header i-Italy

Articles by: Tommaso Cartia

  • Mia Madre Locandina
    Art & Culture

    Nanni Moretti Ready to Move American Audience Once Again with Mia Madre

    “Why do I keep on repeating the same things? It has been years; everybody thinks that I am capable of understanding what is going on, that I’m able to interpret reality, but I don’t understand anything anymore.”
     
    When asked by the press about her idea of cinema, Margherita (Margherita Buy), the socially committed filmmaker and protagonist of the story, responds: “blunt, raw, sincere, and disenchanted.”
     
    The intimate private drama facing Margherita and her brother, Giovanni (played by Moretti himself), is also a meta-cinematographic reflection of Nanni Moretti who is a socially active politician. Moretti prides himself on his ability to understand contemporary reality, and he captures it through the lens of cinema. 
     
    The story is strongly autobiographical; Moretti’s mother died while he was shooting the Vatican fantasy Habemus papam – We Have a Pope. Like the character in the movie, Moretti’s mother was a Classical studies professor. Through Margherita’s character, Moretti portrays his alter ego of a decadent restlessness director whose social angle is reduced to a fake and stereotypical staged class struggle, as rhetorical as those banners filled with corny survival messages for the patients of the hospital. Margherita sees these banners every day when she goes to visit her mother, and she wryly comments “those banners are not real and nobody needs them.”
     
    Rhetoric stands out as one of the biggest and most controversial themes of the movie. Margherita’s mother, played by the pitch perfect Giulia Lazzarini (winner of Nastro d’argento and David di Donatello), a Classical studies teacher, beloved by her students, is dying. Dying with her is a whole world of intellectuals who used rhetoric – the classical art of discourse – to improve the capability of writers and speakers to inform and motivate audiences. That civic sense is fading away, and given the economic and political situation of Italy these days it is undeniable that through this film, Moretti is giving us his disillusioned point of view on the state of current affairs.  
     
    Of the ancient and dignified rhetoric, only its modern equivalent remains. “Rhetoric bothers me,” says Margherita, again referring to the hospital’s banners.
     
    It appears that all of the characters have some sort of communication issue. Margerita’s daughter has problems with Latin logical analysis and questions the use of Latin in modern times. The protagonist of the movie, the delightful John Turturro (HBO’s The Night of the Big Lebowski), never remembers his lines; Buy’s character is a nerve-racking personality who is incapable of communicating with her troupe as well as with the people in her life. The progressive loss of culture and the weaker voice of modern orators are romantically depicted and linked to the slow deterioration of the mother’s mental and physical strength. 
     
    The dichotomy between the microcosms of the social situation and the microcosms of the mother’s personal drama is smoothed by metaphorical transitions. The symbolic maze between reality and the philosophical commentary on it is well crafted with the use of an intricate narrative structure. Reality is broken down into three intervals of time: the present, the past, and the surreal in which Margherita’s memories of her past, of present situations, and of vivid dreams collide, bringing to light the inner turmoil of the drama she is living.
     
    It is no wonder why Moretti partnered with best-selling author and screenwriter Francesco Piccolo (Nastro d’argento winner for We Have a Pope and The Human Capital) and the talented Valia Santella, to craft a story with a strong sense of narrative and beautifully written dialogues. 
     
    Buy (who already won the David di Donatello and the Nastro d’argento for this role) delivers an impeccable performance, strong and fragile at the same time, and magnificently human in all the shades and nuances of her eclectic character. John Turturro brings to the film all the wit and levity needed to balance the heaviness of the subject and his sketches with the director are perfect comic vignettes showcasing the actors’ chemistry. 
     
    Moretti’s character remains a bit shadowed with his imperturbable calm. His character has the appearance of a quiet observer and remains a less constructed character. The easiness with which he leaves his job, not caring for the economic consequences, makes him seem like a peacefully resigned man, aware that the situation cannot really change. He demonstrates the same attitude regarding the inescapable death of his mother. Resignation seems to be the only language the modern man is capable of speaking.
     
    Generally, the characters’ journeys never reach completion; these arcs appear to be snapshot portraits of intense life moments. A stagnant sense of stillness embraces the characters, all of whom mirror the forced immobility of the mother who is, ironically, the only one who cares about life and still has hopes for a better future. Margherita asks, ”What are you thinking mom?” “I’m thinking of tomorrow,” her mother replies with a bright smile, giving the audience one last gleam of hope that  to change the present, we must go back and re-examine our past and our culture.
     
    Now playing in New York City >>
    About Mia Madre >>
  • Dining in & out: Articles & Reviews

    Panini for You. A Big Taste of Italy in a Small Loaf Bread

    You could draw a line from the Romans to Leonardo Da Vinci to Britain all the way to an ordinary afternoon during my childhood when my mom would set out a panino for me when I returned from school. Every time I ate a panino in New York while researching this article I was transported back to that memory of Italy. A panino is indeed simple – stuffed bread – but in that small loaf of bread lies the full taste of the Tuscan countryside or the flavors and spices of a folkloric Neapolitan street market. A big taste of Italy in a small loaf bread.

    Upper East Side 

    Il Salumaio 1731 2nd Avenuee (646) 852-6876 www.ilsalumaiony.com cuisine traditional ambience trendy price $$

    Brothers Fabio and Ciro Casella are an institution in the world of Italian restaurants in New York. San Matteo, their historical restaurant which brought the best and most enduring traditions of Salernitano cooking to the city, is a bona fide little Italy extravaganza. It’s hard to find a more rustic Italian place in the city serving stellar products and providing elegant service.

    In the tradition of San Matteo, Il Salumaio takes the Casella business to new heights and new standards of luxury service, introducing the most refined selection of Italian wines along with classic dishes from the Neapolitan area. They have a wide selection of hot and cold panini made with the freshest ingredients on a hero, ciabatta or focaccia. One tasty standby is “il Salumaio” (prosciutto, fresh mozzarella and roasted pep- pers).

    For a more sophisticated palate, savor the “Bari” (dry cured filet mignon, Parmigiano Reggiano and Arugula). But you can’t beat their hot eggplant or chicken parmesan Panini – Fabio and Ciro score the best parme- san in the city.

    Uva Wine Bar& Restaurant 1486 2nd Avenue (212) 472-4552 www.uvanyc.com cuisine traditional ambience sophisticated price $$

    This elegant wine bar and restau- rant boasts an enchanting backyard patio and serves great Emilian cooking. Chisolino, fried focaccia, is the unique ingredient of their gourmet panini, reinterpreted with an innovative twist.

    Chef Claudio Meneghini makes his own version of chisolino, modifying the ris- ing process so that the bread has more mollica (the soft inside of the bread). Over this circular shaped, “naked” focaccia he spreads ingredients like robiola cheese and black truffles.

    Another version is the co-called pizzolino made with the crunchier part of chisolino and baked like a small pizza, with tomato, mozzarella, oregano, and topped with pesto – a favorite with the kids. A sinfully delicious chisolino with nutella is also available as a late night snack after 11pm.

    Salumeria Rosi Parmacotto 283 Amsterdam Avenue (212) 877-4800 www.salumeriarosi.com cuisine traditional ambience rustic price $$$

    Antica Salumeria Rosi Parmacotto was founded in Parma in the early thirties by Cesare Bocchi, an enter- prising businessman who had the idea to open a trattoria with an ad- joining salumeria next to it. It was an immediate and long-lasting success. During the sixties Bocchi sold his business to Faimali, a pork butcher who helped make the trattoria a com- pulsory stop for anyone passionate about good cooking and traditional products from Parma.

    Later the Picchi sisters arrived, and in 2008 Parmacotto bought the business, transforming it into a trendy global brand. Now the best in Parma’s cuisine is just a train ride away. Super fresh ingredients are the simple but massive trend of this salumeria, offering a selection of panini assembled right in front of your eyes to preserve their “just-cut” quality. Their signature sandwiches are made with homemade focaccia. Along with the famous Prosciutto di Parma, you certainly don’t want to miss their exquisite bresaola panini.

    Midtown West

    Casa Toscana 1000 8th Avenue Columbus Circle % (212) 247-9600 www.casatoscana.com cuisine traditional ambience modern price $$

    In the heart of Italy, the scenic Val di Chiana appears to be the place where all the exquisite food and wines have been kept, and it’s not a secret anymore. In their new home, under- ground gourmets Luca Meacci, the Tuscan restaurateur who moved to New York twelve years ago, fueled by the American dream, met Luca Paci, another Tuscan who shares with him the same passion for Tuscan cuisine. Casa Toscana, an offshoot of Meacci’s successful “Gelato Ti Amo” in Lower Manhattan, imports all biological ingredients directly from Tuscany and bakes its own stoneground bread to produce the restaurant’s signature schiacciata (flatbread pizza), both with white and whole wheat organic flour. Tuscany’s idea of a treat.

