header i-Italy

Articles by: Gero Salamone

  • Dining in & out: Articles & Reviews

    Sicilian Magic in the Big Apple

    Listed below are some that offer traditional Sicilian cuisine often with innovative touches that make it even more relevant in the new millennium.


    Upper East Side

    Italianissimo
    307 East 84th Street
    212-628-8603
    italianissimoristorante-hub.com

    The name of the restaurant says it all. Italianissimo (or “very Italian”) Ristorante offers a wide variety of Sicilian specialties. Start with an appetizer of homemade bread, pesto, and olives and sip on excel- lent wine produced in Sicily. If you want a typical Sicilian first course, there is no doubt about what to choose: the fettucine alla siciliana with eggplant, tomato sauce, and fresh mozzarella. Finally, why not end the meal with a superb pistachio ice cream?

    East Village
    Cacio e Vino
    80 2nd Avenue
    (212) 228- 3269
    www.cacioevino.com

    Cacio e Vino, in the heart of the East Village, was conceived by owner Gi- usto Priola, who found inspiration in the words of Goethe: “Italy without Sicily leaves no image in the soul.” (“L’Italia senza la Sicilia non lascia nello spirito immagine alcuna.”) The restaurant is made even more charming by the paintings hung on the brick walls that evoke the beautiful land of Sicily. The extensive menu consists of sev- eral dishes that recall the flavors of Sicily. To start, try an appetizer with caponata (fried vegetables seasoned with a sweet and sour sauce) and panelle (fritters made from chickpea flour), followed by a pasta with tuna, capers, olives, and tomatoes. You can also opt for a plate of grilled fish with octopus, tuna, squid, shrimp, and clams, all sea- soned with oregano. Before leaving the restaurant enveloped in the perfume of Sicily, you must try the cassata siciliana (sweetened ricotta, sponge cake, marizpan, and candied fruit).

    Chelsea
    Bar Eolo
    190 7th Avenue
    (646) 225-6606
    eolonewyork.com
     

    In the lively neighborhood of Chel- sea, you will find the wine bar, Bar Eolo, which also offers an extensive menu of Sicilian food. At the head of the restaurant is chef Melissa, whose love for Sicilian cooking was passed down to her by her Sicilian grand- mother from Sant’Anna, in the province of Agrigento. As an appetizer, try the panu cunsatu (warm bread with olive oil), which you could follow up with delicious ragù, meatballs, or tagliatelle with rabbit sauce. Before leaving, be sure to try the sfinci, a Si- cilian doughnut stuffed with ricotta or orange and vanilla cream.
     

    Restivo Ristorante
    209 7th Avenue
    (212) 366-4133
    restivorestaurant.com

    Mix together rigatoni, tomato sauce, eggplant, capers, and ricotta and you get the “Restivo Rigatoni.” A culinary specialty that takes its name from the restaurant located in Chelsea and run by the Restivo family. You should def- initely try the fresh mozzarella with tomatoes and basil. It’s a small room with less than 50 seats, which makes it an intimate environment suitable for a work lunch or a candlelight dinner.
     

    Soho
    Piccola Cucina Osteria
    196 Spring Street
    (646) 478-7488
    piccolacucinaenotecanyc.com

    The success of Piccola Cucina Oste- ria is tied to the creativity of chef Philip Guardione, a true Sicilian, who in a short time has been able to bring the flavors of authentic Sicilian food to the Big Apple. An intimate and welcoming location in which you can enjoy exquisite dishes. Start with a caponata of swordfish prepared in the style of Palermo or sardines alla beccafico with fennel and oranges. A plate of spaghetti with squid ink sauce is a sure bet as well.

    Flatiron District
    Zio Ristorante
    17 West 19th Street
    (212) 352-1700
    zio-nyc.com

    At a short distance from the el- egant Flatiron building, you’ll find Zio Ristorante, a cool place that in- troduces Mediterranean cooking with hints of innovation thanks to the creativity of chefs Max Convertini and Robero Manfe. You’ll get authentic and fresh products served by a friendly and hospitable staff. Start your meal with an appetizer made of eggplant, smoked mozzarella, sauce and arugula, and later, enjoy a flavorful tuna steak with fennel, caponata, and stuffed zucchini flowers. Want dessert? Get the cheesecake with ricotta, blueberries, and chocolate!

    Little Italy
    Da Nico Ristorante
    164 Mulberry Street
    (212) 352-1700
    danicoristorante.com

    Like eggplant Parmesan? Da Nico is the perfect place to try a superb ver- sion along with other specialties, like traditional minestrone soup of mixed vegetables or spaghetti with tomato sauce and meatballs. The chicken with mushrooms and Marsala wine is also worth a try. This homely place in Little Italy is waiting for you to stop by and spend a pleasant part of your day in the company of Nico’s excellent cooking.
     

    Forno Siciliano
    43-19 Ditmars Blvd
    (718) 267-0790
     fornosicilianoastoria.com

    Forno Siciliano is a piece of Sicily a short distance from chaotic Manhat- tan where one can savor delectable Sicilian cuisine. Located in Astoria, a traditional Italian neighborhood, the restaurant is run by a family from the province of Palermo that, for years, has been committed to offering Sicil- ian food and spreading the knowledge of Sicily’s culinary art. Once you enter Forno Siciliano, your eyes are immediately drawn to a series of Sicilian icons, like the famous Sicilian cart or the large, colorful wall paintings de- picting scenes of the island in all its beauty. Popular dishes include the delicious penne alla siciliana with tomato sauce, ricotta and eggplant, or the veal boscaiolo with mushrooms, pancetta, and Marsala sauce. This meal can be concluded with a great homemade tiramisù.

