Articles by: L. A.

  • 2013 anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti

    ENGLISH VERSION >>

    Il 16 marzo, nel suo primo incontro con la stampa presso il Consolato Generale di New York, l'ambasciatore italiano a Washington Claudio Bisogniero,  ha comunicato un'iniziativa ideata dal Governo italiano ed in particolare dal Ministro degli Esteri, Giulio Terzi di Sant'Agata.

    Si tratta del "2013 anno della cultura italiana negli Stati Uniti" con un programma, ancora da definirsi nei dettagli, che si svilupperà in diverse città statunitensi.

    La cultura del Bel Paese verrà celebrata in tutte le sue sfumature, infatti non verranno presentate solo le grandi tematiche tradizionali dell’arte "quando dico cultura – ha detto Bisogniero - non voglio parlare solo di qualche quadro del rinascimento o sculture italiane. Questi sono punti di forza certamente,  basta andare in ogni museo del mondo per capirlo, ma il concetto di cultura va oltre, tocca per esempio il design, la tecnologia,  la moda, la musica."
     

    Le singole iniziative sono in fase di definizione e le particolari manifestazioni non possono ancora essere annunciate, ma è importante dire che non saranno solo il frutto di un impegno istituzionale. 

    Prevedono infatti una forte partecipazione  privata italiana. Fondamentale inoltre – sempre secondo l’ambasciatore a Washington -  la collaborazione americana e italo-americana in un progetto che  mira al "grande rilancio dell’immagine del nostro Paese".

    L'ambasciatore Bisogniero, con credenziali a Washington da poco più di un mese, ha tenuto a ribadire che l'Italia per gli Stati Uniti è  sempre più un partner molto apprezzato.

    "E' stato un mese molto intenso,  ma sono stato negli USA già per otto anni. Punto di forza è la comunanza di visione sui temi di politica internazionale, ma anche la presenza italiana alle missioni di pace nel mondo. Obama stesso ha ammesso il ruolo vitale dell'italia. (...) Siamo convinti dei valori comuni che ci uniscono con gli USA".

    In serata, l'ambasciatore, ha partecipato al Gala della Scuola d'Italia Guglielmo Marconi, dove ha ribadito, ai nostri microfoni, l'importanza dell'iniziativa in preparazione e del coinvolgimento delle giovani generazioni (video sopra).
     

  • Facts & Stories

    2013 is The Year of Italian Culture in the United States

    ITALIAN VERSION >>

    On March 16, at his first press conference at the Consulate General in New York, Italian Ambassador Claudio Bisogniero announced an initiative sponsored by the Italian government and specifically designed by Foreign Minister Giulio Terzi di Sant’Agata.

    It establishes 2013 as the year of Italian culture in the United States with a detailed program that will take place in various cities around the country.

    “The culture will be celebrated in all of its nuances. In fact, so much more than the major themes of traditional art will be presented,” Bisogniero said. “When I say culture, I speak of more than a few paintings or sculptures from the Italian Renaissance. These are certainly Italy’s strengths–just go into any museum in the world to recognize this–but the concept of culture goes beyond this and touches, for example, on design, technology, fashion, music.”
     

    The specific plans are being finalized and special events cannot be announced just yet, but it is important to note that they will go beyond the involvement of Italian institutions. There will be a great deal of collaboration with the Italian private sector as well as American and Italian-American entities. Bisogniero added that overall, “this project aims to elevate the image of our great country.”

     
    Ambassador Bisogniero, who took office a little more than a month ago, underscored that the United States remains a highly valued partner for Italy.

    “It’s been a very busy month, but I’ve been in the U.S. for eight years. Our strength lies in our shared points of view in terms of international politics as well as the Italian presence in peacekeeping missions around the world. Obama himself recently acknowledged Italy’s vital role in this regard. We believe in the common values ​​that  unite Italy and the U.S.”