    The schiacciata comes in two additional versions: as an open sandwich with raw ingredients, or as a sandwich served hot. They also prepare savory gourmet croissants with prosciutto, cheese and arugula, and the so-called “Tuscan-New York breakfast,” San Daniele prosciutto, shaved Parmesan, scrambled eggs and heirloom cherry tomatoes.

    La panineria italiana 410 West 36th Street  (917) 639-3441 www.lapanineria.com cuisine traditional ambience friendly price $$

    This brand new eatery shares the same genuine, friendly and young vibe of the trendy “La panineria” in Greenwich Village. Owner “Super” Mario Pesce exudes the kind of Neapolitan warmth that immediately puts you at ease. You feel like he’s a pal you could chew the fat with over a panino. And this young, driven guy is definitely equipped with super powers. He moved to New York when he was just 22 on a dream and a prayer.

    Like something out of a movie. One day, while he was enjoying a panino in a park, he had an epiphany. A panino with high-quality Parma prosciutto and a great cheese, he reasoned, is always a pleasure for the senses, and it could be a winning formula in a city like New York where eateries always tend to pile on the ingredients rather than keep it simple. Therein lies the secret of La Panineria.

    It serves high quality products in freshly baked bread. Easy but tasty. The way a panino should be. Their panino with “burrata” cheese is a specialty you can’t find elsewhere in New York, as are their signature black truffle oil sandwiches. Big on take-outs, La Panineria also provides a useful app for delivery.

    Sergimmo Salumeria 456 9th Avenue  (212) 967-4212 www.sergimmo.com cuisine typical ambience rustic price $$

    An authentic local salumeria with traditional Italian countryside décor, offering the best selection of cured meats, regional cheeses, pastas and olive oils. In 1970 brothers Giovanni and Filippo Badalamenti brought their mozzarella-making craft to New York all the way from Sicily and started a successful business, first located in Astoria, Queens, and now in the glamorous Hell’s Kitchen area with Giovanni’s sons Massimo and Sergio, who have taken the business to new heights. Their fresh ciabatta crunchy bread is delivered daily from a bakery in Tribeca and used to prepare a vari- ety of 25 different paninis. Their special is Il Vip, prepared with Prosciutto di Parma, fresh mozzarella, spring mix, extra virgin oil and fig spread. It is served with extra virgin oil and a balsamic dressing.

     

    Alidoro 18 East 39th Street %(646) 692-4330 www.alidoronyc.com cuisine traditional ambience friendly price $$

    This midtown offshoot of the famous sandwich shop in Soho dispenses a wide variety of panini stuffed with mouthwatering original Italian ingredients. Walter Momentè, originally from Venice yet proud to call himself a true New Yorker, comes from a family of restaurateurs who opened this panini mecca in 1986. Every morning he wakes up and goes shopping for the best Italian cheeses, meats and bread to make his signature Italian heroes. “I put the same passion that I have for food into my customers and you can see from their expression they enjoy every bite,” stays Momentè. You definitely won’t be disappointed by the explosions of tastes when you bite into a cold Frugoletto (sopressata, smoked mozzarella, artichokes and arugula) or a warm Fratelli d’Italia (por- chetta, basil pesto, fresh mozzarella, hot sauce, sweet peppers and arugula).

    Upper East Side

     

    Piada 601 Lexington Avenue % (212) 752-2727 www.piadanyc.com cuisine typical ambience friendly price $$

     This flatbread filled with a variety of Italian cheeses, charcuterie and vegetables is a classic Italian sand- wich inherited from Emilia Romagna cooking. After realizing that piada was completely unknown to the New York culinary scene, in 2004 Giovanni Attilio and Daniele Buraschi, two Emilian piada lovers, joined forces with entrepreneur Sebastiano Peluso, the ge- nius businessman who has been key to building a vast network of supporters of Italy’s traditions in New York City, to open this unique sandwich shop that has become a favorite lunch spot for the business crowd in Midtown. Stop by and get a real taste of Emilia Romagna with the classic “Amarcord” piadina (prosciutto di Parma, mozzarella cheese, arugula) or the “Dolce Vita” (bresaola, shaved parmigiano, arugula, extra-virgin oil). You can also find Piada at the Plaza Food Hall at 1 W 58th Street.

    Flatiron 

    I Panini (at Eataly) 200 5th Avenue  (212) 229-2560  www.eataly.com cuisine modern ambience contemporary price $$

    Eataly has become a landmark for Italian food and culture, a phenomenon that continues to captivate costumers all over the world. The perfect mix of high quality organic products and Italian gastronomic tradition reinterpreted in a hip and cool environment is also the winning formula of Eataly’s “I panini” counter. Recently revamped in order to identify local New York ingredients like the heirloom tomato from New Jersey, the “I Panini” menu presents a unique combination of Italian and American ingredients served on homemade ciabatta, baguette or piadina.

    The Campano (heirloom tomato with fresh mozzarella and pesto) is a favorite among the clientele, but there’s a whole variety of different combinations available and you can customize. This summer the menu will capitalize on grilled ingredients like eggplants, mushrooms and vegetables along with cold sandwiches. The breakfast panini selection inspired by colazione all’americana is also an Eataly staple, made with wholesome local eggs from Arcadian Pastures, local meats and Italian salumi and formaggi on ciabatta.

    Lower East Side  Gaia Italian Café 251 East Houston Street  (646) 350-3977 www.gaiaitaliancafe.com cuisine traditional ambience rustic price $$

    The personification of earth in Greek mythology, Gaia is not just an evocative brand name for this lovely Italian spot; it’s also the entire philosophy behind how the café operates. Everything from the homemade fresh bread to the non processed foods to the recipes based on the perfectly balanced Mediterranean diet hinges on the assumption that we are all connected to the earth. Milan native Gaia Bagnasco has travelled across her native region to collect its gastronomic secrets and bring them to the Big Apple. Gaia’s special panini is made with panfocaccia (thin, crunchy and cracker like toasted bread) is filled with different combinations of ingredients. The famous Milanese – chicken cutlet, arugula, tomatoes and pesto sauce – is a classic. If you’re feeling weary, take a break with a fine cup of Illy Espresso and a tantalizing Nutella pastry.

     

    Little Italy

    Di Palo’s 200 Grand Street (212) 226-1033 www.dipaloselects.com cuisine traditional ambience homey price $$

    A traditional Italian mom and pop shop, Di Palo’s established a reputtion over the years as being the best dairy shop for Italian cheese in New York. Originally from Montemilone, Basilicata, South of Italy, Lou di Palo, the owner of this old- fashioned latteria, comes from a generation of Italian immigrants that settled in Little Italy in 1903.

    His great-grandfather Savino Di Palo, a cheese maker, started the busi- ness which he later passed down to his daughter Concetta and her husband Luigi, who imported all of the best high quality cheeses from the south of Italy like Caciocavallo, Provolone and Pecorino Romano.

    The shop has survived the test of time, having witnessed several wars and the Depression. It remains an undeniable gem, not only for the quality of its food but the history it stands testimony to. Like an Italian kid on his school break, you can go to Lou Di Palo and ask for a simple traditional Italian panino. Some of their specialties are panini with fresh roasted porchetta on rosetta bread, fresh made and cubed with sea-salt; or the pizza Bianca, with rosemary, sea salt, olive oil spread. Add prosciutto cotto, mortadella, provolone dolce or fresh mozzarella.

    Financial District Pisillo Italian Panini 97 Nassau Street (212) 227-3104 www.pisillopanini.com cuisine traditional ambience friendly price $$

    Located in the heart of New York’s Financial District, Pisillo Italian Panini is a gastronomical jewel, the number one Italian fast food joint on Tripadvisor’s list, and one of New York’s mayors favorite places to lunch. Owners Car- melo Nazzaro and his wife Antonella Silvio opened the place in November 2012, the month de Blasio was elected. Coincidentally, Silvio’s hometown, Sant’Agata dei Goti, Naples, is where de Blasio’s grandfather Giovanni came from. Let’s just say the Nazzaro’s journey was written in the stars.

    The couple fought hard to promote their idea of an authentic Italian panineria, which is not to be mistaken for a restaurant or a deli. Proud of the fact that they maintained their Italian name and their brand in a jungle of fake Italian delis, they have often been imitated but never matched. Carmelo, a professional buyer of high quality products, knows exactly what is fresh and genuine. He imports everything from Italy. Buffalo mozzarella from Naples, prosciutto from Parma, Südtiroler speck are combined with fragrant bread delivered daily from one of the finest bakeries in Brooklyn, which has been in the business for 30 years. .

