nonostante non le fosse stato possibile comprendere tutto il testo scritto in dialetto romagnolo, rimane vivo il flusso di emozioni creato da quella voce che ha in se un qualcosa di magico.

    Alessandro Fiore parte attiva della tribù ormai da quindici anni ci spiega come sia importante per la compagnia non produrre solo i propri show ma adattare questa filosofia di lavoro e di vita anche con i ragazzi. Nasce cosi il progetto “non-scuola” in cui la tribù e i ragazzi mettono in scena insieme paure, sogni e sentimenti con la stessa poetica di qualsiasi altro spettacolo. Con la convinzione di essere quindi “ asini in mezzo ad altri asini” e di poter così crescere tutti insieme.  

    Ed è proprio da un’esperienza con i giovani che nasce “Noise of the waters” “Rumori di acque”  in scena fino al 16 Febbraio al La Mama Theatre di New York. (ma la Mama non è il solo posto dove potrete apprezzare il loro lavoro. Trovate alla fine dell'articolo altri eventi parte della tournee americana)

    Noise in the waters è un’opera emblematica dell’idea estetica del teatro delle albe. Questo spettacolo debutta a Ravenna nel 2010. L’idea nasce da una serie di viaggi che Marco, Ermanna e Alessandro fanno in Sicilia per lavorare con un gruppo di adolescenti. Inevitabilmente entrano in contatto anche con giovani tunisini emigrati dal loro paese natale. Iniziano così a sentire racconti di persone che dal fondo dell’Africa attraversano deserti e mare per arrivare in Italia. Quello che colpisce subito i tre nel sentire questi racconti è l’attenzione e l’importanza che viene data al ricordo delle persone morte durante la traversata. Queste storie diventavano quindi come dei veri e propri riti della memoria di quelle persone ingoiate dal Mar Mediterraneo.

    Lo spettacolo prende forma dalla voglia di renderci coscienti di questa tragedia che ha portato alla morte di più di ventimila persone negli ultimi venti anni e da una visione di Ermanna.

    Ermanna vede infatti l’immagine molto forte di un isola vulcanica emersa tra zampilli di lava e colonne di fumo vicino alla Sicilia inabissatasi poi pochi mesi dopo. (l’Isola Fernandea che poi si scoprì essere realmente esistita a metà Ottocento).

    Nasce così Noise in the waters che racconta la storia di un generale presidente, interpretato da Alessandro Fiore, che accoglie nella sua isola le anime dei morti. In opposizione all’allora Ministro degli Interni Italiano che utilizzava la politica dei respingimenti per arginare il problema dell’immigrazione, il generale presidente adotta una politica degli accoglimenti e conta tutte le anime che si presentano nella sua isola, ci spiega Marco. Mentre li conta, questi spiriti inquieti cominciano a prendere volto e a raccontare le loro storie attraverso la persona del generale. La voce delle vittime che viene dal mare resa attraverso le musiche dei fratelli Mancuso, straordinari musicisti siciliani, fanno da corto circuito con la voce gracchiante e metallica del generale.

    Come ci spiega Fabio Troisi dell'Istituto Italiano di Cultura, l’uso dello spazio, del corpo e della voce, la fusione tra musica e testo rendono unica questa rappresentazione.
     

    La vera parte sperimentale è la connessione tra il passato e il presente che sembrano fondersi in un dialogo continuo. Testi classici come quelli di Aristotele e Shakespeare vengono resi vivi e alla portata della nostra realtà.
     

    Noise in the waters è una rappresentazione che racconta la storia di immigrati provenienti dalle coste a sud del Mediterraneo che vanno verso l’Europa, ma è in realtà anche metafora di vita e storia di tutti noi.

    ---

    New York
    Rumore di Acque a La MaMa
    La MaMa - First Floor Theatre
    30 gennaio - 16 febbraio
    giovedì-sabato ore 19.30/domenica ore 14.30
    www.lamama.org

    Eresia della Felicità a New York
    Workshop dal 15 gennaio. Esito finale del workshop (a cura di Marco Martinelli e Alessandro Renda): 11 febbraio
    Middle School-Liceo campus
    406 East 67th Street
    www.lascuoladitalia.org

    Incontri
    Casa Italiana Zerilli-Marimò/New York University
    28 gennaio - ore 18.00
    www.casaitaliananyu.org
    Istituto Italiano di Cultura di New York
    5 febbraio - ore 18.00
    www.iicnewyork.esteri.it

    New Jersey
    Laboratorio Marco Martinelli e Ermanna Montanari 
    Life Hall Dance Studio 
    4 febbraio - ore 10.00 -12.30
    www.montclair.edu/inserra/events
    Laboratori alla Montclair State University
    Laboratorio Enzo e Lorenzo Mancuso
    Leshowitz Recital Hall
    13 febbraio - ore 10.00 -12.45
    www.montclair.edu/inserra/events

    Rumore di Acque alla Montclair State University
    Leshowitz Recital Hall-John J. Cali School of Music
    18 febbraio - ore 19.00
    montclair.edu/inserra/events

    Chicago
     Rumore di Acque al Links Hall
    Links Hall - STUDIO A
    21 e 22 febbraio - ore 19.00
    linkshall.org

    La tournée del Teatro delle Albe negli Usa è sostenuta da La MaMa, La Scuola d'Italia Guglielmo Marconi, NY, Inserra Chair in Italian and Italian American Studies at Montclair State University NJ, NYU (Casa Italiana Zerilli-Marimò e Center for European and Mediterranean Studies), gli Istituti Italiani di Cultura di New York e Chicago e la Northwestern University of Chicago, IL.

    Per maggiori informazioni:
    www.teatrodellealbe.com/ita/albe-negli-usa
    www.casaitaliananyu.org

Pages