    That evening, Ambassador Bisogniero attended a gala to benefit the Scuola d’Italia Guglielmo Marconi where he reiterated the importance of the year of Italian culture and the involvement of younger generations (see video)

  • Tourism

    Sardinia. A Happy Island to Discover from Mountains to Sea

    Commissioner, how is the first Fancy Food Show in Washington going?
    I was pleasantly surprised by the turn out with respect to other shows. I found that a large number of attendees were driven by special attention to and careful research on the products presented.

    What has Sardinia brought this year?
    Ten companies as compared with 18 companies that we brought to San Francisco. Of course this decline is an indication of the current crisis that still persists despite administrative support and cutting costs. These companies have high yearly sales figures and it affects small artisanal producers offering niche products.

     

    I noticed many more young people in your booths. Are we are
    witnessing a generational shift? How has this affected the industry?
    They are mostly the children of the companies’ founders since many of these businesses were started in the 1950s and so they have a long history. These young people, with a broader cultural education than their parents, bring an added value to these companies. The generation gap has led to the transformation of commercial culture. We have moved from commercial marketing to product marketing in which the producers make sure, first and foremost, to have an actual market on which to sell their products. In this way, every product has a value relative to the sales counter which will introduce it to the market.
    Would you say that Sardinia is getting more well-known in the U.S. thanks to several initiatives over the past few years?
    Yes, Sardinia is steadily gaining importance in the United States. Previously this region was generally misunderstood. Sometimes even certain locations within Sardinia were presented as images of other tourist destinations. Today, however, increased attention from the administration has made it possible to create a true “brand Sardinia.” The region’s government has directly overseen the process of promotion.
     
    I manage the agro-food industry, my colleague manages the tourism industry, and we often collaborate. It’s a way of lobbying and promotion that’s more Anglo-Saxon than Mediterranean. We are trying to create images, films, and tag lines that can capture the consumer’s imagination in a subliminal way. The agro-food industry should become a paradise that can only produce exceptional fruit. And so the image of the landscape is then transferred onto the food product itself, as the consumer inevitably associates the quality of the product with the beauty and richness of the land that produces it. One believes less in the “bounty of a product” if there isn’t a connection to and a recognition of the bounty of the place as well. The integrity of the environment becomes essential because no one can expect to find high quality products from a poor environment that’s not protected, not valued, and without history.
    One region stands out: Tuscany. For years it is has been forefront in American consumer’s imagination.
    Tuscany has made agriculture its heritage and its economy. The flavors of Siena and Chianti are clear examples of this, and in America whoever buys this wine naturally imagines the Tuscan hills. I would like for Sardinia to learn how to take advantage of its landscapes just as successfully: this region far surpasses places like the Caribbean or Florida in terms of its clear water, brilliant colors, reefs, coral beaches, and in addition to its mountains and its multi-faceted ancient culture.

    And so culture and quality to promote the products of Sardinia?
    Yes, quality based on the essential, basic components – prime materials that that only our island can produce specifically because of its morphology and its unique climate. It benefits from the Mediterranean as well as from a microclimate that is temperate all year round.
     
    Throughout the centuries and over millennia a number of special, native products were born such as wine, wheat (which allows you to bake bread in a particular way), and millennial olive groves that provide excellent oil. And to that add meat and the production of cheeses and dairy products. Ours is a happy island that we continue to appreciate and value, and we will make it even more well-known through food and wine tourism which is perfectly suited to an island as special as Sardinia.

  • Angelino Alfano. La sfida: creare forme di aggregazione per i nuovi italiani all'estero

    Vi raccontiamo in breve alcuni momenti del viaggio di Angelino Alfano, Ministro della Giustizia,  in Nord America. Per farlo dividiamo in due parti l'articolo. Cominciamo dall'ultimo appuntamento ufficiale a Manhattan, l'incontro che il guardiasigilli ha chiesto di avere con la comunita'.

    Angelino Alfano e la comunità di New York

    Il console generale Francesco Maria Talò lo ha presentato come il più giovane ministro della storia della Repubblica. Angelino Alfano, titolare del dicastero dedicato alla giustizia, ha concluso venerdì scorso lasua visita ufficiale americana con la comunità italiana di New York, raccolta nella sede del Consolato Generale.