    The Bronx

    Mike’s Deli 2344 Arthur Avenue (718) 295-5033 www.mikesdelionline.com cuisine italian & american ambience casual price $

    If you’re looking for the real vibe, the true scents and flavors of an Ital- ian neighborhood, hop a train to the Bronx and pay a visit to Mike’s Deli in the Arthur Avenue Retail Market.You’ll be inundated by the vivacious energy of a storybook Southern Italian market. Owners Mike and David Greco have a family history that dates back to a time when Italian immigrants were shuttled through Ellis Island. Their grandfather Gennaro moved to New York from Naples in 1915, settled in the Bronx, and opened a butcher shop with the help of his wife, the incredibly determined and kindhearted ‘Nonnabella.’

    Those qualities run in the family and are the key to the brothers’ success: Da- vid won the prestigious “Throwdown! with Bobby Flay” challenge, and their devoted clients include Hilary Clinton, Robert De Niro and Leonardo DiCaprio. Their sandwich menu appears tradi- tional and original at the same time, a unique fusion of Italian-American tastes and stellar quality products. Each panino has a specific story be- hind it, like the “Hilary Clinton favorite” made with salami, smoked mozzarella, sundried tomatoes, sweet peppers and olive oil on Italian bread. Or the Paula Deen, with prosciutto di Parma, hot so- pressata, radicchio, fresh mozzarella, sun-dried tomatoes and truffle oil on focaccia.

    Brooklyn - Williamsburg

    Lella Alimentari 325 Manhattan Avenue (718) 599-1986 www.dallalella.it cuisine traditional ambience cozy price $

    If you’ve never had the chance to taste the typical piadina in Northern Italy’s Romagna region itself, don’t miss Lella Alimentari, one of the very first authentic piadineria in NYC. Massimiliano Nanni, affectionately known as Chicco Piadina, has transported the goods from his mother’s “Piada e Cassoni dalla Lella”, one of the most famous Rimini piadinerie, to Williamsburg, with his cozy, familyrun bistro. A piadina is a variation of the typical Italian sandwich. Composed with thin flatbread (made with white flour, lard or olive oil, salt and water), it’s usu- ally stuffed with prosciutto di Parma, stracchino (Italian cow milk cheese), and arugula. Among the many varieties of piadina on the menu, this summer you’ll fall in love with the seasonal heirloom tomato piadina. Great fresh ingredients are shipped in every month from the West Wind Orchard Farm upstate. If you’re keen on sweets, make the Nutella piadina your new naughty pleasure.  

    Staten Island Panini Grill 538 Foster Avenue (718) 981-2999 www.paninigrillsi.com cuisine homemade ambience friendly price $$

    Three Italian brothers decided to in- troduce their mamma’s home cooking to Staten Island. They keep it simple, offering large portions in a cozy family- style atmosphere. Their just-heated, pressed, brick-oven bread – acquired daily from Royal Crown Baker – forms the foundation of 32 varieties of Ital- ian sammies served on a panini, focac- cia, hero or wrap. Portions may be big enough to split but you’re going to have a hard time sharing some of the Grill’s delicacies, like the “Turkey Artichoke” (caramelized onions and artichoke) or the “Rosario Protein” (grilled chicken, white beans, avocado, broccoli rabe, Swiss cheese and chipotle mayo). With a day’s notice you can order a 3, 4, & footlong hero – brick-oven bread filled with vegetables, Boar’s Head meats and cheeses or chicken cutlets. Their prix fixe Sunday brunch and dinner is perfect for family events.

  • Fatti e Storie

    A New York l'avanguardia dell'innovazione tecnologica italiana


    Negli ultimi anni New York si è attestata sempre di più anche come uno dei poli mondiali più importanti per i pionieri dei new high tech business trends che stanno prendendo sempre di più piede come nuovi modelli imprenditoriali d’avanguardia.



    Molti gli italiani che in questi anni hanno cercato di far partire startups o di ampliare il proprio business sui competitivi mercati americani, una sfida fatta di rischi non calcolabili, di profonda fiducia nella propria visione, ma anche dell’acquisizione di nuovi schemi e regole che si basano sui nuovi concetti di mobilità e di continua trasformazione imprenditoriale. 



    Il modello aziendale del passato sta lentamente decadendo a favore di un mercato fluido dove prendersi il rischio di cambiare seguendo le improvvise oscillazioni dei trends è una delle chiavi di successo. Un modello inedito, complesso, una nuova terra vergine da conquistare che sta già dando importanti risultati ai tanti imprenditori italiani che si sono imbarcati in questa avventura. 
     
    Per dare un’idea della portata del fenomeno, basti pensare che sul sito digital.nyc, il più grande portale per le startups e il business della tecnologia, si possono trovare ad oggi quasi 8000 startups presenti sul territorio di New York.
     
    Moderato dalla giornalista Maria Teresa Cometto, il panel della conferenza ha ospitato alcuni tra i più importanti nomi che si sono distinti nel settore: Justin Kreamer (NYCEDC – NewYork City Economical Developement Corp.), Alessandro Piol (AlphaPrime), Filippo Lubrano (Eattiamo), Cecilia Lubatti (Opportunity Network), Claudio Vaccarella (HyperTV) e Lorenzo Thione (The Social Edge).
     
    Il dibattito è stato aperto da Justin Kreamer di NYCEDC, la prima associazione per lo sviluppo economico della città di New York. Kreamer ha presentato l’interessante programma ‘IN2NYC’ che l’associazione sta promuovendo in partnership con CUNY (City University of New York). 
     
    Una grande opportunità per tutti gli imprenditori internazionali che vogliono iniziare un business a New York e che si ritrovano sempre ad affrontare enormi difficoltà logistiche e burocratiche, prima fra tutte quella del visto. Il programma permetterà infatti di accelerare il processo di acquisizione di uno sponsor americano e finalizzare le pratiche legali per l’emissione del VISTO H-1B. Tutte le scuole partners di CUNY,  City College, LaGuardia Community College, Medgar Evers College, Queens College e College of Staten Island hanno già iniziato ad accettare le applications – data di scadenza il 29 Luglio.
     
    La conferenza è continuata con il racconto delle esperienze dei vari panelists che hanno già avuto l’opportunità di affermarsi in America grazie al loro genio imprenditoriale e alla loro ferma determinazione. 
     
    Claudio Vaccarella di ‘HyperTV’ ha raccontato del percorso di nascita e di crescita della sua società romana, nata dall’idea di concepire contenuti digitali combinandoli con diversi linguaggi interattivi. Il sistema è un classico software su service grazie al quale i brands possono creare autonomamente un mash up di contenuti di elementi diversi. Importante è stato il successo della società con i netowork televisivi come ESPN, RAI, MEDIASET, ALJAZEERA, FOX.
     
    Di grandissimo successo anche ‘The Social Edge’ di Lorenzo Thione, un imprenditore seriale di startups milanese trasferitosi poi in Texas. ‘Edge’ è una piattaforma di distribuzione di contenuti per le compagnie di pubblicazione online sostenute dalla figura dei cosiddetti influencers, in grado di attuare un management automatico fra contenuto ed audience dando ai produttori di contenuto una sorgente di traffico organico attraverso la ricerca delle audience interessate al tipo di contenuto e di proposta. Il successo di ‘The Social Edge’ è la sua trasversalità; Lorenzo Thione è riuscito infatti ad applicare le stesse leggi tecniche di promozione anche a Broadway supportando la campagna pubblicitaria del musical ‘Allegiance’, da lui prodotto, e che vede come protagonista il celeberrimo attore di ‘Star Trek’, George Takai. 
     
    New York è anche la città più friendly per le donne imprenditrici, oltre il 20% degli imprenditori di startups sono infatti donne. Tra queste c’è Cecilia Lubatti di Opportunity Network, piattoforma online per connettersi ad opportunità di business, una sorta di LinkedIN per le aziende. Il concetto è infatti molto simile: se un imprenditore o un CEO è interessato a trovare una opportunità di business, specialmente all’estero, può connettersi ad ‘Opportunity’ e visualizzare i profili delle società o degli altri imprenditori. 
     
    Proprio nei giorni del grande evento legato all’industria culinaria, il Summer Fancy Food di New York, risulta di particolare interesse comprendere la parabola evolutiva di ‘Eattiamo’ presentato del ligure Filippo Lubrano; il primo food e-commerce al 100% italiano che permette ai piccoli produttori di creare il proprio negozio online. Una iniziativa che corre in aiuto degli oltre 400.000 produttori artigianali italiani che non sono ancora in grado di vendere all’estero su scala competitiva né di trasferirsi in pianta stabile in America. 
     