    Brooklyn Cobble Hill
    Ferdinando’s Focacceria
    151 Union Street
    (718) 855-1545

    If you find yourself walking along Columbia Street near the waterfront in Brooklyn and you hear Frank Sina- tra in the distance, or smell freshly baked warm bread, then you are near a Sicilian restaurant as special as its owner, Francesco Buffa. The restaurant is Ferdinando’s Focacceria, named after Francesco’s father-in- law , who devoted his life to teaching his family the art of Sicilian cooking. Opened in 1904 in the heart of what was once Brooklyn’s Little Italy, the place has remained much the same, giving it a touch of retro “Made in Sicily.” You can choose from differ- ent specialties like antipasto rustico (rustic appetizers) with a sun-dried tomato base, grilled eggplant, and caponata accompanied by warm bread. Or even arancini, rice balls full of meat and topped with ricotta and tomato sauce. But the signature dish is Palermo’s vastedde, a mix of spleen, ricotta, and grated cacioca- vallo cheese on a seeded Sicilian bun that will make your mouth water. To finish, fabulous cannoli with ricotta.

    Brooklyn Park Slope
    Bella Gioia
    209 4th Avenue
    (347) 223-4176
    bellagioianyc.com

    Bella Gioia is the ideal place to recover your energy after jogging in Park Slope with a wonderful Sicil- ian dish prepared by the chef and owner, Nico. His passion for cooking was inspired and fostered by his parents and grandparents in Sicily. Your meal would be incomplete without a plate of fresh pasta with sardines and wild fennel or orecchiette with to- mato sauce, eggplant, and Parmesan cheese. For those who desire a lighter meal, there is a tasty orange and fen- nel salad. your lunch or dinner with a delicious pistachio gelato, a digestive walk through the historic streets of this once Italian neighborhood pro- vides the perfect end to a delicious time at Bella Gioia.

    Brooklyn Gravesend
    Joe’s of Avenue U
    287 Avenue U
    (718) 449-9285
    http://joesofavenueu.com

    If you are looking for a place to eat excellent Sicilian food, then Joe’s of Avenue U is for you. A very wel- coming tavola calda restaurant that embodies the best of sicilianità (or “Sicilian-ness”): with symbols and images of the island that will make you forget you’re in New York. A glance behind the counter will un- cover delicious dishes such as lasa- gna with meatballs and linguine ai frutti di mare (with mussels, clams, cherry tomatoes, garlic), which you could order along with an octopus salad. Try the stuffed artichoke and the meatballs seasoned with walnuts, raisins, and pine nuts. If you’re craving something more substantial, you can try the involt- ini: breaded veal cutlets rolled with cheese and bacon, and pair it with a nice glass of homemade red wine.
     

    Brooklyn Bensonhurst
    Il Colosseo
    7704 18th Avenue
    (718) 234-3663

    Although named after the famous monument in the center of Rome, Il Colosseo — located at the heart of Cristoforo Colombo Boulevard — is a Sicilian-owned family restaurant. Always busy, it sports a large wood- burning oven used to churn out delicious pizzas. Il Colosseo offers a variety of Italian specialties in- cluding, obviously, a few signature Sicilian dishes. We suggest getting a plate of pasta with olive pesto and ricotta. If you love fish, the grilled octopus is highly recommended. For dessert, do not hesitate to order the panettone with almonds, especial- ly around Christmas. Good Italian wine values by the glass.

    Staten Island
    Enoteca Maria
    27 Hyatt Street
    (718) 447-2777
    www.enotecamaria.com

    Enjoy the ferry ride to Staten Island and admire the sunset on your way to a very special place: l’Enoteca di Maria. Only a five-min- ute walk from the ferry terminal, this small restaurant allows you to enjoy traditional cooking just like your nonna used to make. What’s even better is that there is a dif- ferent Italian grandmother in the kitchen each day of the week. Each cook comes from a different part of Italy and prepares specialties from her own region. Nonna Nina, of Sicilian origin, will amaze you with her lasagna or her pasta with grilled eggplant. And what about trying a typical Sicilian aromatic ragù with rabbit meat?

  • Fatti e Storie

    Ecco a voi la 24esima edizione dell'Ibla Grand Prize

    Cè' manifestazione musicale che da 24 anni ininterrotti lega New York alla città barocca di Ragusa Ibla, riunendo musicisti  provenienti da ogni angolo del mondo.

    Si tratta del premio "Ibla Grand Prize" giunto alla sua 24esima edizione e ideato da Salvatore Moltisanti,  pianista siciliano le cui note hanno fatto il giro del mondo sino a trovare stabile dimora nella grande mela.

    Un musicista di fama mondiale, definito  dalle più importanti testate giornalistiche del settore: un pianista completo, superbo nelle articolazioni, da cui viene facile lasciarsi trasportare.