    Quella presente, lo scorso venerdì pomeriggio nella sede diplomatica di Park Avenue, era una rapprentanza variegata. Il Console Generale l’ha sapientemente descritta così: “Siamo qui con noi tanti 'mondi'. Quello che ha lasciato l'Italia diverse generazioni fà, con persone che sono al cento per cento americane ma che hanno il cuore vicino al Paese di origine. Alcuni di loro spesso hanno anche ricevuto onoreficenze italiane. Poi quello dei cittadini italiani in rappresentanza dei Comites, gli eletti al Consiglio Generale degli Italiani all’estero. Abbiamo con noi anche due parlamentari eletti all'estero, della scorsa e nuova legislatura.  E ancora altri mondi, come per esempio quello delle associazioni d’arma, o quello legato alle regioni che esprimono la grande ricchezza del nostro territorio, l’arte, la cultura. Accanto a tutto questo infine un altra realtà: quella delle nuove generazioni, Sono presenti in questa sala, rapprentanti odierni di un Paese all’avanguardia, con scienziati, imprenditori, accademici.”

    Ancora una volta il diplomatico non ha mancato di parlare di un'Italia che deve superare stereotipi facendo ‘sistema’: “Occorre stare tutti insieme per raccontare una nazione nuova che sta cambiando concretamente. Quest’anno si ricorda Galileo Galilei e dobbiamo farlo celebrando una continuità tecnolgica e scientifica (...). Sono momenti difficili, ma gli italiani sono capaci di nuovi slanci. Questo grazie soprattutto alla nostre ricchezze culturali che ci permettono di guardare al futuro. Noi, in un mondo che ha visto perdere l’hard power,  abbiamo il soft power: la cultura. Nessuno la può cancellare e non può scoppiare come una bolla.”

    Ed è facendo riferimento all’Italia statunitense, che ha prodotto anche Joe Petrosino poliziotto americano ucciso a Palermo, che Talò ha passato la parola al Ministro della Giustizia nel segno della continuità della lotta alla mafia.

    Nelle parole del Ministro prima di tutto la soddisfazione di trovarsi tra amici:

    “Rivedo alcuni volti per me noti, mi riferisco al quasi compagno di banco della scorsa legislatura, Salavatore Ferrigno, al nuovo collega Amato Berardi, all’amico Augusto Sorriso che conosco da quando ero ragazzino. Ma è soprattutto una gioia incontrare la comunità italiana, dopo che il console Talò mi ha fatto immergere così bene nella vita italiana newyorkese.”

    Nel parlare dell’amicizia reciproca tra gli USA e l’Italia, Angelino Alfano ha sottolineato che gli italiani devono essere grati agli Stati Uniti così come gli americani devono dare atto alla comunità italo-americana di quello che è riuscita a dare. “L’America è grande non tanto per l’esportazione italiana di olio, di olive, di agrumi o di vino ma per quella di cervelli. Per la straordinaria ricchezza che abbiamo portato qui in questo senso.”

    Diversi sono stati i cognomi di origine italiana citati dal Ministro di personalità che occupano cariche negli USA a diverso livello: “Queste tracce sono piantume - ha detto Alfano - sentimento, fertilizzante anche per il futuro, perchè c’è una nuova Italia. Ci sono stati due-tre grandi flussi migratori. Ora ne abbiamo un altro. Si tratta di giovani che non arrivano con la valigia di cartone, e forse neanche con la valigia. Si sono laureati nei migliori atenei italiani, poi hanno fatto magari un master, e delle grandi multinazionali del credito, della finanza americana li hanno chiamati. Saranno loro che aiuteranno a risollevare gli USA dalla crisi.”