    Un e-commerce che permette al produttore di arrivare direttamente al consumatore e che ha aperto i propri database e li ha messi a disposizione di tutti i siti del mondo di e-commerce, così che i competitor come Amazon e Ebay, finiscono per diventare partners. La startup è da poco entrata in Food-X, uno dei più importanti acceleratori nel campo del food a New York. Grazie a dei ‘piano box’, Eattiamo porta a casa degli americani un percorso gastronomico completo per riproporre in casa una esperienza culinaria italiana.
     
    Fondamentale la testimonianza lavorativa e di vita di Alessandro Piol, attivo nel settore della tecnologia a New York ormai da oltre 30 anni. Presidente della sezione di New York di TiE, un organismo che promuove l’imprenditorialità nel mondo, è diventato a tutti gli effetti un vero e proprio guru del settore e punto di riferimento imprescindibile per il mondo della tecnologia a New York.
     
    Oggi è co-fondatore della società ‘AlphaPrime’, che investe in tecnologie che aiutano a maneggiare e a proteggere beni capitali.
     
    Piol è diventato anche un Angel Investor, un investitore informale che provvede fondi da investire in una società o in una produzione, come nel mondo dell’entertainment. Gli Angels Investors di New York sono una delle comunità più attive in tutta l’America a sostegno della nascita di startups.
     
    Alessandro Piol, con Maria Teresa Cometto, ha anche pubblicato un libro  che è diventato una vera e propria guida e vademecum per sopravvivere nella giungla delle startups newyorchesi, ‘Tech and the City. Startup a New York un modello per l’Italia’.
     
    Il dibattito ha portato in luce quanto questi nuovi modelli di approccio al business della tecnologia, in particolare le startups, siano efficaci e riescano a portare grandissime soddisfazioni professionali. Un universo ancora da scoprire, un nuovo vocabolario del quale appropriarsi, un nuovo manuale d’istruzioni da seguire, per farsi largo fra le eccellenze dell’intricato mondo del business newyorchese. L’iniziativa personale, la visione, l’unicità dell’idea, il saper raccontarsi e raccontare una storia per poi trasporla in vincenti canali multimediali è la nuova avanguardia commerciale delle startups, o forse è semplicemente un ritorno alle origini, al libero scambio di idee, di punti di vista, che si capitalizzano ma rimangono pur sempre un atto di sharing forse oggi più libero di quanto il modello capitalista ha proposto in passato. 
     
    L’evento si è concluso con una importante occasione di networking tra i panelists ed il pubblico presente deliziati da un rinfresco offerto da Piccola Cucina Osteria Siciliana – New York. 
    Tommaso Cartia
     
     
     
     
     

     

  • Fatti e Storie

    Ecco a voi: il Primo 'primo' di Manhattan

    “La pasta è come tua mamma, tu conosci tua mamma, se ti chiedo qual è il colore dei suoi occhi non lo puoi dimenticare, lo sai così bene che a volte lo dai per scontato. Bisogna rinvigorire l’interesse e l’attenzione per la pasta, il più classico dei prodotti italiani”

    Questo l’intento e le parole di Giuseppe di Martino, amministratore delegato del Gruppo di Martino, da noi intervistato in occasione de “Il Primo di Manhattan”, la gara gastronomica che ha visto 10 tra i migliori chef italiani di New York battersi per il titolo di miglior piatto di pasta della Grande Mela. 

    Proprio per rivitalizzare ed tornare ad esaltare di nuovo uno dei nostri patrimoni dell’UNESCO, la pasta, Il Pastificio di Martino di Gragnano ha riunito per l’occasione una giuria internazionale d’eccezione: oltre a Giuseppe di Martino erano presenti i critici e food journalist americani John Mariani, Chanally Philipp, Peter Smith e Carole Acunto; i giornalisti italiani Luciano Pignataro ed Eleonora Cozzella e la cuoca e scrittrice Faith Wilinger.

    La giuria si era già riunita il 19 Maggio per valutare i migliori 70 tra i 200 chef facenti parte dell’AICNY (Association of New York Chefs), capitanata dal presidente Massimo Carbone; una selezione lunga e difficile che ha portato alla rosa dei 10 primi di Manhattan: Patrizia Volanti – Antica Pesa Brooklyn; Matteo Calcinati – Paola’s; Matteo Bergamini – Black Barn; Riccardo Bilotta – A Voce Columbus; Simone Venturini – A Voce Columbus; Carlo Bigi – Il Buco Alimentari; Vincenzo Garofalo – Le Cirque; Francesco Gallo – Tarallucci e Vino, NYC; Pasquale Cozzolino – Ribalta; Massimo Sola – Mamo Restaurant

    Ospitata in uno dei ristoranti ormai simbolo della buona cucina tradizionale italiana a New York, il Ribalta di Rosario Procino e Pasquale Cozzolino; la competizione si è svolta introducendo i dieci cuochi in gara con un video di presentazione che ha raccontato un po’ della loro storia, del loro background culinario, e dell’eccezionalità del piatto presentato. Spettacolare la preparazione dei vari piatti, preparati al momento nella cucina del Ribalta, e presentati ai giudici con classe ed estro compositivo oltre che culinario.

    I dieci chef hanno cucinato la Pasta di Martino di Gragnano con un vestito tradizionale arricchito da idee innovative, contrasti di sapori sorprendenti, ricette che fanno parte della storia della cucina reinterpretate con delle varianti per mantenere da una parte l’unicità del gusto ineguagliabile della pasta ma per far riscoprire un palato moderno e più esigente. 

    E sicuramente esigenti sono stati i giudici, in attesa di essere stupiti dall’eccezionalità di sapori nuovi. 

    Carole Acunto ci racconta del suo entusiasmo e delle sue aspettative prima che la gara abbia inizio: “sono felice di scoprire quello che questa esperienza culinaria potrà darmi. Molte delle ricette presentano diverse combinazioni di ingredienti, alcune delle quali mi sembrano molto curiose, quindi non vedo l’ora di essere stupita, sono qui seduta in trepidante attesa di essere sorpresa da un’esplosione di gusto”.

    Contento ci è parso subito il famoso blogger/giornalista Luciano Pignataro, un giudice assolutamente severo venuto dall'Italia apposta per controllare la qualità delle ricette.  

    Lo ha poi scritto sul suo blog quello che ha provato e visto: "La cucina italiana a New York è ben lontana dal folklore: sono sempre più numerosi i bravi cuochi che arrivano qui portando tecnica, tradizione e prodotti"

    Originali e sfiziosi sono infatti i piatti profondanente italiani proposti dagli chef, come gli ‘Spaghetti finiti in un brodo di pesce, zafferano e limone, con ricci di mare, gamberi rossi e baby capasanta’ di Matteo Calciati – Paola’s  o gli ‘Spaghetti con baccalà alla romana, cipollotti in agrodolce, cialda di parmigiano, semi di finocchio e vellutata di foglie di aglio selvatico’ di Patrizia Volanti – Antica Pesa Brooklyn.

    In un susseguirsi incalzante i piatti vengono presentati ai giudici che assaggiano, assaporano, chiedono informazioni agli chef sull’idea creativa che ha dato origine al piatto proposto, sul loro percorso gastronomico e sulla loro idea di pasta. 

    Davvero difficile prendere una decisione dato l’altissimo livello presentato, infatti le prime tre posizioni si distanziano di pochissimo. 

    Alla fine tra tutti la spunta Massimo Sola – Mamo Restaurant, ex Eataly Roma, stella Michelin con i Quattro Mori, con la sua ‘Quasi Carbonara’: ‘Spaghetti con cardamomo, pancetta croccante e tuorlo d’uovo soffice a meno 28 gradi’.

    Il vincitore si è aggiudicato un premio di 5.000 dollari, una padella professionale Pentole Agnelli con su incisa la propria firma ed un viaggio per due persone a Gragnano, per conoscere da vicino la storia della pasta. Garantita inoltre la sua partecipazione all’evento ‘Le Strade della Mozzarella’ come relatore.   

    Al secondo posto Vincenzo Garofalo di Le Cirque con ‘Spaghetti con limone, gamberi rossi, liquirizia e menta fresca’; mentre il terzo posto se lo aggiudica Matteo Bergamini – Black Barn, con le sue ‘Linguine affumicate al legno di Melo, datterino alla brace, vongole, olio evo.

    Scroscianti applausi per tutti i partecipanti ed in particolare per il vincitore, grande la soddisfazione di Giuseppe di Martino, del presidente dell’ AICNY Massimo Carbone e di Rosano Procino di Ribalta; anime del premio ed instancabili ambasciatori della tradizione gastronomica italiana a New York. 

    È già nei loro piani una seconda edizione, che sarà ancora più spettacolare e di più ampio respiro con molti altri ristoranti di Manhattan cercando delle locations sempre più diverse  per ospitare una competizione che ancora una volta celebra con grande passione ed entusiasmo la nostra cucina, indiscussa protagonista del gusto newyorchese. 