    Talentuosi musicisti di ogni nazionalità si ritrovano quest’anno, dal 5 al 15 luglio, ad esibirsi nella fantastica cornice Iblea in una raffinata competizione musicale.  I virtuosismi di eccellenti pianisti, violinisti e cantanti sono destinati a ripetersi, solo per i vincitori selezionati, nella cosmopolita metropoli newyorkese.
    Alla manifestazione in terra sicula a cui si aggancia infatti  una tourneè americana,  appositamente  organizzata dal Premio Ibla,  che ha come tappa conclusiva il “Carnegie Hall”: quello che viene definito dai più “il tempio sacro della musica classica e leggera”.

    Un progetto di grande spessore artistico e culturale, creato da un siciliano doc che è  riuscito a rendere celebre nel mondo l’incantevole Ragusa Ibla: un pezzo della Sicilia in cui oggi più di prima si respira, anche grazie a lui, un’atmosfera di stampo internazionale.  

    Un evento tanto atteso che permette al pubblico partecipante di conoscere scorci della città nascosti o poco conosciuti, il tutto all’interno di uno scenario musicale che avrà come protagonista la musica classica e contemporanea a trecentosessanta gradi con brevi incursioni nel mondo della musica jazz.

    L'ideatore e creatore del Premio Salvatore Moltisanti alle domande poste da I-italy:

    Com’è nata l’idea del premio Ibla?

    “L’idea è nata non sono appena arrivato in America nel 1990 e ho provato lo stigma legato all’essere siciliani.  Non c’era intervista dopo i miei concerti che non facesse riferimento alla mafia! Volevo far vedere la Sicilia che ho sempre conosciuto, fatta di tanta gente per bene. Ma mentre lavoravo a questo progetto i magistrati Falcone e Borsellino sono stati uccisi. Il primo concorso nel 1992 lo abbiamo tenuto proprio nella nuova Sala Falcone Borsellino di Ragusa Ibla. Un roller coaster emotivo profondo ed intenso”.

    Attraverso la sua manifestazione è riuscito a creare un collegamento diretto tra la città di New York e Ragusa Ibla dando stampo internazionale al suo progetto. Questo vul dire pensare in modo globale e agire localmente?

    “In America, anche grazie a tutti i miei amici americani, ho imparato ad agire globalmente ed allo stesso tempo a non dimenticare il “locale”. Sono venuto in America con una borsa di studio. Mentre studiavo qui ho vinto il primo premio al concorso Bela Bartok presieduto da Gyorgy Sandor, docente alla Julliard School e allievo e protege’ delle stesso Bartok. Il Maestro Sandor mi ha preso subito come allievo dopo il concorso e così è inizata la mia vita newyorkese.  Il mio primo lavoro è stato insegnare alla New York University, occasione che mi permise di conoscere la Baronessa Mariuccia Zerilli Marimo’ una delle fondamentali sostenitrici del premio Ibla. Ha creduto molto in me e nel progetto.
    Ogni anno, grazie anche al suo direttore Stefano Albertini,  ci sono delle esibizioni  legate ad IBla presso la Casa Italiana Zerilli Marimo' da lei voluta e creata venticinque anni fa”.

    Che effetti ha avuto il premio Ibla nel vita dei vincitori e poi dei semplici partecipanti?

    “Vincere concorsi pianistici personalmente mi ha fatto molto. Io ho vinto sei volte il primo premio ed ogni volta ho costruito un pezzo della mia carriera. Con IBLA Grand Prize cerco di offrire le mie connessioni, le mie esperienze, le mie amicizie a questi giovani ragazzi.  Offro loro un’ esperienza americana ed internazionale simile a quella che ha caratterizzato la mia carriera. Poi sta al loro l’intuito, l’eleganza, rispetto e talento per riuscire a costruire un successo personale ed umano”.

    Come vede oggi il fenomeno della musica classica nel panorama musicale italiano e anche mondale? Possiamo ancora definirlo un genere musicale di nicchia non accessibile a tutti?

    “IBLA Grand Prize non pensa mai in termini di nicchia. Noi portiamo la musica classica direttamente nelle piazze, cerchiamo di renderla amichevole, comunicabile, la spieghiamo quando possibile e necessario, la avviciniamo a tutte le realtà sociali, culturali e generazionali”.

    La proclamazione dei vincitori della 24° edizione del premio Ibla avverrà il prossimo 15 luglio presso la suggestiva piazza Pola di Ragusa anche protagonista di svariate pellicole cinematografiche. Se siete in Sicilia, o programmate una vacanza lì nei prossimi giorni, cogliete l'occasione per fare un salto in questa stupenda città barocca.

  • Facts & Stories

    Minister Andrea Orlando and the Reform of the Civil justice

    The Italian Minister of Justice Andrea Orlando made a brief visit to New York City with one mission in mind; to inform foreign nations about the recently approved reforms to the Italian civil justice system.   
    The head of the Ministry of Justice was involved in two engagements; the first of these was at the Consulate General of Italy, where he was welcomed by Consul general Natalia Quintavalle. The second event was at the Italian restaurant “Il Gattopardo”. The latter was organized by the Italy-America Chamber of Commerce, and was attended by many prominent economists, entrepreneurs and lawyers. To introduce the conference, the vice president of the organization , Cristian Notari ( CEO of Max Mara USA , Inc. ).

    Orlando’s objective was a tough sell; convincing foreign investors that the vexing question of civil justice was finally being answered by the civil reforms that his ministry have been proposing.