    Per il guardiasigilli si tratta di una nuova sfida: “I tempi delle Little Italy con le comunità italiane autoreferenziali, o addirittura comunità regionali autoreferenziali, sono finiti. L’ho visto io personalmente. E’ un fatto generazionale. Abbiamo connazionali che rispondono all’identikit di emigranti portati qui non dalla nececessità, ma dalla globalizzazione. Questo dove c’è non solo il mercato più grande, ma anche un mondo del lavoro generoso nei confronti di chi ha talento ed energia. Dunque siamo di fronte ad una sfida inclusiva, accanto a comunità altamente identitarie e fortemente unite al proprio interno, ecco arrivare migliaia di 30/40 enni che non hanno un network, non fanno parte della rete classica. Occorrono dunque nuove forme di aggregazione”.

    Tra le varie tematiche sottoposte a ‘tu per tu’ all’attenzione del Ministro, dopo il discorso ufficiale, abbiamo intercettato una richiesta da parte del Vice Segretario del GGIE, Silvana Mangione. Riguardava un tema che sta molto a cuore ad i-Italy: l’insegnamento della lingua italiana negli USA. La rapprentante ha domandato ad Alfano di chiedere ai responsabili del Governo un riesame per quanto riguarda i fondi diretti all’insegnamento della lingua italiana. Sappiamo infatti molto bene che andrebbe tenuta presente una specificità tutta statunitense su questo tema. E' infatti, per esempio, necessario un sostegno maggiore per quanto riguarda la formazione e l’aggiornamento professionale.


    La conferenza stampa e la questione giustizia in vista del G8 a Roma

    La stessa mattina, nel corso della conferenza stampa ai giornalisti, Angelino Alfano aveva descritto alcuni punti della sua visita in nord America come Ministro della Giustizia. In vista del G8 di maggio a Roma, il Ministro ha incontrato a Ottawa il suo collega Robert Nicholson e a Washington, l’ Attorney General, Eric Holder. Per quanto riguarda New York ha visitato il Metropolitan Correctional Center e la sede dei Marshal federali nella Lower Manhattan.

    “C’è una nuova Italia anche per quanto riguarda il contrasto alla nuova criminalità. Un’antimafia nuova che è l’antimafia delle leggi.” Ed il Ministro ha così illustrato l’agenda: “ Ci batteremo per un coordinamento delle politiche contro la criminalità organizzata nel mondo. Occorre una rete mondiale per fronteggiarla. Vogliamo combattere i patrimoni mafiosi e criminali ovunque si annidino. Secondo Giovanni Falcone il contrasto alla mafia passa per l’aggressione ai beni mafiosi. Questi temono molto di più la confisca dei loro patrimoni che la perdita della libertà personale. Il carcere, l’arresto fanno parte del rischio d’impresa. Ma il depauperamento è inaccettabile per chi passa una vita ad accumulare patrimoni illegalmente.

    Abbiamo proposto un modello italiano che si è rafforzato da poco con l’approvazione di norme che prevendono la possibilità di arrivare alla confisca anche anche dopo la morte. Ora abbiamo anche il cosidetto ‘sequestro per equivalente’. Consente di sequestrare anche beni non prodotti illecitalmente, ma equivalenti a quelli prodotti illecitalmente. Abbiamo anche illustrato il nostro ‘fondo unico giustitiza’ che consente di far confluire tutti i beni sequestrati da destinare alle associazioni che combattono la mafia”.

    Altro argomento,  trattato negli incontri del ministro,  è stato quello del cyber crime, la criminalità informatica con particolare riferimento al furto d’identità.

    In un momento di crisi economica diventa poi è sicuramente parso meno astratto anche il tema della responsabilità delle società dei capitali. Il ministro ha parlato di sanzioni graduate:

    “Stiamo vivendo un tempo di crisi economica. Pensiamo che l’accumulazione illecita dei capitali sia un doping al mercato perchè si violano le regole. (…) inoltre nessuno deve ripararsi dietro società di capitali per commettere crimini e accumulare ricchezze illecite”.

    Per quanto riguarda la riforma carceraria Alfano ha detto: “I primi di maggio devo presentare un piano. Ho visitato le strutture qui in cerca di spunti. In Italia sono attualmente detenute 60 mila persone in condizioni - ha detto il ministro - non sempre umane".

    Nello slide show altre immagini dell'incontro (foto di Sara Capraro)
    Find more photos like this on i-Italy

Pages