    Siamo curiosi e non vediamo l'ora della prossima gara. E per ora andiamo ad assaporare questi piatti nei ristoranti che li hanno proposti. E ricordate, la prima garanzia è sempre una buona pasta italiana.  Dietrolla pasta di Gragnano ci sono oltre 500 anni di storia.  E di questo va orgoglioso il Pastificio G. Di Martino, con la  sua famiglia, radicata nel territorio e nel solco della tradizione. Ecco nella vostra bocca il risultato di un duro lavoro, cura artigianale, ricerca della qualità, ma anche innovazione tecnologica, sempre nel rispetto dell’ambiente.

     

  • Fatti e Storie

    Festa del Cinema di Roma 2016 – prime indiscrezioni


    La festa del cinema di Roma si preannuncia quest’anno più festivaliera che mai. Non sono stati ancora svelati i titoli della selezione ufficiale, ma sono già uscite le prime indiscrezioni sulle star e gli ospiti che grazieranno il red carpet dell’ Auditorium Parco della Musica di Roma dal 13 al 23 ottobre 2016.


    Su tutti, due nomi hanno catturato immediatamente l’attenzione mediatica internazionale, due delle star più premiate e celebrate del cinema hollywoodiano: i premi Oscar Tom Hanks e Meryl Streep.


    La star di Forrest Gump riceverà un Premio alla Carriera mentre la grande icona Meryl Streep sarà protagonista di un bellissimo incontro durante il quale l’attrice americana racconterà delle grandi donne del cinema italiano che hanno influenzato la sua formazione, in particolare Silvana Mangano.


    Non solo attori, i dibattiti coinvolgeranno anche personaggi della cultura come David Mamet (premio Pulitzer per la piéce Glengarry Glen Ross); Don De Lillo (autore statunitense) e Daniel Liberskind (architetto di fama internazionale, autore del progetto di ricostruzione del World Trade Center di New York).


    Per quanto riguarda invece le Retrospettive, sono stati annunciati quindici film, il cui tema principale verterà sulla politica americana in vista delle imminenti elezioni presidenziali. Saranno proposti film della grande tradizione statunitense da John Fonda a Frak Capra fino a Steven Spielberg.


    Sarà inoltre celebrato il centesimo anniversario della nascita del regista Luigi Comencini con una mostra fotografica a lui dedicata e la proiezione in versione restaurata di Le avventure di Pinocchio, Queimada e L’Armata Brancaleone.


    Sulla selezione dei film di quest’anno il direttore artistico Antonio Monda ha le idee molto chiare: “trovo illogico scegliere un film solo per il red carpet, il sensazionalismo e la quota mi interessano poco, un film deve essere bello, punto.”


    Pietra Detassis, presidente della Fondazione Cinema per Roma, sta pensando di coinvolgere non solo il quartier generale dell’Auditorium, ma altri importanti luoghi della Capitale, dal Villaggio del Cinema, fino alle sale in città, dal centro alla periferia. Sarà allestito anche uno speciale red carpet lungo via Condotti prima della data di inizio del festival insieme a diversi eventi di pre-apertura, tra cui un concerto e due film ancora top secret.

     

  • Fatti e Storie

    Destinazione Giffoni Film Festival 2016


    Fondato nel 1971 dall’allora diciottenne film maker Claudio Gubitosi, oggi storico direttore artistico, il Giffoni Film Festival, si è negli anni trasformato in una vera e propria experience, una piattaforma interattiva dove non solo i più giovani sono spettatori ma anche protagonisti, attori, giudici; una fucina di idee e di stimolazioni estetiche, un progetto di ampio respiro, che propone  tutto l’anno corsi, incontri ed iniziative speciali per i ragazzi. 
     
    Partito come un evento prettamente regionale, la rassegna si svolge presso Giffoni Valle Piana provincia di Salerno, la manifestazione ha allargato di anno in anno sempre di più i propri orizzonti diventando un punto di riferimento internazionale ed un appuntamento imprescindibile per la produzione cinematografica di film per ragazzi. 
     
    La Giffoni World Alliance è difatti ad oggi una rete presente a Hollywood, in Australia, Albania, Polonia, Dubai; un canale di comunicazione che ha permesso al Giffoni di consolidarsi come agenzia internazionale nell’ambito della cultura giovanile.
     
    Tanti gli ospiti illustri, da Meryl Streep a Robert De Niro, Oliver Stone, John Travolta, Wim Wenders, Jeremy Irons,  Kathy Bates, Roman Polanski, Sergio Leone, Michelangelo Antonioni, Alberto Sordi; negli anni le grandi stelle del cinema hanno incontrato i giovani del Giffoni regalando loro la loro esperienza artistica e di vita. Anche il maestro François Truffaut si interessò al festival tanto da dichiarare: “Di tutti i festival di cinema, quello di Giffoni è quello più necessario”; frase che ben sottolinea l’importanza dell’intento pedagogico della rassegna. 
     
    Quest’anno il festival vedrà come super ospiti personalità del calibro di Matteo Garrone, Ricky Menphis, Nicholas Hoult, Gabriele Mainetti, Paolo Genovese, Chiara Francini, Gabriella Pession Ivan Cotroneo, e l’attore Nicholas Galitzine star di New York Academy, uno tra i film più attesi del festival, esclusiva anteprima nazionale della rassegna. Uno spettacolare film-performance ambientato tra i grattacieli di New York, incentrato sul mondo della danza e sulle aspirazioni di giovani artisti. Creato dalle stelle di Broadway Michael Damian e Janeen Damian, il film si avvale del grande coreografo Dave Scott che ha saputo trasportare al cinema la spettacolarità della danza in teatro. 
     
    104 i film che verranno proposti ai giovani giuristi che quest’anno sono 4.150, provenienti da oltre 50 Paesi e suddivisi per fasce d’età: Elements+3, bambini dai 3 ai 5 anni, Elements+6, dai 6 ai 9, Elements+10, dai 10 ai 12, Generator+13 per i ragazzi dai 13 ai 16 anni, Generator+16 per i ragazzi dai 16 ai 17 anni, e Generator+18 per i ragazzi dai 18 anni in su). I film in gara si contenderanno il Gryphon Award per le categorie miglior lungometraggio e cortometraggio. 
     
    Ogni anno il festival sceglie un filone tematico che guida la selezione delle opere proposte. Quest’anno la direzione artistica si è concentrata sull’idea di Destinazioni, ricalcando l’archetipo drammatico del viaggio dell’eroe, che dal mito greco alle narrazioni moderne è rimasto il modello principale di ogni storia. Destinazione intensa come punto di arrivo dell’eroe ma anche metaforicamente come il cammino dei piccoli ragazzi del Giffoni per cui i film possono essere delle sentinelle, dei mentori che indicano la strada da percorre nel viaggio di ricerca di se stessi in un momento storico dove trovarsi è la meta più ambita.
     
    Anche il poster della manifestazione, ideato dallo street artist Gary Baseman, riprende l’idea di Destinazioni, con i suoi viaggianti super eroi cartonati.
     
    Complessa la proposta tematica di quest’anno, dalle avventurose storie di amicizia ed eroico coraggio a temi più impegnati come quelli del bullismo, dell’immigrazione e dell’omosessualità.
     
    Tra i 24 cortometraggi della categoria Elements+3 spiccano due giovani registi italinai: Luca Bigliazzi con il cortometraggio Dummysaurus: The impossibile tanning e di Fabrizio Gammardella con Sissy’s dream. 
     
    La sezione Elements+6 presenta la prima internazionale del lungometraggio Zip&Zap and the Captain’s Island del regista spagnolo Oskar Santos, sequel di Zip&Zap and the Marble Gang che aveva già trionfato nella stessa categoria nel 2014. Nella stessa categoria Snowtime! dei registi canadesi Jean-François Pouliot e François Brisson con la colonna sonora filmata da Celine Dion. Tra i corti in gara in questa sezione altri due italiani: Nino&Felix di Lorenzo Latrofa e Marta Palazzo e Il mio cane si chiama vento di Peter Marcias.
     
    Anche nella sezione Elements+10, tra le varie proposte internazionali di storie di giovani comuni eroi come Fortune favors the brave di Norbert Lechner (Germania) o Blue Bicycle di Umit Koreken(Turchia), troviamo la presenza di due giovani registi italiani, sempre nella categoria cortometraggio: An afterthought di Matteo Bernardini (Italia) e Butterflies di Lisa Riccardi.
     