    The minister began by giving a brief overview of the state of the Italian civil justice system, particularly of the problems that have afflicted, and continue to afflict, the system to this day; the legal process necessary for guaranteeing core constitutional rights often never reaches a solid conclusion, while the overly lengthy process of civil litigation has led to exorbitant pecuniary sanctions against Italy by the European Court of Human Rights in Strasbourg.

    Mr Orlando also noted that the main disincentive dissuading foreign businesses from investing in Italy was the irrationally lengthy duration of civil processes.

    This precarious, complex situation concerning civil justice is viewed by Minister Orlando as the number one priority in his Ministry’s agenda.

    Firstly, the minister passionately explained his ministry’s success at streamlining the judicial process by underlining the closing of 220 sub-courts  and reducing the number of courts from 166 to 136. The number of Justices of the Peace has also been reduced from 846 to 380. All of this was done with a view to both reduce a sprawling bureaucracy and cut down on public spending.

    The Minister of Justice laid out his vision to half the number of accounts in arrears. This result, according to the Minister, needs to be achieved via the introduction of preferential lanes and the strengthening of the Italian institution known as ‘assisted negotiation’, contained in decree-law n. 132 of 2104, which simplifies the implementation of interim measures and compulsory expropriation procedures. The resultant civil trials will be less cumbersome and more suited to a swift and clear protection of the rights of every citizen.

    The minister, with the help of Powerpoint slides, also outlined how a digital civil process is already a reality; court documents, rather than being inefficiently presented in paper form, are now being digitalized across every aspect of civil procedure.

    The substantial reforms enacted by the Minister of Justice also included a quickening of the civil procedures inherent in business courts relative to those in ordinary courts. Another reform entailed placing more specialized magistrates on specific judicial benches in order to maximize performance.

    Interesting questions were asked by an expert audience. “La Repubblica” reporter Federico Rampani asked Minister Orlando if an investigation regarding the effects of the reforms on foreign investment was already underway.

    The Minister replied by stating that the investigation had already begun under his predecessor, Minister Severino, and that he had based many of his reforms on Mrs. Severino’s ideas during her tenure. When addressing the topic of the continuity of the work done by the various Ministries of Justice throughout time and the possibility of stark contradictions between successive ministries, the Minister was clear and firm in his response to our editor in chief Letizia Airos: “The work that is being executed is continuous and not contradictory. One of the reasons for this is because we must respect European norms”.

    Milano Finanza” reporter Andrea Fiano questioned the Minister on his proposed changes regarding class action lawsuits, which are intended to protect specific classes of consumers. The Minister replied by noting that Parliament is already in the process of fundamentally modifying the current structure of the law pertaining to class action lawsuits, regardless of potential opposition by the business community.   

  • Fatti e Storie

    Il ministro Andrea Orlando e la sua riforma della giustizia civile

    E' stata breve le trasferta nella città di New York per il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando. Lo scopo era prima di tutto quello si rendere note le receni riforme approvate in materia di giustizia civile.

    Il responsabile del dicastero giustizia è stato impegnato anche in un duplice incontro: uno presso il Consolato Generale d’Italia a New York, dove è stato accolto dal Console generale Natalìa Quintavalle, l’altro presso il raffinato ristorante italiano “Il Gattopardo” dove è stato organizzato dall’Italy-America Chamber of Commerce un incontro alla presenza di un folto numero di economisti, imprenditori e anche avvocati. Ad introdurre la conferenza il vice presidente dell'organizzazione, Cristian Notari (Ceo di Max Mara USA, Inc.)
     

    Arduo il compito del Ministro Orlando: rassicurare gli investitori stranieri che la vexata quaestio della giustizia civile sta trovando una concreta soluzione con le  recenti riforme promosse dal suo ministero.

    Il ministro ha voluto  fare una breve panoramica su quello che è stato, e in parte continua ad essere, il processo civile italiano: un percorso di tutela dei propri diritti costituzionalmente garantiti di cui spesso si conosce l’inizio ma difficilmente la fine. La durata irragionevole del contezioso civile  ha visto anche il paese Italia condannato ad esose sanzioni pecuniarie da parte della Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo.

    La situazione con punte di precarietà ed alquanto complessa della giustizia civile viene posta dal Ministro Orlando come questione primaria nell’organizzazione della sua agenda di lavoro ministeriale. 

    Prima di tutto, ha spiegato con evidente fierezza il ministro, siamo intervenuti attraverso un’opera di snellimento della geografia giudiziaria, sopprimendo circa 220 sezioni distaccate dei Tribunali, e riducendo quest’ultimi da 166 a 136. Si è anche ridotto drasticamente il numero dei giudici di pace, da 846 a 380. Tutto ciò con il fine di evitare una dispersione di giurisdizione e soprattutto di denaro pubblico.

    L’obiettivo del Ministero della Giustizia è stato anche quello di dimezzare gli arretrati.

    Questo va fatto  attraverso delle apposite corsie preferenziali e potenziando l’istituto della negoziazione assistita, contenuta nel decreto legge n. 132 del 2104, rendendo quindi più  agevole ricorrere ai riti sommari e al procedimento di esecuzione forzata.
    Un processo civile, quindi, meno farraginoso e più adatto ad una pronta e chiara tutela dei diritti di ogni cittadino. 

