header i-Italy

Capecchi. Bisogna prendere un Nobel per essere famosi in Italia?

Michele Pagano" (October 09, 2007)
Il professor Michele Pagano interviene sul rapporto che i media italiani hanno con il mondo della ricerca prendendo spunto dal Nobel, "Chi è intervistato per parlare di Capecchi dal Corriere della Sera? E dalla Repubblica? Fate una ricerca con il nome degli scienziati chiamati in causa nel sito di Pubmed per vedere chi sono e quale è l’impact factor delle loro publicazioni. Non vi sorprendete se troverete poco e niente."


Ora Mario Capecchi diventerà un mito in Italia. Si deve prendere il nobel per diventarlo, altrimenti sei ignorato completamente.

Ma puoi sponsorizzarti da solo se ti piace vederti sui giornali. Infatti non sono i media che seguono scienziati validi, ma gli scienziati vanesi che si propongono ai giornali (vedi mia intervista su i-Italy).


Chi è intervistato infatti a proposito di Capecchi dal “Corriere della Sera”? E dalla “Repubblica”? Fate un ricerca con il nome degli scienziati intervistati nel sito di Pubmed (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/sites/entrez?db=pubmed) per vedere chi sono e quale è l’impact factor delle loro publicazioni. Non vi sorprendete se troverete poco e niente.


Gli scienziati validi non sono mai interpellati. Non se ne conosce neanche l’esistenza. Vedevo un programma su Rai-international sulla vita delle campionesse di nuoto italiane. Il commentatore diceva che non erano conosciute dal mondo nonostante i loro sacrifici per arrivare a quel punto. Ma almeno loro erano note abbastanza da farci un servizio intero magari per sposorizzare costumi da bagno ed altri prodotti.

A noi chi ci pensa? Chi farà mai un articolo sulla vita del prof. X, del direttore Y e dello scienziato Y? Non rappresentiamo anche noi l'Italia? Non dovrebbe l'Italia essere fiera di noi?

Dobbiamo trovarci degli sponsor? "Dirige un laboratorio di ricerca alla New York University da 11 anni, ma non ha mai smesso di vestire Marzotto..." Forse così qualcuno si interessa a noi in Italia.


A pensarci, non è poi una cattiva idea, conosce qualcuno alla Marzotto?

Michele Pagano

Ellen and Gerald Ritter Professor of Oncology

Director of the Growth Control Program

New York University Cancer Institute

New York University School of Medicine

550 First Ave., MSB 599

New York, NY 10016

Email: [email protected]

Website: http://www.med.nyu.edu/pathology/Pagano

Comments:

i-Italy

Facebook

Google+