    Argomenti di attualità e rivisitazioni storiche nella categoria Generator+13. Fog in August di Kai Wessel (Germania), ambientato nella Germania nazista, racconta la storia vera di Ernst Lossa, un ragazzo tredicenne proveniente da una famiglia di zingari, deportato in un ospedale psichiatrico dove i nazisti praticavano l’eutanasia come forma alternativa di genocidio. King Jack del regista americano Felix Thompson tratta invece della controversa tematica del bullismo giovanile.
     
    Generator+16 presenta l’interessante My name is Emily di Simon Firzmaurice, una produzione indipendente irlandese che narra la storia di una coraggiosa tredicenne che prova a liberare il padre, uno scrittore visionario, dal reparto psichiatrico in cui è stato internato, una storia di redenzione. Il film ha come protagonista Evanna Lynch, l’amatissima Luca Lovegood della saga di Harry Potter. 
     
    La sezione più adulta del festival invece, Generator+18, propone una ricca varietà di titoli provenienti da tutto il mondo. Tra tutti spicca From Nowhere di Matthew Newtonw (USA), che vede nel cast nomi importanti come quello di Julianne Nicholson attrice di Boardwalk Empire e Dennis O’Hare, conosciuto dal grande pubblico per i suoi ruoli in American Horror Story, True Blood e in Dallas Buyers Club. 
     
    Tre gli italiani presenti nella sezione cortometraggi fiction di questa categoria: Bellissima di Alessandro Capitani, Duale di Gianluca Santoni e A metà luce di Anna Gigante.
     
    L’universo giovanile è  scandagliato con profondità di visione e trasparenza narrativa nella categoria dei documentari, Gex Doc. Anche in questa sezione si distingue un italiano, Alessandro Piva, già vincitore del David di Donatello nel 2000 come miglior regista esordiente per La capa gira. Quest’anno presenta My room (Camera mia), uno spaccato intimo della vita di alcuni ragazzi pronti ad entrare nell’età adulta con tutti i loro sogni, desideri, turbamenti, le loro opinioni sull’amore, il sesso, la politica, il futuro. 
     
    Di grande impatto anche Facebookistan del danese Jacob Gottscahu, una tagliente analisi del social network che ha cambiato i parametri della comunicazione moderna ed ha sfidato i principi base della democrazia: il diritto d’espressione ed il diritto alla privacy. 
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     

     

  • Fatti e Storie

    Coni. Minibasket tra due mondi

    Giunto ormai alla sua 24ma edizione, il torneo internazionale “Minibasket in Piazza” che si tiene ogni anno a Matera promosso dalla società “La Pielle Matera”, è un grande evento non solo sportivo ma anche di grande sensibilizzazione ed incontro interculturale. Dal 19 al 25 di giugno, centinaia di bambini provenienti da tutto il mondo andranno a comporre le 64 squadre che si contenderanno il trofeo; la novità di quest’anno è la presenza del Colegio Corazonista, proveniente dalla Colombia, e dei mini atleti newyorchesi che si uniranno ad una squadra di Grassano per una settimana di condivisione di sano agonismo, fraternità e divertimento.

    Accompagnata dal Cav. Uff. Mico Delianuova Licastro, delegato US del Coni a New York, la delegazione dei piccoli atleti newyorchesi è stata calorosamente salutata dal console generale Francesco Genuardi. Il diplomatico ha ricordato che Grassano, una delle piazze che ospiterà il torneo, è una delle città originarie del sindaco di New York, Bill de Blasio, ed ha augurato ai ragazzi di vivere un’esperienza meravigliosa che sicuramente non dimenticheranno.

    “Avrete l’occasione di conoscere tanti nuovi amici italiani. L’Italia è fortissima dal punto di vista della diplomazia sportiva, si sta ormai puntando alla candidatura alle Olimpiadi della città di Roma, e proprio recentemente abbiamo avuto dimostrazione della bravura dei nostri atleti con la vittoria 2-0 nel match Italia vs Belgio nel al Campionato Europeo di calcio” Racconta il console.

    “La pallacanestro è uno sport bellissimo, uno sport di squadra, e gli sport di squadra sono molto importanti per capire come dipendere dagli altri ed imparare a relazionarsi. Questo viaggio in Italia sarà un importante passo avanti nella vostra formazione, vorrei organizzare un altro meeting al vostro ritorno per raccogliere le vostre impressioni. Una bellissima iniziativa che il Consolato Generale Italiano di New York supporta in pieno”

    Parole entusiaste anche da parte di Mico Delianuova Licastro che accompagnerà i ragazzi in Italia:

    “L’idea è venuta in seguito alla visita del sindaco di Grassano a New York e poi della visita del sindaco De Blasio a Grassano; a noi interessa proporre alle nostre comunità scambi con l’Italia, abbiamo quindi pensato di farlo con lo sport, e c’hanno suggerito di andare in questa occasione dove partecipano squadre di pallacanestro da tutte le parti del mondo. È la prima volta che una delegazione americana vi partecipa. Questi ragazzi sono la metà della squadra, l’altra metà sarà composta da ragazzi di Grassano, una squadra italiana-americana. Altra cosa simpatica sarà che i ragazzi vestiranno per metà delle gare la nostra divisa americana, e per l’altra metà la divisa di Grassano. Vivranno tutti insieme nello stesso posto, faranno amicizia con le famiglie locali, e gireranno anche, avranno l’opportunità di fare i turisti. Il nostro obiettivo è creare convivialità e socializzazione per promuovere i valori dello sport internazionale: stare insieme, rispettarsi, rispettare le regole”.

    Dopo il saluto del console un momento per immortalare questa speciale giornata per i con foto della squadra al completo accompagnata dai genitori, i nonni, il console Genuardi e Licastro. A finire una buona merenda ed un rinfresco per tutti gli ospiti.

    In bocca al lupo e buon viaggio a questi giovani atleti del futuro per la loro avventura italiana.

     

  • Life & People

    Ciao Summer! Ciao Furla 5th Avenue!

    From June 9-11, the new Furla flagship boutique in its prime, prestigious location on 5th Avenue, sparkled with the vibrant, effervescent colors of Italian summer, held a three days special event celebrating the upcoming season in true Italian style.  

    Costumers were welcomed and greeted with exquisite flutes of personalized Italian prosecco and a banquet of original sweet treats prepared in the colors of the Italian flag, made for the occasion by a luxury bakery.  

    Compositions of green, white and red candies and pastries, along with bouquets of popcorn, caught the eye of shoppers as soon as they stepped into the store, and were invited to have a splash of refreshing prosecco and choose their own favorite selection of candies that they could take home in cute, little take-out boxes.  

    Also, the Furla clients had a 10% OFF discount on sale items. A fresh and original idea that thrilled Furla’s affectionate clientele and brought once again under the spotlight this new boutique that broke into the American market with the enduring style, grace and innovation of a brand which represents decades of authentic Italian tradition.  

    Feminine and smart, classy but modern, the Furla brand embodies all the Italian fashion principles of quality, durability and design. Captivating beauty, authentic craftsmanship and the constant search of new technology in simple shapes, saturated colors and rich textures.  

    Furla 5th avenue reflects the youthful exuberance of the stylish brand with its vivid colors, coated in LED screens, minimal lines and pastel tones that effectively embraces the items and make them shine - a pure pleasure for the eyes.  

    You are invested by an energetic and electrifying vibe when you step into the boutique; the vivacious energy and the warmth of the retail team is infectious, young and dynamic; its kindness is only comparable with the precision and the attention for detail with which the different accessories are exposed and presented to the clients.  

    After its records and achievements all over the world – Furla currently exports to 71 countries - and after its recent breakthrough on the oriental market, specifically Japan, the Italian luxury company was waiting for the perfect place to maximize the brand’s footprint in the U.S. market. 5th avenue, one of the most fashionable, glamorous, and best shopping street in the world couldn’t be a more natural choice.  

    For the special occasion of this opening, the long lasting tradition of the Italian artisanal haut couture maison – founded by the Furlanetto family in Bologna in 1927 – met New York City’s signature iconic elements in the limited edition “Fifth Avenue” collection of bags, small leather goods and accessories featuring unique details like abstract skylines, graffiti letters and cartoon apples.  

    The famous “Metropolis Furla bag” found a new metropolis to accompany its style with the fizzy, fast-paced day of the New York woman. Not only targeting women, the brand new men’s collection is taking hold very quickly as well. Not just New Yorkers are enjoying the experience.  5th avenue dresses the entire world, and the tourists are made like family by the Furla team for the constant shopping regularity and the affectionate sense of belonging.  

    As Furla’s new artistic director, Fabio Fusi, underlines, the idea of the Furla’s woman didn’t change, it’s just evolving according to the modern times. She is still a busy, intelligent, working girl, curious and acculturated, fascinated by art, but she is also outgoing, fun, ironical, glamorous, and a party girl. That’s why her accessories have to be functional and durable, easy to wear but also light, fresh, trendy and beautiful for her fun times, something she truly desires to have and chooses from a variety of many different options.  