    Il ministro della Giustizia ha anche spiegato, con l’ausilio di slides, come il processo civile telematico sia oramai una realtà: tribunali non più invasi da faldoni di carta quindi ma informatizzati in ogni aspetto riguardante i procedimenti civili.

    L’ampia riforma portata avanti  dal Ministero della Giustizia ha anche previsto la costituzione dei Tribunali delle Imprese, con procedimenti speciali più celeri rispetto a quelli ordinari e uffici giudiziari formati da magistrati specializzati nel settore. 

    Com’ è noto, ha illustrato il Ministro,  a disincentivare le imprese straniere ad investire in Italia c'è spesso l’eccessiva e irragionevole durata dei processi civili. 

    Domande interessanti e di addetti al lavoro quelle pubblico presente in sala.  Come quella posta dal giornalista de “La RepubblicaFederico Rampini che ha chiesto al Ministro Orlando se è già stata fatta un’indagine volta a visionare la situazione degli investimenti stranieri in Italia prima e dopo la riforma. 

    Sul punto, il Ministro Orlando ha risposto che l’indagine era stata promossa dal suo predecessore, la Ministra Severino, quindi ha ritenuto essenziale procedere sul solco  di riforma a favore delle imprese che già era stato segnato anni prima. Sul tema della continuità di lavoro sul tema giustizia, nonostante l'alternarsi di diversi titolari al ministero (Severino, Cancellieri e Orlando) il ministro  è stato, fra l'altro, molto chiaro ed efficace  in una risposta al nostro editor in chief, Letizia Airos. "Il lavoro che portiamo avanti è continuo e non in contraddizione. Questo anche perchè dobbiamo rispettare norme europee." ha detto.

    Diversa è stata la domanda invece rivolta al Ministro dal giornalista di Milano Finanza Andrea Fiano, ossia di come intende procedere il ministero in materia di class action al fine di tutelare maggiormente la classe dei consumatori.  Sulla questione il Ministro ha reso noto come attualmente il Parlamento sia impegnato a discutere un disegno di legge che disciplini  ab imis l’istituto della class action, sebbene vi siano ancora resistenze da parte delle imprese. 

  • Rising Growth Yields Soaring Trust in a Rejuvenated Nation

    Merely hours after leaving Berlin, the Italian Minister of Foreign Affairs Paolo Gentiloni was on the other side of the world. Despite several pressing engagements, particularly with the United Nations, Gentiloni set aside valuable time in his busy schedule to meet with representatives from the Italian and Italian-American communities.

    The tone of the occasion at the Italian Consulate in New York was both official and friendly. Consul Natalia Quintavalle welcomed the Minister, while Claudio Bisogniero, the Italian Ambassador to the United States, accompanied Gentiloni to the meeting.  Quintavalle began by acknowledging the diligent work done to foster innovation in the departments of commerce, art and culture. She announced that this theme, in keeping with the spirit of Italian culture month, will be the focus of an event, at the Italian Cultural Institute of New York, by the Science and Technology Museum in Milan.
    The Ambassador used this moment to underline the colossal, deeply influential presence of the Italian community in New York City. 83,000 Italians are AIRE members, with many holding important positions in the organization. Lest we forget the high number of Americans of Italian ancestry.
     
    The minister then discussed the many signs of optimism in the Italian economy.  The man in charge of the Farnesina delved into details when discussing the specifics of economic growth in Italy.

    He began by analysing the auto industry, noting the rise in Fiat’s profits both at home and abroad. The high turnout at the Expo exhibition in Milan was also mentioned, specifically the presence of Michelle Obama. Belief in a bright future is necessary, and Gentiloni stated that he was in the process of innovating the entire nation. The Minister claimed that without innovation, the country would quickly slide down the slippery slope to lengthy stagnation and devastating inertia. Several signals indicate that the Great Recession is buried once and for all; for instance, Italians are now consuming more goods, as is shown by Fiat’s rise in automobile sales.

    Gentiloni also made reference to the possibility of a Greek exit – commonly referred to as Grexit – from the euro. He stated that although it is in everyone’s best interests to avoid this eventuality, the Italian economy would flourish regardless of the outcome, and that the negative effects of a Grexit would not overshadow the growth that has hitherto occurred.

    The public and the pressasked several questions. One interesting inquiry, made by Stefano Vaccara of the Voice of New York, outlined the contradiction derived from the administration’s support of both consumerism and the Pope’s most recent encyclical. The Minister responded by reiterating his commitment to formulating international strategies to promote sustainable development, but insisted that this must not be accomplished at the expense of economic growth. He noted that increasing consumption yields more jobs, and that dignity of work is a fundamental ideal in the eyes of the Pope.
     

    Massimo Tommasoli, another reporter from ONG IDEA, shifted the conversation towards the Millenium Development Goals, human rights and democracy. He claimed that these used to be key ideas central to UN debates, but that they were now rarely uttered. Tommasoli called upon the Minister of Foreign Affairs to make these themes a central component of UN discussion.

      

  • Fatti e Storie

    Occore fiducia in un Paese che riprende a crescere

    Pochissime ore per lasciare Berlino ed il Ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, si ritrova subito dall’altra parte dell’emisfero, dove nonostante tantissimi impegni istituzionali soprattutto alla Nazioni Unite, incontra anche alcuni rappresentanti della comunità italiana ed italoamericana.