    The new upcoming collection incorporates updated patterns and embellishments with new modern lines inspired by contemporary art, which has always been a source of inspiration for the Furla’s designers. The connection between Furla and visual arts is very consistent - the Furla Art Prize, which has been running for 15 years, has discovered some of the most interesting talents of our times.

    Tradition and modernity is a dichotomy that runs into the DNA of the brand and the new collection reflects this trend.

    Furla’s global best seller, the Metropolis bag – a miniature cross-body that comes in a range of attractive colors, prints and materials, becoming a full lifestyle brand; is now available in a combination of new rich, fresh colors and metallics.

    “The Capriccio” shoulder bag, with its deconstructed trapezoid shape, is now interpreted in a luxurious fur model with striking blue and black stripes. The new winter ‘it bag’ will be “The Club” – a shoulder bag in soft calfskin and ponyskin, two straps make it extremely versatile, with the wide guitar providing comfort in the daytime, while the slimmer strap adorned with metallic details makes for a smooth transition to a glamorous night out in the town.  

    Irresistible is also Furla’s famous collection of bear bags, bear charms, and the funny, colorful “Candy bag”, another trendy best seller that showcases all the originality, irony, wit and just that hint of artistic foolishness with which the brand makes a difference in the world of top luxury accessorizing.  

    Unstoppable, always trying to find new creative ideas to wow its clientele, the Furla 5th Avenue team is already promoting a new big event for the 4th of July, and it’s going to be another sparkling occasion for all the lovers of fashion, fun and pure class.

  • Arte e Cultura

    Open Roads: le nuove strade narrative del cinema Italiano

    Il programma di quest’anno è stato particolarmente ricco e variegato, sintomatico di una rinnovata vivacità del grande cinema italiano che si presenta oggi oltralpe con tutto il peso specifico del suo glorioso passato rinvigorito dalla potenza visiva dei nuovi talenti emergenti che stanno aprendo nuove strade narrative per interpretare l’Italia di oggi in tutte le sue contraddizioni.

     

    Il festival è stato organizzato da Istituto Luce – Cinecittà e Lincoln Center in associazione con l’Istituto di Cultura Italiana di New York, L’Italian Trade Commision e Casa Italiana Zerrilli Marimò. La selezione dei film è stata fatta e pensata dai direttori artistici Dennis Lim e Dan Sullivan della prestigiosissima Film Society e da Carla Cattani, Griselda Guerrasio e Monique Catalino dell’Istituto Luce Cinecittà.

    L’accoglienza del pubblico newyorchese è stata entusiasta e calorosa; molti gli spettatori che hanno assistito alle proiezioni e che hanno anche seguito la delegazione delle stelle del cinema italiano approdate a New York per l’occasione. Tanti sono stati infatti gli eventi di presentazione della rassegna che si sono tenuti in città nei giorni  vicino al compleanno dell’Italia, 2 Giugno – Festa della Repubblica.  Un momento importante dunque per celebrare il nostro paese con tutte le sue meraviglie artistiche e culturali.

    Il 3 Giungo, presso l’elegante ristorante Il Gattopardo, si è svolto l’ormai tradizionale luncheon che ha visto quest’anno protagonisti personalità come i registi Claudio Cuppellini, Edoardo Maria Falcone, Gabriele Mainetti, Vincenzo Marra, Laura Morante, Maria Sole Tognazzi e Adriano Valerio; l’attrice Ondina Quadri, il produttore Mario Gianani, il guru del cinema italiano a New York Antonio Monda, Giorgio Van Straten, direttore dell’Istituto di Cultura Italiana di New York, (organizzatore del pranzo), e il Console Generale d’Italia a New York Francesco Genuardi.

    Tra gli aspetti interessanti di quest’anno spicca sicuramente la presenza delle due registe femminili, Morante e Sole Tognazzi, insieme ad una proposta cinematografica che attraverso una pluralità di generi e di scelte estetiche, ci riporta una nitida fotografia a colori dell’Italia di oggi.

    Un’Italia che ricerca i suoi supereroi tra la gente comune (Lo chiamavano Jeeg, di Gabriele Mainetti), un’Italia che non ha più pudore di raccontare l’amore in tutte le sue libere sfumature (Io&Lei, di Maria Sole Tognazzi), che si confronta con il suo Vaticano (L’esercito più piccolo del mondo, di Gianfranco Pannone; Chiamatemi Francesco – Il Papa della gente, di Daniele Lucchetti), che non ha paura di confrontarsi con la sua multiculturalità (I ricordi del fiume, dei fratelli Serio), che rimane la patria della poesia e di una dolceamara autoironia, (Assolo, di Laura Morante) ed un’Italia che non dimentica il suo passato; non è infatti mancato il dovuto omaggio al maestro Ettore Scola, scomparso di recente. con la proiezione di Brutti, sporchi e cattivi.

    Questa nuova primavera della settima arte italiana sta rinnovando l’interesse non solo dell’audience ma anche delle distribuzioni cinematografiche americane, notoriamente restie a portare in sala titoli stranieri ed in particolare italiani. 

    Ben 5 dei 15 film proposti quest’anno hanno distributori americani quali Film Movement, Uncork’d Entertainment e Wolfe Releasing, ed hanno avuto la loro premiere nordamericana proprio ad Open Roads.

    “Sono molto soddisfatto”, afferma Antonio Monda, intervistato durante il luncheon.

    “Quest’anno si è posto l’accento su un aspetto che mi è sempre stato molto caro: la varietà di genere. Melodrammi, film d’azione, anche un film che combina, mirabilmente, il tema del super eroe con la criminalità organizzata, sto parlando ovviamente di Lo chiamavano Jeeg di Gabriele Mainetti”.

    La diversità di genere è stato notata e sottolineata anche da Giorgio Van Straten: “La selezione di quest’anno non è basata sui nomi ma sui film, e questa non è una cosa scontata, e mostra il fatto che la cinematografia italiana ha diverse articolazioni e diversi modi di narrare.”

    L’Italia si afferma ancora come una Grande Potenza culturale, “siamo molto orgogliosi di presentare il nuovo cinema italiano con Open Roads. Il cinema italiano non è solo Fellini o gli altri grandi miti, adesso abbiamo nuovi talenti emergenti”. Afferma entusiasta il console Francesco Genuardi.

    Altro importante incontro con la delegazione dei talenti di Open Roads è stato poi il round-table che si è tenuto presso la Casa Italiana Zerrilli Marimò il 4 Giugno, dove sono stati proiettati tutti i trailers dei film proposti, al seguito dei quali si è aperto un interessante dibattito e Q&A con i registi e gli attori moderato dal professore, cattedra di Letteratura Italiana Contemporanea -NYU, David Forgacs.

    Questi i protagonisti del panel:

    Claudio Cuppellini (regista, The Begginners)
    Gianluca and Massimiliano De Serio (regista, River Memories)
    Edoardo Falcone (regista, God Willing)
    Ondina Quadri (regista, Arianna)
    Carlo Lavagna (regista, Arianna)
    Gabriele Mainetti (regista, They Call Me Jeeg)
    Vincenzo Marra (regista, Firs Light)
    Laura Morante (regista, Solo; attrice, God Willing)
    Gianfranco Pannone (regista, The World’s Smallest Army)
    Maria Sole Tognazzi (regista, Me, Myself and Her)
    Adriano Valerio (regista, Banat)
    Gianni Zanasi (regista, The Complexity of Happiness)

    I registi hanno avuto la possibilità di raccontare la genesi dei loro film, i dietro le quinte delle produzioni, la loro idea estetica e le loro scelte narrative.

    Particolarmente interessante il racconto della produzione del documentario di Gianfranco Pannone, L’armata più piccola del mondo, che narra la storia di Renè, uno studente di teologia che decide di arruolarsi nelle Guardi Svizzere Pontificie. Pannone ha raccontato la difficoltà di puntare delle telecamere sotto la pelle della vita quotidiana di queste giovani guardie svizzere, è stato necessario munirsi di pazienza, tempo e delicatezza, ecco perché ci sono voluti quasi nove mesi per completare il girato.

    Un'altra coppia di documentaristi, i fratelli gemelli Gianluca e Massimiliano De Serio, hanno poi raccontato la perigliosa gestazione del loro documentario, I ricordi del fiume. I registi hanno seguito la vita dei tre milioni di Rom di diverse nazionalità che vivono tra immondizia, sporcizia e topi in baracche di metallo e legna sugli argini del fiume Stura, Torino. Piano piano la comunità si è aperta ai due cineasti ma c’è voluto tempo per vincere la loro fiducia ed abbattere le barriere culturali e linguistiche che li dividevano.