    E' stato un incontro istituzionale ma anche molto caldo, quello presso il Consolato generale d’Italia aNew York. Ad accoglierlo e accompagnarlo rispettivamente il  Console Natalìa Quintavalle e l’ Ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti Claudio Bisogniero.

    Natalia Quintavalle ha aperto il suo discorso ricordando l'assiduo lavoro di promozione nei diversi settori del commercio, dell’arte e della cultura, con particolare riguardo all’innovazione.

    L'Ambasciatore ha avuto modo di sottolineare come sia oramai massiccia oltre che influente la presenza della comunità italiana nella città di New York. Parliamo di 83.000 mila italiani iscritti all'AIRE, tra questi molti occupano posizioni importanti. 

    E vanno poi ovviamente considerati  gli americani di origini italiane, parliamo di numeri molto più alti.

    Il dirscoro del ministro ha putanto sull’attuale situazione economica dell’ Italia.

    Sembra di assistere ad un paese a due velocità: una realtà produttiva “made in italy” che soprattutto all’estero, e in particolare negli Stati Uniti, raggiunge picchi di eccellenza, che deve  tuttavia fare i conti con un prodotto interno lordo italiano che ha ancora difficoltà a crescere 

    Ma nelle parole del Minstro ci sono stati diversi i segnali di ottimismo.

    Il responsabile della Farnesina ha voluto specificare come in Italia si possa parlare di ripresa economica. Partiamo dal settore automobilistico, ha detto,  la F.i.a.t . ha registrato un rialzo delle vendite sia in Italia che all’estero, parliamo dell’Expo, ha continuato,  una manifestazione che sta registrando migliaia di visitatori e non poche sono le personalità importanti che lo hanno visitato, per ultima Michelle Obama

    E' neccessaria la fiducia nel futuro, ed occorre che  che iniznnervare l’intero paese Italia. Senza di questa - ha detto -  si scivola facilmente lungo la china dell’immobilismo e della stagnazione.  Ci sono precisi segnali che la crisi è alle spalle -secondo il ministro - , il nostro gli italiani consumano di più: comprano di nuovo le macchine come ha detto Marchionne.

    Con riferimento alla temuta  fuoriuscita della Grecia dall’Eurozona , il ministro Gentiloni ha precisato che tale possibile evenienza, seppur da evitare, non trascinerà certo con sé l’Italia poiché nazione economicamente solida.

    Dal pubblico sono provenute diverse domande. Una in particolare, posta da Stefano Vaccara della Voce di New York,  ha richiamato l'attenzione sulla contraddizione che esiste nell'invito a portare avanti i consulmi e l'enciclica appena uscita di Papa Francesco.

    Su questo tema il mistro ha detto che è  fondamentale a che adottare chiare e incisive strategie internazionali per promuovere lo sviluppo sostenibile ma che occorre al tempo stesso rimuovere l'economia. La ripresa dei consumi è indispensabile se vogliamo una ripresa del lavoro. E papa Francesco ci ha ricordato come il lavoro, la dignità del lavoro siano fondamentali - ha detto Gentiloni.

    Dal pubblico,  Massimo Tommasoli, della ONG IDEA, ha posto l'attenzione sugli obiettivi del Millennio, i diritti umani e la democrazia. Erano una volta al centro del dibattito dell"ONU -  ha detto -  ora se ne parla poco, ha detto. Da parte sua una richiesta al Ministero degli Esteri italiano di renderli centrali alle Nazioni Unite.
     

      

  • Arte e Cultura

    "I bambini sanno". Walter Veltroni alla NYU

    Le luci della sala improvvisamente si spengono per dare inizio ad un documentario riflessivo e allo stesso tempo divertente che vede protagonisti bambini di età compresa tra gli otto e i tredici anni i quali vengono intervistati dallo stesso Autore su specifiche tematiche quali: amore, religione, vita, omosessualità; trentanove bambini scelti in giro per l’Italia e provenienti da un variopinto tessuto sociale.

     

    Il silenzio tra il pubblico seduto in sala viene gentilmente spezzato da sorrisi e applausi mentre un’enorme schermo proietta le testimonianze e i volti di bambini sul modo di vedere il mondo di oggi attraverso i loro occhi con semplicità e con elementi di sorpresa tipica di loro.

    È forse lo stesso Autore, il poliedrico Walter Veltroni, che cerca di trovare lui stesso delle risposte a degli interrogativi di vita complessi, perché è dalle risposte semplici dei bambini che sorgono dei grandi insegnamenti per gli adulti spesso impegnati ad osservali  senza mai ascoltarli attentamente.
    La complessità di tematiche esistenziali che si sciolgono come neve al sole nella semplicità di pensiero dei bambini provenienti da ogni angolo d’Italia, la cui loro diversa estrazione sociale fa emergere le differenze di opinioni. La diversità ,quindi, intesa dall’Autore quale punto cardine da cui partire per costruire una società migliore. Ognuno con la propria storia, ognuno con il proprio sguardo sul mondo.
    Tutte questioni che sono state sviscerate al termine della proiezione del documentario in  un dibattito con l’Autore e il Prof. Stefano Albertini (N.Y.U.) e Antonio Monda (Direttore del Festival del Cinema di Roma).
    In tale occasione, Walter Veltroni ha potuto spiegare come il documentario sia nato per dare voce a dei bambini che si trovino in una fascia d’età essenziale, dagli otto ai tredici anni, nella quale occorre conoscere il loro pensiero su cose importanti della vita. È in quel frangente di vita, prosegue l’Autore, che si forma il carattere di una persona la quale risulta permeabile ad ogni accadimento esterno; In quel breve lustro di respiri i bambini si pongono interrogativi apparentemente semplici ma in realtà complessi, attraverso cui è possibile anche descrivere la complessità sociale del paese.
    Il pensiero dei bambini non come un mero flatus vocis, ma come essenziale punto di vista e di prospettiva su tematiche che contribuiscono a costruire la società in cui viviamo; Per capire ciò che siamo stati, e ciò che saremo.
    Il documentario “I Bambini sanno”, prodotto da Sky e distribuito da BIM, è uscito lo scorso 23 aprile in tutte le sale cinematografiche conquistando il 15esimo posto della classifica nella sua categoria.
    Un grande risultato che premia la versatilità dell’Autore, oltre a costituire un ottimo follow up al suo precedente documentario, dal titolo “Quando c’era Berlinguer”, nel quale racconta uno spaccato di storia politica dell’allora leader del partito comunista Enrico Berlinguer.

  • Art & Culture

    "I bambini Sanno" (Children Know) at NYU

    The lights in the room suddenly turn off as an introspective but also entertaining documentary, starring children ages eight to thirteen getting interviewed by the author, Walter Veltroni, on specific themes such as: love, religion, life, homosexuality. Thirty-nine children chosen from all over Italy, coming from diverse social backgrounds.

    The audience’s silence is regularly broken by smiles and applauses as a giant screen projectsthe faces of these children and their statements on how today’s world is perceived through their eyes, with simplicity and typical elements of surprise.

    It could be that the author, the multifaceted Walter Veltroni, is himself trying to find answers to the more complex questions of life, because it’s from the simple answers of children that great teachings can be drawn for adults, who are often too caught up in observing them to really pay attention to what they say.

    The complexity of existential themes that melt like snow in the sun when exposed the simple thought process of these children from all over Italy, whose different social backgrounds bring forth different opinions. Diversity is therefore understood by the author as a starting point for the construction of a better society. Everyone has their own story, their own take on the world.

    All these are questions that were deconstructed at the end of the projection of the documentary in a debate with the author, with Professor Stefano Albertini (NYU), and with Antonio Monda (Director of the Rome Film Festival).

    On such an occasion, Walter Veltroni had the opportunity to explain how the documentary was born to give a voice to children at an existential stage in life, between ages eight and thirteen, at which it’s important to know their thoughts on the important things in life. It’s at that stage of life, the author continues, that people’s characters take shape, influenced by any external factor; in that short period of time children ask themselves seemingly simple but actually complex questions, through which it’s also possible to describe the country’s social complexity.

    The thoughts of children, not as mere “flatus vocis”, but as essential views and perspectives on themes that contribute to the construction of our society: to understand what we were and what we will be.

    The documentary “Children know” (“I bambini sanno”), produced by Sky and distributed by BIM, came out on April 23rd in all theatres, ranking 15th in its category.

    A great result, rewarding the author’s versatility, and serving as a great follow-up to his last documentary titled “Quando c’era Berlinguer” (When there was Berlinguer), in which he told the political story of the then leader of the communist party Enrico Berlinguer.

  • Life & People

    Naples "The City of Fire" at NYU

    These days the city of New York has seen the mayor of Naples, Luigi De Magistris, roam its streets, in the shade of its skyscrapers. He came to the Big Apple to take part in a series of encounters including the one that took place last Friday June 5th at NYU's Casa Italiana Zerilli-Marimò.
     

    After a brief stop next door, at the Vanni Library, a cultural space managed by the Centro Primo Levi, he arrives at the townhouse Baroness Zerilli-Marimò insisted upon, a place of encounters and culture, extremely important for the Italian New York encountering the American world.

    An event that was part of the "Eppur si muove" series, because Naples, despite its difficulties, is a city in movement, not just a city with a long history rich in art and culture. Naples is a lively city that changes and wants to change, other than a slice of Italy still managing to evoke emotions amongst the visitors, happy to loose themselves in the suggestive streets of the spanish quarter or in the romantic sunset over the city's gulf. 
     

    A room filled with people welcomes him - and on the floor above others followed the event on a screen from the library. Some of the participants are originally from the Parthenopean city, others were likely drawn by the figure of De Magistris, who has always defined himself as a unique mayor, far from the stereotypical politician.

    The small, dimly lit stage and the opening to the sound of Pino Daniele's "Napule è", transformed the formality in a delightful chat between the first citizen of Naples, Professor Stefano Albertini (NYU) and the journalist Letizia Airos (i-Italy), during which various topics related to the mayor's personal and professional life were discussed.

    A life, that of De Magistris, marked by his anti-establishment attitude, both in his previous role as a public minister, conducting various touchy investigations, and in his position as a politician: first in the europarliament in Brussels and now as the mayor of Naples.

    A man who decided, as he specified, to be with the people by breaking the leeves of a political life that is too closed off inside the houses of power. A mayor of the streets, as he defines himself, who understood politics as a service to the collectivity that needs to act from the bottom in the form of a participatory democracy.