    La nuova star del cinema italiano è sicuramente Gabriele Mainetti, fresco delle 16 nomination ottenute ai David di Donatello 2016 e delle 7 statuette vinte, tra cui quella per il miglior regista esordiente, per il suo Lo chiamavano Jeeg, e delle altrettante 7 nomination collezionate ai Nastri d’Argento 2016. Sicuramente la proposta più eclettica non solo dell’ultima stagione cinematografica italiana ma anche di questa edizione di Open Roads.

    Il film ha già iniziato a raccogliere larghi consensi anche a livello internazionale con il suo originale pastiche di generi che declina il classico super-hero movie con una caratterizzazione regionalistica, trasportando il super eroe nella periferia romana e raccontandone il disagio.

    “Ho provato a giocare con il genere ancorandolo alla situazione disagiata della periferia romana. Il mio distributore aveva forti dubbi sul successo del film non solo internazionalmente ma anche nel nord Italia, proprio a causa di questa particolarità regionalistica”. Racconta Mainetti.

    “La discriminazione la viviamo ancora in primo luogo in Italia tra nord e sud. Con nostra grande sorpresa invece non abbiamo avuto nessuna difficoltà a piazzare il film nelle sale cinematografiche del nord, ed ha avuto un grande successo anche in una città come Milano. Penso che questo sia dovuto al fatto che il mio film in fondo racconta una storia universale, la storia di un uomo che non crede in se stesso e di una donna che lo aiuta a trovare il coraggio di guardarsi dentro. La prima idea per Jeeg, l’abbiamo avuta io e il mio sceneggiatore Nicola Quaglioni quando lui mi suggerì di fare un film basandolo sulla serie manga giapponese Lupin III. Io gli ho detto sì, ma famolo romano, il più romano possibile. Quando uno sa interpretare in maniera oggettiva e vera il proprio microcosmo, questo rimbalza immediatamente nel macrocosmo”.

    Per il regista romano il rapporto ed il confronto con il macrocosmo americano è altrettanto importante: “è molto importante per me che il film abbia successo qui, come vedo che già sta accadendo. Gli States mi sono molto cari, mia sorella vive qui, io ho frequentato un trimestre ad NYU, e mi sono laureato in cinema americano. Mia nonna tra l’altro viveva in New Jersey prima di essere costretta a tornare in Italia. Mio padre mi ha cresciuto facendomi vedere a ripetizione i film di Indiana Jones e di Monicelli. Questa è la mia formazione che ho cercato di riportare nella mia scelta di genere, è un genere tutto mio”.

    Film di genere, tematiche sociali importanti e controverse, documentari sul filo della tradizione neorealista italiana, queste le nuove strade aperte del cinema italiano, un cinema che continua a non aver paura di pedinare il reale del proprio paese e di trasformarlo in visiva poesia.

    Qui di seguito il programma completo dei film proiettati.

    ALASKA di Claudio Cuppellini
    ARIANNA di Carlo Lavagna
    ASSOLO di Laura Morante
    BANAT - IL VIAGGIO di Adriano Valerio
    BRUTTI, SPORCHI E CATTIVI di Ettore Scola
    CHIAMATEMI FRANCESCO - IL PAPA DELLA GENTE di Daniele Luchetti
    LA FELICITÀ È UN SISTEMA COMPLESSO di Gianni Zanasi
    IO E LEI di Maria Sole Tognazzi
    L'ESERCITO PIÙ PICCOLO DEL MONDO di Gianfranco Pannone
    LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT di Gabriele Mainetti
    NON ESSERE CATTIVO di Claudio Caligari
    LA PRIMA LUCE di Vincenzo Marra
    I RICORDI DEL FIUME di Gianluca De Serio, Massimiliano De Serio
    SE DIO VUOLE di Edoardo Falcone
    VIVA INGRID! di Alessandro Rossellini
    VIVA LA SPOSA di Ascanio Celestini

  • Arte e Cultura

    Jazz, Sicilia e vita in musica per Francesco Cafiso

    6 Giugno – L’Istituto Italiano di Cultura di New York ha ospitato nella sua serie di concerti jazz il sassofonista siciliano Francesco Cafiso, prodigio e stella del jazz contemporaneo.

    È stata un’occasione unica poter ascoltare dal vivo uno dei più grandi talenti del jazz contemporaneo, il sassofonista (contralto) di origine siciliana Francesco Cafiso, prodotto e presentato dal guru del jazz newyorchese Enzo Capua come uno dei bambini prodigio della storia della musica.

    Il suo Francesco Cafiso QuartetConcert, composto da Domenico Sanna al piano, Marco Panascia al basso e Jerome Jennings alla batteria, ha incantato la platea dell’Istituto Italiano di Cultura regalando suggestive atmosfere musicali, tra rivisitazioni di pezzi classici e composizioni inedite, in un superbo connubio tra virtuosismo ed appassionante trasporto interpretativo.

    L’artista siciliano non è di certo nuovo al pubblico americano, con cui si è già confrontato dall’età di tredici anni dopo l’incontro provvidenziale con Wynton Marsalis. Il grande trombettista jazz lo ha portato in concerto al Linconln Center oltre che al Birdland, Iridium, Dizzy’s Club Coca Cola, BB King jazz club di New York e in vari festival importanti tra cui l’Umbria Jazz Festival.

    Il sassofonista ha avuto anche il grande onore di essere tra gli ospiti musicali di uno dei momenti più importanti della storia americana degli ultimi anni, i festeggiamenti in onore del presidente Barack Obama e del Martin Luther King Day.

    Frizzanti momenti di disimpegno musicale si sono alternati ad arie più morbide e sensuali, evocative degli struggenti, viscerali scenari della sua Sicilia dalla quale prende dichiaratamente la sua grande ispirazione artistica.

    Pezzi come La Banda e la Festa, richiamano il folklore delle feste di paese siciliane, con tutto il loro incalzante ritmo sospeso tra sacro e profano. Il pubblico è meravigliato, divertito, commosso e cullato da una musica che sa cogliere tra i suoi chiaroscuri, tra gli alti, i bassi, i soprani e i contralti, tutte le sfumature delle passioni umane. Applausi e standing ovation per la sua musica trasparente, che trasuda qualcosa di puro, di immediato, seppur ricamata tra i fraseggi del virtuosismo tecnico. Un virtuosismo agile, che vola, complessità tecnica che si fa leggerezza. 

    Aperto e comunicativo è anche il musicista quando racconta la genesi dei suoi pezzi, scherza con il suo pubblico, fa autoironia, e si ferma a parlare con noi.

    Come e quando nasce la tua passione per la musica?

    È nata a 7 anni in modo molto spontaneo, ho semplicemente espresso il desiderio di imparare a suonare il sassofono e mio padre me ne ha subito comprato uno. La presenza di mio padre è stata fondamentale, mi ha sempre supportato, siamo andati insieme alla ricerca di un maestro, un jazzista che mi ha indirizzato verso questo genere musicale, e da lì è partito tutto.

    Qual è il tuo rapporto con la città di New York? New York è un posto pazzesco, un grande laboratorio dove hai la possibilità di avere tanti stimoli, confrontarti con una scena di musicisti ricchissima. Tutti devono prima o poi venire qui, e godere di tutto quello che questa città offre perché è veramente tanto. Io sono qui da un mese e mezzo, ho visto mediamente due o tre concerti a sera, ho girato per ascoltare tutta la musica che c’è qui, una tappa fondamentale per un artista. Ho anche registrato tre album qualche hanno fa e poi l’ultimo che fa parte di un trittico suonato con la London City Orchestra.

    Quanto della tua Sicilia porti dentro la tua musica? La mia sicilianità, le mie radici, il mio retaggio culturale me li porto dentro ed emerge anche dalla musica in modo del tutto naturale e spontaneo. Questo è un momento molto fertile per me dal punto di vista compositivo, ho scritto tantissimi brani che sono confluiti in tre repertori distinti e separati che poi ho registrato. Uno dei dischi è proprio interamente legato alla Sicilia, alcuni brani che ho suonato stasera sono tratti da lì. Un progetto ambizioso, tre dischi in un unico cofanetto, tre tessere di un puzzle che formano la mia identità artistica; uno dedicato alla Sicilia - La Banda - uno dedicato al mio senso di spiritualità, la mia concezione intima della vita trasferita in musica –Contemplation - ed un altro più jazz sia da un punto di vista estetico che formale – 20 cents per Note

    L’album di Francesco Cafiso, 3 (Alfredo Lo Faro Produzioni), contenente i CD Contemplation – La banda – 20 cents per Note è uscito il 3 Marzo 2015.

Pages