    The city of Naples described by De Magistis was discussed as an international place of enchanting beauty, visited each year by thousands of tourists from all over the world, and which can be compared to New York. Both cities are characterized by various small streets, experienced everyday by a diverse mixture of people.

    An increasingly New York-like Naples and an increasingly Neapolitan New York, the two cities are connected by an insoluble bridge, that could ideally cross the Atlantic Ocean.

    The mayor insisted on the importance of his encounter with the Italian community on various occasions (Little Italy, the Bronx, the Chamber of Commerce, the Calandra Institute), on the prospectives tied to these institutional encounters and particularly to his long conversation with Mayor Bill De Blasio.

    Naples and New York, so far geographically, but paradoxically also so close, tied by a new understanding of diversity, no longer seen as a problem but as a resource within two metropolises now open to the world.

    The evening ended with questions from the audience confirming an exceptional interest in the city. "Naples isn't the city of fires. It's the city of Fire" said the Mayor. A city with a fire burning inside, of love, passion, and the desire for redemption. A fire that has crossed the ocean. Naples is moving ("Eppur si muove"). 

  • Napoli. 'La città del Fuoco' ad NYU

    In questi giorni la città di New York ha visto girovagare per le sue enormi vie e tra le ombre dei suoi grattacieli il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris, venuto appositamente nella grande mela per   partecipare ad una serie di incontri tra cui quello tenutosi lo scorso venerdì 5 giugno presso la Casa Italiana Zerillì Merimò (N.Y.U.).

    Così dopo una breve sosta al portone affianco, nella libreria Vanni, luogo di cultura gestito dal Centro Primo Levi eccolo arrivare palazzetto voluto fortemente dalla Baronessa Zerilli-Marimò, luogo di inconti e coltura, importantissimo per la New York italiana che incontra il mondo americano.
     

    Un appuntamento che ha fatto parte della serie “Eppur si muove” perchè anche Napoli tra mille difficoltà è una città in movimento in questo mondo e non solo ricca di una sua storia millenaria ricca di arte e cultura.  Napoli è una città viva, che cambia e vuole cambiare e non solo uno scorcio di Italia che ancora riesce ad evocare emozioni tra i visitatori felici di perdersi nelle suggestive viuzze dei quartieri spagnoli o nel romantico tramonto sul golfo che costeggia la città.
     

    Una sala stracolma di gente lo accoglie - e al piano di sopra altri hanno seguito l'evento in biblioteca davanit uno schermo - , alcuni partecipanti originari della città partenopea, altri accorsi forse incuriositi dalla figura di De Magistris da sempre definitosi un sindaco sui generis, lontano dal quel stereotipo classico di personaggio politico.
     

    Il piccolo palco illuminato con luce tenue, e le note di “Napule è” di Pino Daniele come sigla di apertura, hanno trasformato la formalità di un incontro in una piacevole chiacchierata tra il primo cittadino di Napoli e il prof. Stefano Albertini (NYU) e la giornalista Letizia Airos (I-italy) in cui si è discusso di svariati argomenti che hanno toccato la vita personale e professionale del Sindaco.
     

    Una vita, quella di De Magistris, che si è contraddistinta per il suo atteggiamento antisistema sia nella sua precedente attività di pubblico ministero conducendo svariate inchieste segnata da luci e ombre , sia in quella di politico: prima come europarlamentare a Bruxelles adesso come sindaco della città di Napoli.
     

    Un uomo che ha deciso, come da lui precisato, di stare con la gente rompendo gli argini di una politica troppo oramai rinchiusa dentro i palazzi del potere. Un sindaco di strada, come si definisce, che ha inteso la politica come servizio per la collettività che deve attuarsi dal basso in una forma di democrazia partecipata.
     

    Si è certo parlato della città di Napoli, descritta da De Magistris come un posto di incantevole bellezza internazionale visitata ogni anno da migliaia di turisti da tutto il mondo, ed in cui è possibile trovare anche delle similitudini con la città di New York: entrambe caratterizzate da numerosi vicoli che vengono vissuti quotidianamente da un mescolarsi di gente ognuno nella propria diversità.
     

    Una Napoli sempre più newyorkese e una New York sempre più napoletana, attraverso un indissolubile ponte di collegamento tra le due città che idealmente possa attraversare l’oceano atlantico.

    Il sindaco ha messo l'accento sull'importanza del suo incontro con la comunità italiana in diversi appuntamenti (Little Italy, Bronx, Camera di Commercio, Calandra Intitute), delle prospettive legate ad incontri istitituzionali ed in particolare della sua lunga conversazione con il sindaco Bill De Blasio.
     

    Napoli e New York, quindi, così lontane geograficamente ma paradossalmente così vicine, accomunate da un nuovo modo di concepire la diversità intesa non più come un problema ma come una risorsa in due città metropolitane oramai aperte al mondo.

    Le domande dal pubblico hanno chiuso la serata confermando un eccezionale interesse legato alla città . "Napoli non è la città dei fuochi. Ma è la città del Fuoco" ha detto, tra l'altro, il sindaco. Un città che ha un fuoco dentro, di amore, passione e volontà di riscatto. Un fuoco che ha attraversato l'oceano. Napoli: eppur si muove.

Pages